Borse Usa in ripresa

A
A
A

La grande notizia che ci arriva dalla giornata di ieri riguarda le borse americane, che dopo aver toccato dei livelli di minimo davvero importanti, hanno rimbalzato chiudendo in territorio positivo e dando una buona prova di forza…

di Redazione5 ottobre 2011 | 07:17

La grande notizia che ci arriva dalla giornata di ieri riguarda le borse americane, che dopo aver toccato dei livelli di minimo davvero importanti, hanno rimbalzato chiudendo in territorio positivo e dando una buona prova di forza, a differenza di quanto successo in Asia ed in Europa. Se diamo uno sguardo ai grafici degli indici americani, vediamo come 10.500 sia da considerare come livello di supporto per il Dow Jones, 2.000 per il Nasdaq e 1.075 per lo S&P, livelli che se rotti aprirebbero la strada verso i minimi del 2010, ma che per ora sembrano poter tenere.

Questo buon risultato è stato ottenuto grazie ai rumor secondo i quali i ministri finanziari europei stanno lavorando per ricapitalizzare il sistema bancario europeo e dopo che Bernanke, nel suo discorso al Campidoglio, ha ribadito che la Federal Reserve farà tutto ciò che si ritiene necessario per poter far fronte a questo pericolo di recessione, nel caso in  cui ce ne fosse effettivamente bisogno. Secondo il governatore della banca centrale, è a causa di una miscela di fattori temporanei che la ripresa è compromessa, ma al contempo non si vedono rischi di una recessione.

Il mercato del lavoro continuerà a far fatica a ripartire, anche a causa dei tagli effettuati dal governo, che è stato chiamato in causa dal numero uno della Fed, il quale ha richiesto maggior cooperazione politica di fronte a qualcosa che con la politica non si può governare. Il dollaro in tutto questo sta facendo la parte della valuta di riferimento e a dire il vero siamo contenti di vedere che il mercato, ora che non esistono certezze su nessun fronte, si affidi al biglietto verde, memore della storia e del fatto che esso rappresente, a livello pratico, l’unica “unione monetaria” che ha funzionato nel tempo.

Nel Vecchio Continente invece, ci arrivano cattive notizie da Moodys, che ha declassato il rating dell’Italia da Aa2 ad A2, decisione attesa da molti analisti  e anche dal presidente del consiglio, il quale ha dichiarato che lo scorso 17 settembre la stessa agenzia aveva fatto sapere che entro un mese avrebbe terminato la revisione dello stato dell’arte delle finanze del Bel Paese. Come se non bastasse, l’outlook è negativo e tutto ciò non promette nulla di buono.

Passiamo ad osservare ora un po’ di grafici, iniziando dall’eurodollaro che ieri ci ha fornito un’ennesima conferma di quanto la ricerca della semplicità paghi. Facciamo, infatti, riferimento al test di ieri in serata del livello atteso come resistenza utile per il cambio, 1.3370: questo livello sino a qualche ora prima (con la conferma della settimana scorsa) si era rivelato un interessante supporto ed una volta avvenuta la rottura è stato molto utile come resistenza per individuare un’inversione. Ora le prossime ore si trovano davanti una tendenza stabilmente negativa con un punto di inversione a 1.3370, appunto, ed un obiettivo ribassista per il momento lontano posizionato a 1.3150 prima e 1.3050 successivamente.

È ancora molto evidente la lateralità che sta vivendo il cambio UsdJpy. Osservando il grafico con candele a 4 ore possiamo continuamente seguire l’evoluzione di quella bandiera che ci tiene compagnia da giorni: ancora una volta troviamo molto interessante il livello di resistenza dinamica al di sopra di 77 (77.30 per le prossime ore) così come il supporto dinamico a 76.60. Data la natura della figura dovrebbe essere da preferire una rottura verso il basso di questa figura che dura davvero da parecchio. Se fosse verso il basso i 70 pips esatti di obiettivo ci riportano al minimo storico di 75.90 con tutto ciò che questo comporterebbe. Dal cambio EurJpy sono giunti dei livelli meno precisi. Per l’immediato infatti consideriamo la trendline ribassista che transita a 103.20 per le prossime ore. Ferma restando questa evidente tendenza a ribasso non possiamo che continuamente pensare a 100 come obiettivo finale.

Ancora una volta, ieri, il cable ha stupito per la precisione mostrata. Per la seconda volta, a distanza di una decina di giorni, infatti abbiamo osservato i prezzi appoggiarsi al più importante livello di supporto degli ultimi 14 mesi, area 1.5330, e rimbalzare di parecchi punti. Una grande precisione che potrebbe anche porre le basi di un’inversione di lungo periodo di quella che, sino ad ora, è palesemente una tendenza ribassista che trova in 1.5550 la resistenza dinamica e in 1.52 figura il supporto finale. Il cambio UsdChf prosegue il proprio percorso verso 0.9330, interrotto per la verità ieri da un massimo a 0.9260. Oltre al supporto di 0.8925, ora lontano, troviamo un livello più nel breve suggerito a 0.9150 da diversi fattori. Coincide infatti con il minimo visto ieri, con il massimo di settimana scorsa e si trova dove transita la media di breve su grafico con candele a 4 ore.La profonda salita dell’eurofranco di ieri, ha portato ad un aumento di 100 pips in poche ore. La novità di questo movimento è stata seguita da una mancata lateralizzazione dei prezzi, come invece era stato mostrato successivamente ai precedenti strappi. 1.2290 rappresenta il primo livello di resistenza a cui guardare.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

La crisi turca non vede segnali di miglioramento

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

Ti può anche interessare

Atlantia lancia Opas da 16,34 miliardi su Abertis e vola in borsa

OPAS DI ATLANTIA SU ABERTIS DA 16,34 MILIARDI – Atlantia in rialzo dopo le prime battute a Pia ...

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

LA CRISI HA TRIPLICATO I POVERI IN ITALIA – Quando l’Italia ha attraversato la sua più dura ...

Cfo Sim diventa Nomad sull’Aim

La società specializzata nelle attività di family office accompagnerà anche le piccole e medie im ...