Wall Street, Apple perde quota dopo la trimestrale

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi3 maggio 2017 | 16:20

APPLE CALA VERSO I 145 DOLLARI – Inizio di giornata sottotono a Wall Street, dove dopo una mezzora di scambi gli indici perdono attorno allo 0,1%-0,2% ma col Nasdaq già a -0,42%. A pesare negativamente è il titolo Apple, in calo dell’1,5% a 145,33 dollari dopo aver diffuso una trimestrale (e previsioni per il trimestre in corso) che ha complessivamente deluso le attese degli analisti, nonostante l’utile per azione sia salito a 2,1 dollari (contro i 2,02 dollari attesi in media dal mercato) e il margine di profitto lordo al 38,9% (il consensus si attendeva un 38,7%) grazie all’incremento dei prezzi di vendita.

RALLENTANO LE VENDITE DI IPHONE – In particolare la casa della mela ha segnato a sorpresa un calo delle vendite di iPhone nel suo secondo trimestre fiscale (50,76 milioni contro i 51,19 milioni venduti nei precedenti tre mesi e contro attese di consenso pari a 52,27 milioni), cosa che sembra indicare come i clienti stiano attendendo ad acquistare un nuovo smartphone in previsione del lancio, atteso a settembre, dell’edizione per il decimo anniversario del più importante prodotto di Cupertino.

AUMENTANO BUY-BLACK E DIVIDENDI – Apple, sotto pressione da parte dei propri azionisti circa l’utilizzo degli oltre 250 miliardi di dollari di liquidità, ha inoltre aumentato di 35 miliardi il proprio programma di riacquisto azioni e alzato del 10,5% il proprio dividendo trimestrale, per un totale di 50 miliardi di dollari di capitali re-distribuiti ai propri azionisti. La società ora prevede per il trimestre corrente di registrare un fatturato di 43,5-45,5 miliardi contro i 45,6 miliardi attesi dal consensus degli analisti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

L’iPhone day fa correre Stmicroelectronics a Milano

Da Apple bonus multimilionario a Tim Cook

La giornata a New York: occhio a Apple, GM, Ford e le banche

Ti può anche interessare

Forex e cfd, sanzione per servizi di trading online abusivi

Consob ha ripreso il Sig. Amots Zvik e la Yamix Marketing (UK) Ltd ...

Titoli petroliferi: non è ancora il caso di indulgere nell’ottimismo

PETROLIO, SALE PRODUZIONE USA E LIBIA – Ulteriore debolezza in vista per il petrolio: il numer ...

Rataran studia il futuro dell’asset management nell’era del Fintech

L'appuntamento è per il 29 giugno: nell'incontro, che si svolgerà a partire dalle 9 a Palazzo Mezz ...