L’Oracolo – Pensionati e mazzati

A
A
A
di Matteo Chiamenti28 giugno 2011 | 16:12

La pensione, un obiettivo idealizzato per la maggior parte dei lavoratori smaronati. Immaginarsi ad agosto in canotta e bermuda, liberi di girovagare senza meta con la sola ansia di non doversi perdere l’ultima partita della squadra del cuore, (sempre che non si tratti del gentil sesso, tipicamente condannato a imperituro impegno, che sia in ufficio o in casa) rende bene l’appeal dello stesso. Un obiettivo che si sta però sempre più trasformando in angoscioso miraggio per la next generation lavorativa; l’ipotesi di ritrovarsi a 85 anni in giacca e cravatta, con però annesso pannolone antiperdite munito di logo aziendale è quanto mai un incubo dal sapore apocalittico.

C’è una cosa però che rende il tutto ancora più amaro; è il sapere che, una volta andati in pensione, presumibilmente non al top della nostra baldanza fisica, lo saremo ancora meno sul piano economico; per dirla in parole povere, è molto probabile che la pensione, più che un premio, si riveli una condanna, specie sul piano monetario. A dirlo non è l’Oracolo, bensì i dati diffusi recentemente dall’Istat, che mostrano circa 8 milioni di pensionati con un assegno inferiore ai 1000 euro al mese (la soglia di povertà prevista dall’istituto è di 999,67 euro al mese in una famiglia di due componenti, sotto la quale, per l’appunto, si è comunemente valutati “poveri”)

Secondo le statistiche, riprese dai principali quotidiani finanziari, circa 3,6 milioni di lavoratori a riposo (pari al 21,4% del totale) percepiscono una o più prestazioni pensionistiche per un importo complessivo inferiore a 500 euro al mese ed altri 4,7 milioni (il 27,7% del totale) ricevono assegni compresi tra i 500 e i 1.000 euro, il tutto condito da circa un 30% di “baby” pensionati con meno di 64 anni.

Un importo decisamente misero che, al netto delle imposte, risulta essere “inferiore del 15% rispetto a Francia, Spagna e Germania, paesi dove non esiste tassazione sulle pensioni, mentre in Gran Bretagna la pressione fiscale è minima e di circa l’1,6%” come ha commentato Carlo Rienzi, presidente del Codacons. Insomma, ancora una volta le famiglie italiane zoppicano.

La realtà vuole che ci sia poco da fare, urge, ed è davvero il caso di dirlo, una concreta presa di coscienza del problema previdenziale (non è un caso che qualche giorno fa sia arrivato il via libera al pensionamento dopo i 65 per le lavoratrici del settore pubblico, a partire dal 2012), con derivante attenzione alle opportunità (sarebbe meglio definirle inevitabili) offerte dalla complementare. Certo, fa specie che siano sempre i soliti a “pagare”, nel vero senso della parola, tanto più quando si sente che, stando a un rapporto dell’Abi , da non confondersi con “l’Associazione Biblica Italiana“, (anche se entrambe si occupano di organismi con finalità di lucro), tra febbraio e aprile 2010 le banche operative sul territorio italiano hanno sospeso mutui per 2,3 miliardi di euro ad oltre 15.000 famiglie, il tutto con un sistema bancario che trasuda liquidità e utili ( Utile Unicredit 2009: 1,7 miliardi di euro; Utile Unicredit 2008: 4 miliardi di euro; Utile Intesa Sanpaolo 2009: 2,8 miliardi di euro; Utile Intesa Sanpaolo 2008: 2,55 miliardi di euro, giusto per citare due gruppetti qualunque). Ma si sa, questo non è un paese per vecchi.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Anche i fondi pensione vogliono i Pir

Anche il fondo pensione norvegese ha approfittato del rally di Wall Street

Sempre più italiani si informano online sui piani pensionistici individuali

La Norvegia investirà in Gran Bretagna anche dopo voto su Brexit

Fondi pensione e gestori non sono ancora pronti per il blockchain

Atlante vorrebbe sostenere le banche, ma non afferra Cometa

Hdi Azione di Previdenza Linea Dinamica torna a salire

Cina, i fondi pensione pronti a investire sulle borse locali

Il datore di lavoro non versa il Tfr? Interviene il fondo di garanzia

State Street: cosa sta succedendo alla governance dei fondi pensione

Unipol Insieme comparto Valore riesce a difendersi

Ottobre porta una svolta positiva per Zed Omnifund – Linea Azionaria

I fondi pensione canadese sono tentati dalla leva

Eurorisparmio Azionario Internazionale chiude ottobre in ripresa

Fondi pensione: più competenze finanziarie per nuovi investimenti

Creditras Unicredit Linea Dinamica prova ad arrotondare i guadagni

Un agosto positivo per Previsuisse Linea Garanzia

Luglio fa recuperare terreno a Popolare Vita Comparto Popolare Mix A

L’espansione di Secondapensione rallenta in luglio

Unipol Insieme Comparto Valore sfiora +50% in tre anni

Luglio inizia bene per La Previdenza linea internazionale

Helvetia Domani linea azionaria ha beneficiato dei mercati rialzisti

Maggio porta bene a Mediolanum Previgest Fund Comparto Azionario

Unipol Insieme Comparto Valore continua nella sua salita

Unipol Previdenza prosegue a passo spedito

Aprile fa bene alla performance di Credit Agricole Vita comparto Ticino

Cardif Vita Fondo 75 chiude il primo trimestre in buon rialzo

Axa Mps Previdenza Per Te prosegue la sua corsa

Amundi fa correre la seconda pensione

Prosegue l’espansione di Secondapensione

Zurich Contribution fa festa a inizio anno

Pioneer Futuro consolida i guadagni

Taro B chiude il 2014 con un rialzo a due cifre

Ti può anche interessare

Carmignac: attenti a Donald Trump, è un rigoroso neo mercantilista

TRUMP NEO-MERCANTILISTA – Il programma economico di Donald Trump non è né incoerente né imp ...

La matricola sostenuta da Azimut fa il botto in borsa

Pharmanutra, società sostenuta da un fondo chiuso promosso dal gruppo fondato da Pietro Giuliani, ...

Banca Carige tira il fiato, attende indicazioni su esuberi

CARIGE PERDE QUOTA – Banca Carige in calo del 2,5% circa a metà giornata a Piazza Affari, col ...