Banche in crisi: per le ex popolari venete servono più capitali privati

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi19 maggio 2017 | 11:27

ANCORA PROBLEMI PER LE EX POPOLARI VENETE – Banche in crisi: i problemi sembrano non finire per le due ex banche popolari venete (BpVi e Veneto Banca), controllate per poco meno del 100% dal fondo Atlante, che hanno chiesto, come Mps, l’intervento dello stato attraverso un’operazione di ricapitalizzazione precauzionale per poter varare la quale occorre un via libera da Bruxelles che continua a non arrivare. Secondo quanto riferisce la stampa italiana, la Commissione Ue avrebbe anzi chiesto di alzare il contributo dei privati al salvataggio di un altro miliardo di euro.

CHI METTERA’ I CAPITALI PRIVATI? – Ma poiché il fondo Atlante, che di recente ha rilevato 2,2 miliardi di euro di Npl delle tre ex “good bank” acquisite da Ubi Banca pagandoli il 32,5% del valore lordo di libro (ossia 715 milioni, di cui 200 di finanziamento e fino a 515 milioni di mezzi propri), ha finito le risorse, a pagare il conto potrebbero essere nuovamente le banche “sane” di maggiori dimensioni, in assenza di qualsivoglia investitore interessato a venire in soccorso. Solo dopo l’arrivo di capitali freschi privati, potrà quindi partire la ricapitalizzazione precauzionale.

DEVE CAMBIARE IL MODO DI FAR BANCA IN ITALIA – Un’operazione prevista dalla legge “salva risparmio” con cui lo stato italiano ha stanziato fondi per complessivi 20 miliardi (ma di questi almeno 6,6 miliardi dovrebbero essere iniettati in Mps, a fronte di 2,2 milioni di oneri addossati agli investitori istituzionali privati). A mancare non sono dunque i capitali, quanto la volontà (soprattutto privata) di investirli: per come viene svolta ora in Italia con istituti stretti tra la continua crescita dei crediti deteriorati e l’evoluzione “disruptive” promossa dalla fintech, l’attività bancaria continui infatti ad essere troppo poco redditizia e troppo rischiosa per attrarre investitori. Le banche italiane, popolari e non, saranno in grado di cambiare o dovranno rassegnarsi a un ruolo sempre più marginale?

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn2Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Blueindex: in attesa di una soluzione per Bpvi e Veneto Banca i titoli bancari calano

Intesa Sanpaolo sale in Borsa, pronta a comprare asset da Bpvi e Veneto Banca

Piazza Affari: oggi occhio a Intesa Sanpaolo e Banca Carige

Moody’s lima i rating delle banche australiane

Blueindex: a tener banco è sempre la crisi bancaria italiana

Piazza Affari: occhio alle banche

Aumento Banco Santander, la lista dei potenziali collocatori si allunga

Attica Bank pronta a dimezzare la sua esposizione ai crediti deteriorati

Unicredit e Intesa Sanpaolo prudenti dopo nuove voci su salvataggio banche venete

Banco Popular, per Single Resolution Board non c’erano alternative al bail in

Ti può anche interessare

Oro, si raffredda la domanda

RALLENTA LA CORSA ALL’ORO – La domanda di oro nel secondo trimestre del 2017 è calata d ...

Peugeot corre dopo acquisto Opel-Vauxhall

PEUGEOT SUI MASSIMI A 12 MESI – Peugeot in rialzo del 4% sul listino di Parigi appena sotto i ...

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Lira turca sui livelli di febbraio 2015. Per i trader i tassi sono destinati a risalire, ma il presi ...