Troppa adrenalina a volte storpia

A
A
A

La tendenza a esporsi cambia anche a seconda della situazione in cui si è

di Paolo Buro20 gennaio 2012 | 09:18

Il concetto di rischio si presta a diverse definizioni e interpretazioni, a seconda dell’ambito al quale è applicato. Qualche volta definizioni e interpretazioni possono essere diverse anche dentro lo stesso ambito. Ciò avviene anche in finanza, dove il concetto di rischio si presta a varie interpretazioni, a seconda che sia valutato attraverso gli occhi di un gestore, di un intermediario, di un consulente o di un cliente. A causa delle differenze di punti d’osservazione e di significato, si possono generare profondi malintesi nella relazione tra le parti. In questo articolo affrontiamo il rischio dal punto di vista del cliente, evidenziando come viene percepito e valutato. Si tratta di un argomento complesso, e per affrontarlo in maniera completa dobbiamo scomporlo in due macroaree costituite rispettivamente dagli aspetti oggettivi e da quelli soggettivi.

Si tratta di due aspetti ben distinti e indipendenti, la cui generalizzazione può comportare, come dicevamo, errori di valutazione. Le macroaree vengono individuate attraverso due caratteristiche. Capacità di assumere rischio La capacità di assumere rischio è un parametro di tipo oggettivo ed esprime la quantità di rischio che un individuo è in grado di assumere in base al suo patrimonio presente e a quello potenziale ottenibile in futuro, oltre ovviamente alla capacità di reddito e al livello di variabilità dei redditi personali. La quantità di rischio che oggettivamente può essere assunta da un individuo può essere pertanto valutata in maniera oggettiva, in base a parametri legati alla sua condizione economica e patrimoniale.

Per quanto possa apparire ovvio, la capacità di assumere rischio di un individuo è pari alla perdita massima che lo stesso può sopportare (in genere, è una perdita che non intacca in maniera irreparabile il suo tenore di vita e il suo patrimonio), in funzione anche della sua capacità di reddito. L’entità di tale parametro deve essere stimata attraverso la rilevazione e la quantificazione delle risorse a disposizione dell’individuo. Tolleranza al rischio La tolleranza al rischio rappresenta la parte soggettiva della percezione del rischio, ed è pertanto direttamente collegata al carattere della persona.

Si tratta di un costrutto psicologico che esprime il tipo e il livello di emotività con cui il soggetto affronta le situazioni che comportano rischio finanziario e in quanto tale è una grandezza non definibile quantitativamente in maniera diretta. Un costrutto è concetto astratto non direttamente misurabile, ma individuabile solo attraverso l’osservazione di indizi. L’intelligenza costituisce un esempio elementare di costrutto. Si fornisce una definizione teorica e poi si decide come renderla osservabile (per esempio, nei test del quoziente intellettivo è il numero di prove superate). C’è quindi una differenza fondamentale tra una grandezza fisica e una grandezza psicologica. La grandezza fisica è misurabile oggettivamente, non è soggetta a differenti interpretazioni al variare del quadro di riferimento, mentre una grandezza psicologica è influenzabile da diversi fattori esterni.

La misurazione è complessa. Non si può ottenere una risposta completa ed esaustiva chiedendo, ad esempio, “quale è la tua tolleranza al rischio?”, come avviene di frequente negli strumenti predisposti di supporto utilizzati per delineare il profilo degli individui. Per misurare un costrutto bisogna prima definirlo in modo chiaro e inequivocabile. La disponibilità ad assumere rischi finanziari, da un punto di vista soggettivo, può dipendere da diversi fattori soggettivi. Per esempio, il carattere dell’investitore e la sua capacità di affrontare situazioni di tensione emotiva, oltre che il giudizio sulle esperienze precedenti, il suo livello di cultura finanziaria, la contingenza del momento economico e la fiducia nel sistema economico e finanziario. Queste variabili non sono necessariamente correlate tra loro, quindi è necessario svolgere un’indagine mirata e approfondita, volta a portare in evidenza il contributo di ciascuna di esse al quadro generale. Le decisioni economiche sono determinate da modelli mentali influenzati dalle esperienze, dalle credenze, dal contesto e dal modo in cui si presenta l’informazione. Le preferenze si modificano in base al contesto nel quale il soggetto si trova a scegliere. La conseguenza è che la “coerenza” è impossibile da immaginare in tutti i contesti.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Non tutto il bond vien per nuocere

Il problema dell’euro? È la leva

Se il promotore si comporta male

Ti può anche interessare

Ubi Banca: Massiah si accorda con la Bce per rilevare le good bank

Il numero uno di Ubi Banca, Victor Massiah, avrebbe trovato un accordo di massima con la Bce per ril ...

Blueindex: Banca Generali riconquista la fiducia degli investitori

Banca Generali torna a mettersi in luce sul Blueindex grazie all’impressione positiva data dal top ...

Luxottica soffre il profit warning di Essilor, Italia Independent Group corre grazie a Lapo

Moda: lo scenario resta fragile per il settore dell’occhialeria. Lo conferma il profit warning di ...