Ubi Banca, sono in arrivo novità importanti per i crediti deteriorati

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi17 maggio 2017 | 12:04

UBI SOFFRE LA GIORNATA NO DI PIAZZA AFFARI – Ubi Banca in deciso calo, in una mattinata che vede tornare a prevalere le vendite su tutto il listino italiano tra i timori legati al “Russiagate” esploso negli Stati Uniti e la debolezza di titoli come Fiat Chrysler Automobiles al centro di voci su possibili nuove inchieste a livello Ue per lo scandalo delle emissioni diesel “truccate”. Quanto all’istituto guidato da Victor Massiah, tiene banco la notizia che la banca avrebbe indicato alla Bce l’intenzione di ridurre l’ammontare di “Non performing loan” (Npl, crediti deteriorati) di 2,7 miliardi entro il 2021.

NPL: MASSIAH VUOLE RIDURLI DI 2,7 MILIARDI – L’obiettivo di Massiah è di ridurre gli Npl dai 12,5 miliardi registrati a fine 2016 a 9,8 miliardi e abbattere la relativa incidenza sul totale dei crediti dal 14,4% attuale al 10,4%, facendo leva principalmente sulla gestione interna degli Npl stessi, creando un team ad essa specificamente dedicato che si occuperà anche della gestione preventiva rinegoziando le condizioni di finanziamento di quei crediti che hanno una più elevata possibilità di trasformarsi in Npl nel futuro.

GESTIONE INTERNA PREFERITA A CARTOLARIZZAZIONE – Per gestione delle sole inadempienza probabili verrebbe creata parallelamente una specifica business unit, mentre è già stata costituita una società immobiliare, la Re.O.Co., che sviluperà una gestione “proattiva” dei collaterali  immobiliari. Soltanto nel caso di Npl afferenti a portafogli di piccolo taglio e a specifici crediti garantiti da immobili commerciali, si procederebbe con la cessione tramite cartolarizzazione. Infine, per quanto riguarda l’aumento di capitale da 400 milioni, la banca punterebbe a dare il via all’operazione entro la prima metà di giugno.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

Npl sotto i riflettori: Visco bacchetta, Mediocredito Fvg si muove

Atlante II compra 2,2 miliardi di Npl lordi da tre good bank per 515 milioni

Mps: un modello di business da rivedere nel credito alle imprese

Banco Popular Espanol vuole accelerare pulizia di bilancio

Nuovi vincoli in arrivo per le banche europee

La strategia di Bper per i crediti problematici e deteriorati piace al mercato

Good bank, slitta il termine di presentazione delle offerte

Renzi: vicina intesa con Ue, il numero delle banche deve calare

Eurogruppo ed Ecofin a consulto sulla crisi bancaria europea

Banca Ifis continua a comprare portafogli Npl

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

Banca Sistema sottotono dopo acquisizione Beta Stepstone

Banche italiane, il governo studia un piano di aiuti post Brexit

Mps si scalda in scia a voci su avvio asta per piattaforma Npl

Da cessione banche risolte si otterrà meno del previsto

Visco (Bankitalia): piu’ fusioni e taglio dei costi, ridurre le sofferenze

Bce: i rischi per il settore finanziario europeo non stanno calando, anzi

Fmi: come gestire la crisi del credito bancario italiano

Intesa Sanpaolo cede pro soluto portafogli crediti “in bonis”

Mps, mercato scommette su buona riuscita cessione Npl

CrowdFundMe integra piattaforma e nuove procedure di pagamento

KKR annuncia: Pillarstone sbarca in Grecia (e cresce in Italia)

Bridge bank: le offerte arrivano ma dall’estero

Lombard Odier: Bce intende rendere costoso detenere liquidità

Visco (Bankitalia): in Italia c’è un problema di educazione finanziaria

Bpvi, fissata la forchetta per l’aumento: 0,1-3 euro

Padoan: riformare e rafforzare banche non è questione solo di Npl

S&P’s: Atlante porta benefici a breve, ma chi partecipa rischia a lungo

Atlante vorrebbe sostenere le banche, ma non afferra Cometa

Bernstein: altro che 5 miliardi, per eliminare sofferenze serve ben altro

Ti può anche interessare

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

DOLLARO IN RIPRESA – Il dollaro recupera finalmente terreno, con l’euro che scivola a 1, ...

Londra: anche Jp Morgan e Lloyd’s pronte al trasloco causa Brexit

LONDRA, ALTRI DUE DIRANNO ADDIO – Altri due grandi gruppi finanziari si preparano a lasciare L ...

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

PREZZI TROPPO ALTI SPAVENTANO INVESTITORI – Sapete cos’è che spaventa maggiormente i gr ...