L’Italia scongela i fondi libici

A
A
A

Lunedì l’ad di Eni Scaroni andrà a Bengasi per firmare un accordo sul petrolio

di Redazione25 agosto 2011 | 14:06

L’Italia è disponibile a scongelare gli asset detenuti dallo Stato libico in società italiane. Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi al termine dell’incontro con il primo ministro del Consiglio nazionale transitorio libico Mahmud Jibril. Berlusconi ha spiegato che “è già stata scongelata una prima tranche da 350 milioni” detenuta nelle banche.
La priorità, adesso, è il ritiro delle armi oggi nelle strade delle città libiche, oltre che l’erogazione dei servizi principali per i civili. Jibril ha chiesto all’Italia “di continuare a svolgere un ruolo importante prendendosi cura dei civili e soddisfandone le esigenze: il nostro nuovo governo non ha i fondi necessari per farlo da solo”. Lunedì intanto il numero uno di Eni Paolo Scaroni partirà per Bengasi per siglare un accordo di fornitura incrociata: alla Libia benzina e gasolio, a noi, non appena riprenderà la produzione, il petrolio.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs Wm vede all’orizzonte una correzione per l’euro

Ambrosetti, a Cernobbio il Forum fa il tagliando all’economia

Le criticità dei mercati alla prova dell’intelligenza del rischio

Peters: “La prossima crisi sarà devastante”

Successo di gruppo

Credit Suisse e Lbs scoprono chi ha reso di più come azioni e bond dal 1900 a oggi

Goldman Sachs AM, ecco i tre principali rischi sui mercati

Consultinvest: regola numero uno, guardare ai fondamentali

Schroders: la debolezza dei mercati dovuta al sentiment degli investitori

La volatilità: cos’è davvero e come funziona

Padoan e Lombardo al Salone del Risparmio: strada della ripresa ancora lunga

L’ondata di vendite? Colpa degli umori

Mercati, state sereni: ci penserà mamma Fed

Insider&mercati, l’outlook globale rimane positivo

Olli Rehn a BLUERATING: “ci aspettiamo che l’Italia continui così anche dopo le elezioni”

Investire sulle aziende che comunicano apertamente conviene

La Francia rischia di diventare il nuovo malato d’Europa

Decisioni d’investimento, assicurative e previdenziali

Democratici e Repubblicani divisi sul fiscal cliff

Stimoli monetari in grado di compensare i bassi utili

Il trading online, dallo Sputnik al World Wide Web (1930-1999)

Titolo da monitorare StMicroElectronics

Titolo da monitorare Fiat Industrial

Titolo da monitorare Banca Monte dei Paschi di Siena

Arriva Bluerating, la grande fuga da Banca Network

Titolo da monitorare Eni

Titolo da monitorare Snam

Titolo a monitorare Ubi Banca

Cipro è il quinto Paese a chiedere gli aiuti all’Europa

La Germania: l’altra faccia della locomotiva d’Europa

Lse: il direttore finanziario si dimette

Giappone rivede al rialzo le stime di crescita

Fitch: sforbiciata di tre gradini alla Spagna

Ti può anche interessare

Blueindex: corre Gam, cade Legg Mason

GAM DAVANTI A TUTTI – Gam Holding, Old Mutual e Banco Bpm sono state ieri le tre sole componen ...

Blueindex: in attesa di una soluzione per Bpvi e Veneto Banca i titoli bancari calano

GAM HOLDING E LEGG MASON IN TESTA AL BLUEINDEX – Testa a testa ai vertici della classifica gio ...

Cambio della guardia ai vertici di Vanguard, come reagirà il mercato?

ATTENTI A VANGUARD – Se la storia è maestra, gli investitori dovrebbero stare attenti a cosa ...