Martedì col fiato corto per Mediolanum e le altre

A
A
A

Commento alle performance del BlueIndex del 4 ottobre 2011. Intanto, a Piazza Affari…

Maria Paulucci di Maria Paulucci5 ottobre 2011 | 13:26

Piazza Affari in positivo, a metà pomeriggio di mercoledì 5 ottobre, dopo la bocciatura dell’agenzia di rating Moody’s, che ha abbassato il giudizio sull’affidabilità dell’Italia di tre punti, da AA2 A2, con prospettive negative anche se la possibilità di un default del Paese “è remota”.

Il Ftse Mib alle 15.00 di mercoledì 5 ottobre guadagna il 2,6%, con Mediolanum che è tra i cinque titoli migliori, avanzando di oltre quattro punti percentuali.

In attesa della chiusura, il BlueIndex offre un resoconto sulla chiusura dei 40 titoli quotati sui listini mondiali che lo compongono.

I 40 titoli appartengono a banche e istituzioni finanziarie. Tra queste Azimut, Banca Generali e Mediolanum. Ovvero, le tre società del risparmio gestito quotate a Milano. Martedì 4 ottobre, i tre titoli hanno chiuso in territorio negativo, con Azimut che ha fatto peggio di tutti: -6,04%. Per Mediolanum la perdita è stata di poco inferiore: -4,45%. Rosso anche il bilancio fi fine giornata di Banca Generali: -1,31%.

Giù, sempre martedì, il comparto bancario a Piazza Affari. A livello europeo crollo per Dexia (-22,46%). “Stiamo lavorando a una soluzione solida, strutturata, per la banca”, ha detto mercoledì 5 ottobre il ministro dell’Economia francese Francois Baroin. Nei giorni scorsi è venuto fuori che la banca franco-belga – nazionalizzata nel 2008 a seguito del crac Lehman e in possesso di oltre 20 miliardi di euro di bond dei Pigs – è di fatto in crisi di liquidità.

Martedì debole Axa (-6,88%), che però ha confermato gli obiettivi al 2015.

Altrove ha fatto bene Janus Capital, che giovedì annuncerà i risultati del terzo trimestre: martedì 4 ha chiuso con un +6,22%. Acquisti anche su Citigroup (+5,54%) e Bank of NY Mellon (+6,21%). Ottima performance, sempre martedì, per Morgan Stanley (+12,35%), nonostante le voci insistenti su un possibile default.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Azimut, alleanza in Medio Oriente

Azimut, l’estero fa bene al business

Azimut, è caccia grossa a 150 bancari “affluent”

Azimut, acquisizione in Iran

Azimut, BlackRock scende di nuovo sotto il 5%

Azimut CM festeggia il primo compleanno con 80 cf in più

Azimut Wealth Management sopra la soglia dei 10 miliardi

Lanzoni entra nella squadra di Azimut Wm a Genova

Azimut varca la soglia dei 4 miliardi

Azimut fa ancora shopping in Australia

Azimut, nuovo colpo in Australia

Personal branding: Azimut ti prende per mano

Investire sull’economia reale è un bene

Azimut festeggia il via libera dal Brasile

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

Azimut punta forte sul private equity

Blueindex: è tempo di trimestrali ma occhio al dollaro

Azimut, utile quasi raddoppiato

Acquisizione di Aletti Gestielle? Ecco la risposta di Azimut

Giuliani (Azimut): “Qualcuno specula contro di noi”

Azimut, Timone Fiduciaria supera il 15%

Anche Azimut lancia i suoi Pir

La matricola sostenuta da Azimut fa il botto in borsa

Blueindex: la Yellen dà la carica ai titoli del risparmio gestito

Sbarca a Piazza Affari l’azienda sostenuta da Azimut

Azimut, la raccolta vola con la Svizzera

Azimut, manager e azionisti fanno (di nuovo) scorta di azioni

Azimut, BlackRock sotto il 5%

Azimut, un altro colpaccio in Svizzera

Macquarie avvia copertura su Azimut: “Outperform”

Azimut non è in vendita

Azimut, raccolta alla grande

Azimut scommette su se stessa

Ti può anche interessare

Doris rafforza la cassaforte

La holding Fin.Prog.Italia accantona l’utile di 43,7 milioni. E spuntano titoli Mediobanca. ...

Elezioni francesi, evitato il peggio per i mercati

NIENTE DA FARE PER FILLON E MELENCHON – Nessuna sorpresa dalle elezioni francesi, che come pre ...

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

Secondo gli esperti di Amundi sono banche e politica i due freni maggiori alla crescita del Pil ital ...