Grecia: per Standard & Poor’s è default parziale

A
A
A

L’agenzia di rating statunitense ha declassato ancora il rating sui titoli a breve e lungo termine del Paese ellenico, portandoli a…

di Redazione28 febbraio 2012 | 09:10

A un passo dal default vero e proprio. Ieri a mercati chiusi è arrivata un’altra doccia fredda per la Grecia che si è vista ancora declassata da Standard & Poor’s. L’agenzia di rating statunitense ha infatto abbassato il giudizio di Atene portandolo a SD, cioè default selettivo, o parziale. E il downgrade ha interessato sia i titoli a lungo termine che quelli a breve, rispettivamente da CC e C a SD, spiegando che la decisione è legata al fatto che “sono venute meno le garanzie su alcune obbligazioni”.

La decisione arriva a tre giorni dal lancio dell’operazione di swap (o scambio) dei titoli greci, a cui sono chiamati i creditori privati dopo il difficile accordo raggiunto una settimana fa.

Ma Atene getta acqua sul fuoco: “Il nuovo taglio del rating era atteso e tutte le sue conseguenze sono state anticipate grazie alle decisioni prese dal Consiglio europeo e dall’ Eurogruppo, Dello stesso avviso il presidente dell’Eurogruppo Jean Claude Juncker che ha preso atto della decisione ampiamente scontata, sottolineando di aspettarsi una forte partecipazione dei creditori privati all’operazione di cancellazione del debito pubblico, lanciata venerdì scorso.  Si tratta comunque di un downgrade, quello di S&P, che porta per la prima volta un Paese dell’eurozona a subire un tale rating. E che segue quello già deciso, nei giorni scorsi, da un’altra agenzia di rating, Fitch, che la scorsa settimana aveva ribassato Atene, portandone il voto a C da CCC. Intanto, sempre S&P ha anche rivisto anche in negativo l’outlook del Fondo salva-Stati, l’ Efsf. Una decisione che riflette l’outlook negativo di Francia e Austria.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

IWBank, un private da premio

Fineco campione del digital banking ai FintechAge Awards

Consob e la macchina delle sanzioni

Ecco il menù di Bnp Paribas a ITForum 2018

Consulenza finanziaria in semplicità

Le nuove regole dei servizi d’investimento, facciamo il punto

Consob day: rivivi il discorso di Mario Nava

La parcella fa parlare i consulenti indipendenti

Morgan Stanley IM: Panta rei, dal cambiamento del clima d’investimento al cambiamento dirompente

Assoreti, Molesini presidente

L’eleganza ad alta temperatura

Multilife, quando i valori non hanno età

ITForum 2018, tutto pronto per il grande evento

Le basi di una previdenza sostenibile

Consulenti, 10 consigli per costruire una leadership perfetta

WisdomTree, CoCome ti innovo l’obbligazionario

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Invesco investe sui consulenti

I due driver della consulenza finanziaria

C’è un Plus nella produzione di Fineco

Una mattonata in arrivo sui Pir

Il gestore che non teme il populismo (ma altro) in Italia

Un fondo per gestire le sterzate del mercato

Consulente: non pensare al gessato, scegli di essere umano

Investimenti, preparatevi all’inflazione giapponese

Banca IMI, un cocktail d’autore a Rimini

Assoreti, Colafrancesco lascia

Consulenti, un webinar per conoscere i certificati

Fuori le obbligazioni dal bail in, la mossa di Eba ed Esma

Miti e leggende delle criptovalute

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

Banca Euromobiliare, poker di cf nell’area di Bisi

Ti può anche interessare

Addio all’Albo per un ex Fineco

Arriva la radiazione da parte di Consob per il sig. Romolo Franzoni ...

L’altro volto dei finanziamenti (e degli investimenti)

Iside spiega come rapportarsi con il mondo dei finanziamenti e degli investimenti alternativi ...

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

A FINE MESE UN PRIMO ASSAGGIO – Agosto in piena attività per Rev, bad bank dove sono confluit ...