Rete in città: chi vince all’ombra della Mole conquista tutta la regione

A
A
A

La “torinesità” sale nelle piccole strutture. Tra le big c’è FinecoBank

di Redazione30 novembre 2011 | 08:32

Sarà stata la presenza della “famiglia regnante” italiana per antonomasia, gli Agnelli, sarà stata quella di un ricco ceto borghese che da attività industriali e commerciali ha saputo costituire importanti patrimoni familiari, oppure la presenza di una borghesia ricca di professionisti benestanti, dirigenti, piccoli imprenditori. Sta di fatto che chi vince a Torino (dove risultano risiedere oltre la metà dei promotori piemontesi attivi) ha probabilmente la probabilità di vincere la sfida sull’intero Piemonte. Così non stupisce che se alle prime 10 reti fa capo oltre il 73% dei promotori piemontesi, ossia 2.561 professionisti, la maggior parte di questi (1.556 persone, poco meno del 61% del totale) risulti risiedere proprio nel capoluogo di regione. La percentuale di “torinesità” sale nelle piccole strutture, fino a toccare in alcuni casi il 100%: tra le “big” è FinecoBank, col 71% dei propri uomini residenti in provincia di Torino, che sembra voler recuperare la distanza dai concorrenti facenti capo al gruppo Intesa Sanpaolo concentrando il maggior numero di uomini nel capoluogo.

Tra le sigle di “medio calibro” (almeno in regione) tassi tra il 69% e il 73% di “torinesità” vengono registrati da Banca Reale, Montepaschi, Banca Sai. Scendendo ancora di classifica, sono Alto Adige Banca (27esima in classifica con 9 torinesi su 13 uomini in Piemonte), Ubs (ventottesima, 8 su 11), Ersel (trentesima, 6 su 8), Banca Prossima (32esima, 6 su 7) e Banca Leonardo (34esima, 5 su 7) a far oscillare le percentuali tra il 69% e l’85%. Una scelta “tutta torinese” è invece quella di Groupama (al 33esimo posto con 6 uomini su 6), Pictet e Cellino e Associati (35esimi pari merito, 5 uomini su 5 per entrambe), Esperia (39esima, 4 su 4), BankNord (46esima, 3 su 3), Kairos Partner e Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo (51esime pari merito, 2 uomini su 2). Nomi in molti casi specializzati nell’offerta di servizi di private banking piuttosto che di corporate e investment banking che potrebbero preferire operare quanto più vicini possibili ai propri clienti di alto profilo. O che dovendo aprire una sola sede in tutta la regione optano per Torino per la maggiore visibilità ottenibile rispetto ad altre cittadine. In pochi fanno una scelta opposta e quasi sempre si tratta di strutture legate a istituti di credito popolare o rurale. In tutto comunque su ben 65 diverse sigle che hanno conferito il proprio mandato a promotori finanziari piemontesi, ben 56 lo hanno fatto nei confronti di professionisti residenti nel capoluogo: piantare una bandierina nell’ex capitale d’Italia sembra dunque essere un elemento importante per la stragrande maggioranza degli operatori attivi in Piemonte.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crediti problematici, Intesa Sanpaolo, Unicredit, KKR e M&A al lavoro

Credem, per i lettori i progetti non bastano

Mps, quale sarebbe il partner ideale? Parlano i lettori

Mps è da nazionalizzare? I pareri dei lettori si dividono

Il web va bene ma il vostro pf è meglio. Parlano i lettori

Posta del pf: tecnologia effimera o vera innovazione?

La trasparenza è l’unica arma per tutelare il risparmio

Posta del pf: Moody’s taglia il rating italiano, che fare?

Posta del promotore: la dimensione non è tutto, ma aiuta

La raccolta è l’unica stella polare del pf?

Con la crisi gli italiani riscoprono il risparmio

Posta del pf, la mediazione creditizia val bene una messa

Posta del pf: Barclays fa cassa, Bankia chiede aiuto

Posta del pf, colleghi che sbagliano

Posta del pf: supermanager, guadagni e polemiche

Posta del pf, tutti i problemi del cambiar casacca

Posta del pf, non è solo Ennio Doris a rinunciare al doppio incarico

Posta del pf, Hypo Tirol Bank rinuncia alla licenza bancaria in Italia

Posta del pf, lavoro e sogni son cose diverse

Posta del pf: analista finanziario, un mestiere difficile

Posta del pf, Renminbi Opportunities incuriosisce un lettore

Posta del pf: Bilancio in chiaroscuro per Mediolanum

Posta del pf: Allianz, commenti critici o pura invidia?

Posta del pf, non accenna a spegnersi il dibattito intorno al nome di Marco Riva

Posta del pf: Marco Riva divide la platea

Posta del pf: Duemme sgr, innesco di una nuova partita di risiko?

Posta del pf, collocamento e consulenza possono convivere

Posta del pf, commissioni bancarie, gli animi si scaldano

Posta del pf: Mps vuole ridurre il costo del personale, tira aria di esuberi

Posta del pf, i numeri di Poste Italiane? Hanno un turbo nascosto

Posta del pf, onestà e trasparenza per il rilancio della professione

Posta del pf, sui numeri delle reti c’è sempre chi si dice perplesso

Posta del pf, i numeri ci dicono qualcosa, ma non tutto

Ti può anche interessare

Blueindex: il rimbalzo dei finanziari fa volare Natixis, Barclays e Deutsche Bank

NATIXIS, BARCLAYS E DEUTSCHE BANK DAVANTI A TUTTI – Natixis, Barclays Bank e Deutsche Bank apr ...

Blueindex: Credit Agricole torna in testa in una giornata positiva per i bancari europei

CREDIT AGRICOLE SI FA’ VEDERE – Credit Agricole ieri è tornato a mettersi in luce sul Bluei ...

Widiba offre ai clienti Apple Pay

Questo nuovo servizio per dispositivi mobili permetterà ai nostri clienti di pagare, in maniera sem ...