L’errore politico del governo tecnico

A
A
A

Per la prima volta, dopo quattro mesi, il governo di Mario Monti è in seria difficoltà…

di Redazione29 marzo 2012 | 08:21

Per la prima volta, dopo quattro mesi, il governo di Mario Monti è in seria difficoltà. E il bello è che ci si è infilato da solo. In un baleno è passato da tenere in pugno i partiti a essere tenuto in pugno dai partiti. Tutta colpa dell’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori che ha voluto modificare senza che in realtà ce ne fosse bisogno. I casi di reintegro sulla base del famigerato articolo 18 non sono più di 50 all’anno e le tesi del ministro del Lavoro Elsa Fornero secondo le quali con questa riforma l’Italia attrarrà investitori esteri sono una balla colossale.

Gli esteri non investono in Italia non certo per l’articolo 18 ma per le infiltrazioni della malavita organizzata, per la politica e la giustizia che non funzionano, per la giungla contrattuale e soprattutto per l’elevato costo del lavoro. Se il governo voleva davvero dare una mano al Paese doveva intervenire su questi punti, non andare a infilarsi in un labirinto senza uscita e senza il bisogno di infilarcisi. Forse super Mario l’avrà fatto perché si crede invincibile?

Tutto ci voleva per risalire la china, fuorché questo “errore politico” del governo dei tecnici, che si tenta di rimediare presentando al Parlamento un disegno di legge “salvo intese” e non un decreto legge. Il professor Monti dovrebbe spiegare perché, nel riformulare l’articolo 18, anziché riferirsi al “modello tedesco”, ha voluto essere più “liberista” della Germania, che lascia al giudice la possibilità di ordinare la reintegrazione del lavoratore licenziato ingiustamente per motivi economici.

Una simile impostazione, oltre che trovare un consenso diffuso nei partiti, avrebbe sicuramente messo in difficoltà la Cgil (se il suo obiettivo era davvero quello), con la sua ala più estrema (Fiom) e avrebbe avuto il pregio di fugare ogni alibi per chi vuole veramente modernizzare il mercato del lavoro, regolarizzare i precari e offrire nuove prospettive ai giovani. Può darsi che il governo Napolitano-Monti abbia voluto giocare un “ruolo politico” per dividere la sinistra, e in particolare il Partito democratico. Il risultato, invece, è stato che sono venuti alla luce tutti i limiti di un “governo tecnico”. Un Paese non si gestisce come fosse una società per azioni. L’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi lo sa bene. La composizione degli interessi, amplificati dalla globalizzazione, richiede virtù che vanno ben al di là di quelle di un pur bravissimo capitano d’industria.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Agosto, portafoglio mio non ti conosco

E-commerce, il successo è tutto un quiz

Draghi, per favore, ci pensi Lei

Investimenti, meglio i mercati sviluppati

I fondi in Borsa e la doppia resistenza

La banca del futuro in Borsa con Fineco

Perché a BlackRock piace tanto l’Italia

Dove trovare l’America

Tre scenari per un voto

Un Monte di misteri

Il trampolino per il 2014

Arrivederci a settembre. Con molte novità

La guerra di Moody’s

La banca non funziona? Lo dico sul social network

Un’alternativa tutta d’oro

Alternativi? Parlateci solo di rischio/rendimento

Quei cavalieri senza paura

Risparmio in crisi? Vietato arrendersi

Dagli hedge ai buoni postali

I sei mesi che sconvolsero l’Europa

Nelle sottoscrizioni i vecchi battono i giovani

Da risparmiatori a investitori

Cercasi un New Deal all’europea

Un’altra ricostruzione sulle macerie

Marx, Monti e l’asino di Buridano

Segnali di fumo a base di ottimismo

Il ballo dello spread

Il nuovo miracolo italiano: il Btp batte i beni rifugio

Come difendersi dal credit crunch

Perché comunque la Grecia rischia grosso

L’azionario globale gioca d’anticipo

La strada di Basilea non porta lontano

Il risparmio gestito tra ricchi e poveri

Ti può anche interessare

Pimco: il populismo non riesce a mutare i fattori che ne hanno decretato il succeso

POPULISMO STA FALLENDO I SUOI OBIETTIVI – Il populismo, paradossalmente, non riesce a modifica ...

Bluerating Awards 2017, sfoglia il libro con tutti i protagonisti

Le parole dei vincitori e dei candidati e tante foto della serata con tutti i protagonisti, dagli sp ...

Risparmio gestito, è il turno della direttiva Ucits V

Le norme riguardano la remunerazione del personale rilevante e le sanzioni per le società di gestio ...