Koesterich (iShares), ecco perché investire sui Paesi “CASSH”

A
A
A

Il Global Chief Investment Strategist di iShares sostiene che Canada, Australia, Singapore, Svizzera e Hong Kong presentino un valore nascosto

di Redazione30 novembre 2011 | 11:51

Vi è un crescente consenso tra gli investitori che i mercati sviluppati siano bloccati una fase di crescita lenta, caratterizzata da un debito eccessivo, deficit strutturali, elevata disoccupazione e dinamiche demografiche in deterioramento. Tale situazione è certamente calzante per Europa e Giappone, mentre discutibile per gli Stati Uniti. Tuttavia, non tutti i mercati sviluppati rientrano in questo purgatorio di crescita lenta. E’ lo scenario presentato da Russ Koesterich, Global Chief Investment Strategist di iShares, che nel suo nuovo report di mercato analizza le ragioni per investire nei Paesi CASSH: Canada, Australia, Singapore, Svizzera e Hong Kong che, a suo dire, presentano un valore nascosto.

“È interessante notare che tra le economie sviluppate quelle minori dimensioni appaiono più sane. Infatti, molti di questi Paesi sono meno gravati da debiti pubblici e deficit strutturali e, per la maggior parte, godono di migliori prospettive di crescita. In particolare, riteniamo che i CASSH – acronimo che si riferisce congiuntamente a Canada, Australia, Singapore, Svizzera e Hong Kong – appaiono fondamentalmente più forti della maggior parte dei grandi Paesi sviluppati”.

“Nonostante migliori prospettive di crescita e inferiori livelli di indebitamento non siano garanzie per rendimenti maggiori, i buoni fondamentali suggeriscono che questi mercati dovrebbero avere valutazioni superiori rispetto alle loro controparti più grandi. Questa visione è ulteriormente supportata dal fatto che la maggior parte delle economie sviluppate minori, o CASSH, presentano anche contengono anche settori aziendali che sono, in media, almeno redditizi quanto quelli degli Stati Uniti, Europa e Giappone. Crediamo però che questi fattori positivi non siano completamente riflessi nelle valutazioni azionarie domestiche. Ciò suggerisce che si possa delineare un’opportunità di investimento per coloro disponibili a sovrappesare Paesi sviluppati, ma di dimensioni minori”.

Un sovrappeso di questi mercati, conclude l’esperto, “può anche essere giustificato dalle loro valute. Infatti, gli squilibri macro dei Paesi maggiori potrebbero anche sfociare nel lungo termine in un deprezzamento del dollaro, euro e yen. Riteniamo che la maggior parte di questi Paesi, e Canada e Singapore in particolare, siano ben posizionati per beneficiare di questa situazione, e che possono fornire un’ulteriore diversificazione per gli investitori”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

BlackRock: utili in crescita, boom per gli asset

iShares, ecco l’Etf a misura di Pir

Etf, la corsa continua anche nel secondo trimestre

Megatrend e Mifid 2, si chiude a Bari il tour di iShares

iShares studia un Etf per il mondo cattolico

Classifiche Bluerating: iShares/BlackRock in testa tra i fondi azionari tematici – investimenti sostenibili (Europa)

Classifiche Bluerating: iShares/BlackRock in testa tra i fondi a azionari Europa Orientale

BlackRock, 219 fondi che perdono

Olson (iShares): “Futuro roseo per gli etf obbligazionari”

Vanguard, una poltrona per due

Il Premio dei Premi per l’innovazione assegnato a Invest Banca e Widiba

iShares, Arca e Bper lanciano la polizza per la clientela private

Marchioni (iShares): “Scenari positivi per l’oro”

Etf Asset Allocation Awards, ecco i vincitori

Fondi a basso costo, Bellingeri: “Parlare di minaccia è anacronistico”

Classifiche Bluerating: iShares primo sugli Azionari immobiliare Europa

Marchioni (iShares): “Gli etf sono adatti alle strategie post-Brexit”

iShares, al via collaborazione con Cassa di Risparmio di Cento

Il nuovo etf iShares fa paura

Benvenuti nell’era dello Smart Investing

iShares rinnova la convenzione Commissioni Zero con Poste Italiane

Saxo Bank e iShares puntano sugli investimenti digitali

iShares, flussi per 130 miliardi di dollari nel 2015

iShares, accordi strategici con banche e reti

Classifiche BLUERATING: ecco i migliori fondi che investono nel Regno Unito

Classifiche BLUERATING, Janus e iShares al top tra i fondi azionari sul settore immobiliare

Risalgono le quotazioni di iShares Global Clean Energy

iShares, un 2012 record per gli exchange traded product

Etf, essere passivi è una scelta

Otto mesi di crescita

Una crescita sana e continua

Sfatiamo i miti

Etf, iShares si rafforza sull’Euro Stoxx

Ti può anche interessare

Blue Financial Communication: il fatturato cresce del 70% nel 2016

Il fatturato è di 2,935 milioni di euro, l'EBITDA è di 267.357 euro (pari al 9,1%) e l'utile è di ...

Carmignac: attenti a Donald Trump, è un rigoroso neo mercantilista

TRUMP NEO-MERCANTILISTA – Il programma economico di Donald Trump non è né incoerente né imp ...

La Bank of England non usa toni da “falco”, lima le stime su Pil e paghe

BANK OF ENGLAND, TUTTO COME PREVISTO – Altro che toni da “falchi”. Con una maggioranza di ...