Banche in crisi: per le ex popolari venete servono più capitali privati

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi19 maggio 2017 | 11:27

ANCORA PROBLEMI PER LE EX POPOLARI VENETE – Banche in crisi: i problemi sembrano non finire per le due ex banche popolari venete (BpVi e Veneto Banca), controllate per poco meno del 100% dal fondo Atlante, che hanno chiesto, come Mps, l’intervento dello stato attraverso un’operazione di ricapitalizzazione precauzionale per poter varare la quale occorre un via libera da Bruxelles che continua a non arrivare. Secondo quanto riferisce la stampa italiana, la Commissione Ue avrebbe anzi chiesto di alzare il contributo dei privati al salvataggio di un altro miliardo di euro.

CHI METTERA’ I CAPITALI PRIVATI? – Ma poiché il fondo Atlante, che di recente ha rilevato 2,2 miliardi di euro di Npl delle tre ex “good bank” acquisite da Ubi Banca pagandoli il 32,5% del valore lordo di libro (ossia 715 milioni, di cui 200 di finanziamento e fino a 515 milioni di mezzi propri), ha finito le risorse, a pagare il conto potrebbero essere nuovamente le banche “sane” di maggiori dimensioni, in assenza di qualsivoglia investitore interessato a venire in soccorso. Solo dopo l’arrivo di capitali freschi privati, potrà quindi partire la ricapitalizzazione precauzionale.

DEVE CAMBIARE IL MODO DI FAR BANCA IN ITALIA – Un’operazione prevista dalla legge “salva risparmio” con cui lo stato italiano ha stanziato fondi per complessivi 20 miliardi (ma di questi almeno 6,6 miliardi dovrebbero essere iniettati in Mps, a fronte di 2,2 milioni di oneri addossati agli investitori istituzionali privati). A mancare non sono dunque i capitali, quanto la volontà (soprattutto privata) di investirli: per come viene svolta ora in Italia con istituti stretti tra la continua crescita dei crediti deteriorati e l’evoluzione “disruptive” promossa dalla fintech, l’attività bancaria continui infatti ad essere troppo poco redditizia e troppo rischiosa per attrarre investitori. Le banche italiane, popolari e non, saranno in grado di cambiare o dovranno rassegnarsi a un ruolo sempre più marginale?


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Una banca da cani

Fideuram Ispb, gli 11 big di marzo

L’appello green di Bny Mellon alle banche

Diamanti in banca, partono le azioni legali

Il futuro della banca non è in banca

Banca IMI cavalca l’inflazione Usa

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

10 trend per capire le banche nel 2018

Ing scatta sull’innovazione

SoGen ha i titoli per Byblos

Si riempie l’Officina Mps

Bonifici istantanei, la sfida alle banche

Riva (Anasf) e Mainò (Nafop), botta e risposta su Twitter

I cf all star di Widiba

La finanza digitale secondo Consob

Gli Elementi Essenziali di Mediolanum

Consulenti finanziari senza tutele

Il primo bilancio di Mifid 2 a Investments on the road con Banca IMI

Banca Generali, medaglia d’oro al top team

IWBank Private Investments, visita alla Superba

Il consulente digitale secondo Ing

Ti può anche interessare

Piazza Affari: apertura a tutto gas per Juventus, LVenture e Leonardo

ANCHE I DATI MACRO AIUTANO PIAZZA AFFARI – Ritorno all’attività dopo il ponte del primo mag ...

Prelios tira il fiato dopo aver fatto il botto a Piazza Affari

PRELIOS TIRA IL FIATO – Prelios corregge in apertura di giornata a Piazza Affari, col titolo c ...

Invesco e Janus Capital brillano sul Blueindex, male Deutsche Bank e Unicredit

INVESCO SALE DOPO L’ACQUISTO DI SOURCE – Il mercato premia l’acquisto di Source, società ...