Cmc Markets: fare trading tra un bagno e l’altro

A
A
A

Secondo Colin Cieszynski, cfa, cmt, market analyst di Cmc Markets Canada, il trading estivo potenzialmente può incrementare i ritorni e ridurre il rischio…

di Redazione30 maggio 2012 | 14:09

Negli ambienti di trading è abbastanza diffuso il detto “sell in may and go away” (“vendi in maggio e vai via”), che deriva dalle depressioni di metà anno, tra maggio e ottobre. Non sempre però è così e opportunità di trading, scondo Colin Cieszynski, cfa, cmt, market analyst di Cmc Markets Canada, si possono trovare anche nel periodo estivo se si assume un atteggiamento più attivo.

 “Uno sguardo ai ritorni dei principali indici in tutto il mondo nell’ultimo quarto di secolo”, rileva l’analista, “mostra che in genere i mercati impostano la fase in rialzo nella prima parte dell’anno, con aprile che tende a essere particolarmente forte. Maggio e soprattutto giugno tendono a essere più deboli, seguiti da un recupero in luglio. Il periodo da agosto a ottobre tende a essere il momento più fiacco dell’anno per le azioni, che poi tendono a terminare l’anno in modo forte con un recupero a novembre e dicembre”.  Insomma, anche in finanza ci sono le stagioni. E queste oscillazioni dei mercati sono legate a tre principali fattori: la domanda d’investimenti che cambia con le stagioni; le variazioni delle stime di crescita nel corso dell’anno e il ciclo dei risultati trimestrali. Assumendo questi linee guida si potrà di volta in volta approfittare di tali oscillazioni, anche in estate.

Oltre al famoso “sell in may and go away” (tradotto: stai alla larga dai mercati da maggio a ottobre), “esiste anche un approccio più attivo, con il quale il trader non solo vende le posizioni lunghe durante le fasi di mercato debole, ma assume anche posizioni corte nel tentativo di approfittare della debolezza del mercato”, continua Cieszynski.  Secondo alcune ricerche operate su vari indici azionari globali, “è emerso che assumere un comportamento più attivo migliora in modo significativo la performance nel lungo termine. In media, le strategie attive hanno generato ritorni più elevati rispetto ai rischi assunti. Per Dow, Tsx, Dax e Nikkei, le strategie attive hanno sia aumentato i profitti che ridotto il rischio. Per l’indice Asx, i ritorni sono migliorati allo stesso livello del rischio. Per l’indice Ftse, sia i profitti che il rischio sono aumentati ad un ritmo più elevato”. Infine, sembra che quando le strategie attive sovraperfomano, lo fanno con un margine sostanzialmente più ampio di quando le strategie passive sovraperfomano.

Allora come muoversi e cosa aspettarsi per il resto dell’anno? L’attenzione nei prossimi mesi si rivolgerà soprattutto agli Usa: le presidenziali, poi la politica fiscale e dovrà essere deciso prima della fine dell’anno se estendere o no i tagli fiscali e se fare un nuovo accordo sul tetto di bilancio prima dell’entrata in vigore degli tagli automatici di spesa. “L’attività politica e i trend dell’economia potrebbero mantenere vivaci i mercati questa estate fino alla fine dell’anno”, conclude l’esperto di Cmc Markets, “creando potenzialmente opportunità per chi vuole adottare un approccio più attivo al trading e all’investimento”.

 

 


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

IWBank, un private da premio

Fineco campione del digital banking ai FintechAge Awards

Consob e la macchina delle sanzioni

Ecco il menù di Bnp Paribas a ITForum 2018

Consulenza finanziaria in semplicità

Le nuove regole dei servizi d’investimento, facciamo il punto

Consob day: rivivi il discorso di Mario Nava

La parcella fa parlare i consulenti indipendenti

Morgan Stanley IM: Panta rei, dal cambiamento del clima d’investimento al cambiamento dirompente

Assoreti, Molesini presidente

L’eleganza ad alta temperatura

Multilife, quando i valori non hanno età

ITForum 2018, tutto pronto per il grande evento

Le basi di una previdenza sostenibile

Consulenti, 10 consigli per costruire una leadership perfetta

WisdomTree, CoCome ti innovo l’obbligazionario

L’industria dei fondi vale una montagna di soldi

Invesco investe sui consulenti

I due driver della consulenza finanziaria

C’è un Plus nella produzione di Fineco

Una mattonata in arrivo sui Pir

Il gestore che non teme il populismo (ma altro) in Italia

Un fondo per gestire le sterzate del mercato

Consulente: non pensare al gessato, scegli di essere umano

Investimenti, preparatevi all’inflazione giapponese

Banca IMI, un cocktail d’autore a Rimini

Assoreti, Colafrancesco lascia

Consulenti, un webinar per conoscere i certificati

Fuori le obbligazioni dal bail in, la mossa di Eba ed Esma

Miti e leggende delle criptovalute

Fondi passivi sostenibili, la strada è ancora lunga

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

Banca Euromobiliare, poker di cf nell’area di Bisi

Ti può anche interessare

Wall Street: le parole della Yellen (Fed) fanno recuperare terreno ai bond e alla borsa

LA YELLEN FA RIPARTIRE I T-BOND E WALL STREET – Scendono i rendimenti (sul 2,31% dal 2,35% di ...

Wonder Woman sostiene i conti di Time Warner

IL CINEMA SALVA TIME WARNER – Quando hai “Wonder Woman” al tuo fianco non puoi avere molto ...

Caron (Morgan Stanley IM): “Le scommesse vincenti con i bond”

L’asset manager punta sui titoli emergenti, sui mutui non garantiti e sul mercato investment grade ...