Posta del pf, non è solo Ennio Doris a rinunciare al doppio incarico

A
A
A

Da Giovanni Bazoli a Fabrizio Palenzona, l’abc di chi ha dovuto lasciare

di Redazione8 maggio 2012 | 08:13

Piccola rivoluzione ai piani alti di banche, assicurazioni e società finanziarie con un giro d’affari minimo di 47 milioni di euro all’anno, che secondo quanto disposto dall’articolo 36 del decreto salva Italia, varato a dicembre dal governo Monti, possono ricoprire ormai (il termine è scaduto la scorsa settimana) un solo incarico. Una norma innovativa che ha falcidiato, si stima, oltre un migliaio di doppie e triple cariche in cda, tipica espressione del “capitalismo di relazioni” italiano ricco di intrecci di partecipazioni e salotti buoni, meno di capitali e visioni strategiche di ampio respiro.

Così Ennio Doris ha preferito uscire dal cda di Mediobanca per restare nel board di Mediolanum (che di Piazzetta Cuccia resta socia al 3,38%), fatto che ha portato qualche lettore a ironizzare sul rischio per la banca d’affari milanese di “brancolare nel buio” ora che non potrà più contare sulle “previsioni economiche” di Doris, ironia che ha anche provocato la reazione di un promotore “storico” di Mediolanum come Massimo Bertolucci che ha commentato : “Sempre la solita storia, si parla di Mediolanum o di Ennio Doris assieme ad altri grandi personalità della finanza italiana, ma si critica solo il presidente di Banca Mediolanum”. In realtà la vicenda si presta a ben altre osservazioni.

La norma appare lodevole, ma se l’intento era di allentare la selva di legami a volte “incestuosi” rischia di non portare a effetti rilevanti, visto che per ogni società sarà semplice sostituire un amministratore con un altro in seno ai vari cda (nel caso di imprenditori presenti in prima persona anche ricorrendo alla nomina dei propri figli, come accaduto nel board di UniCredit dove esordisce Alessandro Caltagirone, figlio di Francesco Gaetano, socio all’1% della banca e già consigliere di Generali, nonché ex vicepresidente e azionista di rilievo di Mps). Il “virus” della concorrenza il settore finanziario lo inocula dunque a piccole dosi, anche se qualche novità la si è notata proprio in casa Mediobanca. Oltre a Doris hanno lasciato lo storico “salotto buono” Fabrizio Palenzona, che ha preferito concentrarsi su UniCredit, e Vincent Bolloré, che ha optato per Generali (mentre il percorso inverso l’ha compiuto l’a.d. di Piazzetta Cuccia Alberto Nagel, uscito dal board di Trieste). Tra gli altri “erranti” il presidente di Generali (ed ex presidente di Mediobanca) Gabriele Galateri ha lasciato il cda di Banca Carige, mentre il “grande vecchio” della “finanza bianca” italiana Giovani Bazoli si prepara a dare l’addio sia alla poltrona di consigliere di Ubi Banca sia a quella di presidente di Mittel. Una rivoluzione che potrebbe portare a qualche novità anche per il risparmio gestito.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crediti problematici, Intesa Sanpaolo, Unicredit, KKR e M&A al lavoro

Credem, per i lettori i progetti non bastano

Mps, quale sarebbe il partner ideale? Parlano i lettori

Mps è da nazionalizzare? I pareri dei lettori si dividono

Il web va bene ma il vostro pf è meglio. Parlano i lettori

Posta del pf: tecnologia effimera o vera innovazione?

La trasparenza è l’unica arma per tutelare il risparmio

Posta del pf: Moody’s taglia il rating italiano, che fare?

Posta del promotore: la dimensione non è tutto, ma aiuta

La raccolta è l’unica stella polare del pf?

Con la crisi gli italiani riscoprono il risparmio

Posta del pf, la mediazione creditizia val bene una messa

Posta del pf: Barclays fa cassa, Bankia chiede aiuto

Posta del pf, colleghi che sbagliano

Posta del pf: supermanager, guadagni e polemiche

Posta del pf, tutti i problemi del cambiar casacca

Posta del pf, Hypo Tirol Bank rinuncia alla licenza bancaria in Italia

Posta del pf, lavoro e sogni son cose diverse

Posta del pf: analista finanziario, un mestiere difficile

Posta del pf, Renminbi Opportunities incuriosisce un lettore

Posta del pf: Bilancio in chiaroscuro per Mediolanum

Posta del pf: Allianz, commenti critici o pura invidia?

Posta del pf, non accenna a spegnersi il dibattito intorno al nome di Marco Riva

Posta del pf: Marco Riva divide la platea

Posta del pf: Duemme sgr, innesco di una nuova partita di risiko?

Posta del pf, collocamento e consulenza possono convivere

Posta del pf, commissioni bancarie, gli animi si scaldano

Posta del pf: Mps vuole ridurre il costo del personale, tira aria di esuberi

Posta del pf, i numeri di Poste Italiane? Hanno un turbo nascosto

Posta del pf, onestà e trasparenza per il rilancio della professione

Posta del pf, sui numeri delle reti c’è sempre chi si dice perplesso

Posta del pf, i numeri ci dicono qualcosa, ma non tutto

Ancona, un viavai di nomi noti

Ti può anche interessare

Julius Baer pone fine all’accordo di licenza con Gam

TERMINA ACCORDO TRA JULIUS BAER E GAM – Ci sono voluti otto anni, ma da ora in avanti le strad ...

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

GACS, SI VA VERSO PROROGA – Il governo pare intenzionato a rinnovare, come da attese, le garan ...

Banca Carige continua a soffrire: troppe le incertezze

BANCA CARIGE SOFFRE ANCORA – Mattinata col brivido per il titolo a Piazza Affari: l’istituto ...