Rete in città, gli umbri amano i fondi e i bond

A
A
A

Le famiglie si sono spostate dai conti correnti ai titoli di Stato e non solo

di Redazione31 gennaio 2012 | 10:55

La Banca d’Italia fa scattare l’allarme: nell’economia umbra, i segnali di ripresa che erano emersi alla fine del 2010 si sono progressivamente affievoliti nel 2011. Nell’industria, in particolare, al recupero degli ordini e della produzione nel primo semestre del 2011 ha fatto seguito un marcato rallentamento nei mesi successivi.E le prospettive appaiono improntate a una elevata incertezza. Sui piani degli imprenditori per i prossimi mesi pesano “in misura significativa” le recenti turbolenze dei mercati finanziari, così in presenza di una capacità produttiva ancora sottoutilizzata, gli investimenti hanno ristagnato e il contenuto recupero dell’occupazione è stato circoscritto ai contratti di lavoro a tempo determinato.

Se l’industria non pare in gran forma, il settore dell’edilizia (che fin dall’inizio della crisi ha risentito in misura particolarmente intensa della debolezza congiunturale) sta anche peggio, con un peggioramento delle condizioni che ha riguardato soprattutto il comparto residenziale, colpito contemporaneamente da un aumento del ricorso alla cassa integrazione e da un calo degli occupati. Nei servizi, il commercio ha risentito dell’andamento negativo della distribuzione tradizionale (Unioncamere segnala che il saldo tra la quota di imprese che ha registrato un aumento delle vendite nel primo semestre e quella di chi ha notato un calo è negativo per circa dieci punti percentuali), mentre i flussi turistici, pur restando inferiori ai livelli precedenti la crisi, sono aumentati.

L’espansione dei prestiti è stata rallentata dall’andamento dei finanziamenti alle famiglie, “soprattutto da parte dei primi cinque gruppi bancari nazionali”, il cui credito concesso ha continuato a crescere a ritmi inferiori nel confronto con le altre banche (+1,9% a fine giugno, contro il +6,5% delle altre banche). In presenza di una domanda ancora debole e finalizzata prevalentemente alla ristrutturazione delle posizioni in essere, sottolinea Bankitalia, le banche “hanno reso più selettive le condizioni di accesso al credito, intervenendo soprattutto sui costi”.

Parallelamente si è accentuato il deterioramento della qualità del credito, specialmente al comparto produttivo, ed è proseguito il calo dei depositi bancari delle famiglie (- 2,3% medio per l’intera regione) e con una significativa riduzione delle consistenze dei conti correnti (-4% a giugno su base annua) “anche in relazione alla loro bassa remunerazione”. Le prime informazioni disponibili sull’andamento a fine agosto segnalano un’ulteriore riduzione dei depositi delle famiglie (-2,5%) e una ripresa di quelli delle imprese (+2,9%). Le altre forme di investimento delle famiglie hanno in compenso fatto registrare una crescita del 5,2%, “riconducibile alla dinamica dei titoli di Stato italiani e delle quote di fondi comuni (Oicr)”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crediti problematici, Intesa Sanpaolo, Unicredit, KKR e M&A al lavoro

Credem, per i lettori i progetti non bastano

Mps, quale sarebbe il partner ideale? Parlano i lettori

Mps è da nazionalizzare? I pareri dei lettori si dividono

Il web va bene ma il vostro pf è meglio. Parlano i lettori

Posta del pf: tecnologia effimera o vera innovazione?

La trasparenza è l’unica arma per tutelare il risparmio

Posta del pf: Moody’s taglia il rating italiano, che fare?

Posta del promotore: la dimensione non è tutto, ma aiuta

La raccolta è l’unica stella polare del pf?

Con la crisi gli italiani riscoprono il risparmio

Posta del pf, la mediazione creditizia val bene una messa

Posta del pf: Barclays fa cassa, Bankia chiede aiuto

Posta del pf, colleghi che sbagliano

Posta del pf: supermanager, guadagni e polemiche

Posta del pf, tutti i problemi del cambiar casacca

Posta del pf, non è solo Ennio Doris a rinunciare al doppio incarico

Posta del pf, Hypo Tirol Bank rinuncia alla licenza bancaria in Italia

Posta del pf, lavoro e sogni son cose diverse

Posta del pf: analista finanziario, un mestiere difficile

Posta del pf, Renminbi Opportunities incuriosisce un lettore

Posta del pf: Bilancio in chiaroscuro per Mediolanum

Posta del pf: Allianz, commenti critici o pura invidia?

Posta del pf, non accenna a spegnersi il dibattito intorno al nome di Marco Riva

Posta del pf: Marco Riva divide la platea

Posta del pf: Duemme sgr, innesco di una nuova partita di risiko?

Posta del pf, collocamento e consulenza possono convivere

Posta del pf, commissioni bancarie, gli animi si scaldano

Posta del pf: Mps vuole ridurre il costo del personale, tira aria di esuberi

Posta del pf, i numeri di Poste Italiane? Hanno un turbo nascosto

Posta del pf, onestà e trasparenza per il rilancio della professione

Posta del pf, sui numeri delle reti c’è sempre chi si dice perplesso

Posta del pf, i numeri ci dicono qualcosa, ma non tutto

Ti può anche interessare

Lvmh: preconsuntivo trimestrale batte le attese, il lusso sta riaccelerando

LVMH SORPRENDE GLI ANALISTI – I risultati preliminari del primo trimestre di Lvmh mettono di b ...

Piazza Affari in rosso, pesano le troppe incertezze sul comparto bancario

BANCARI INCERTI – Giunta al giro di boa di una seduta partita sottotono, Piazza Affari continu ...

Satispay, Credimi, Moneyfarm e altre fintech finiscono in Parlamento

Il Fintech sarà protagonista della prossima riapertura del Parlamento dopo la pausa estiva. Le azie ...