Banche: per Mps la soluzione si avvicina, per ex popolari venete ancora no

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi30 maggio 2017 | 15:54

MPS RIAPRE TRATTATIVE CON QUAESTIO – Il Cda di Mps concede a Quaestio Sgr (cui fa capo il fondo Atlante II che dovrebbe sottoscrivere una parte delle tranche mezzanine e junior) un mese di trattative in esclusiva, fino al 28 giugno, per definire i dettagli della cartolarizzazione e a Piazza Affari si diffonde la sensazione che la soluzione della tribolata vicenda del salvataggio dell’istituto senese, i cui titoli sono sospesi in borsa da fine 2016 dopo il fallimento della tentata ricapitalizzazione di mercato, sia ormai vicina.

TRANCHE JUNIOR ANDRA’ AI PRIVATI, NON AGLI AZIONISTI MPS – Quaestio negozierà per conto di Atlante II e di un gruppo di altri investitori i termini e le condizioni della cartolarizzazione di un portafoglio di Npl (crediti non performanti) che a fine  2016 tale ammontava a circa 26 miliardi di euro. Rispetto allo schema originale, per venire incontro alle richieste delle autorità europee la tranche junior non sarà semplicemente assegnata agli azionisti di Mps, ma verrà ceduta per la maggioranza a investitori privati, dato che con la ricapitalizzazione preventiva il socio di riferimento è destinato a diventare lo stato che avrebbe finito col trovarsi portatore anche di una fetta consistente di tale tranche (le più rischiosa).

PREZZO CESSIONE NPL PIU’ ALLINEATO AL MERCATO – Altra differenza significativa, il prezzo di cessione degli Npl dovrebbe ridursi dal 30% a cui si era provato a cederli a dicembre a circa un 20%, valore maggiormente in linea coi prezzi di mercato attuali. Una volta raggiunto l’accordo questo dovrà poi ottenere il via libera della Commissione Ue che a quel punto, trovato anche un accordo sul piano industriale (si dovrebbero registrare ulteriori 3.500-5.000 esuberi e la chiusura di altri 500-600 sportelli) darà anche il benestare alla ricapitalizzazione pubblica.

PER EX POPOLARI VENETE LIETO FINE RESTA LONTANO – Anche prevedendo qualche ulteriore settimana per sistemare gli ultimi dettagli, entro l’estate Mps potrebbe finalmente uscire dalle secche, con quasi un anno di ritardo rispetto a quanto inizialmente auspicato, ritardo che ha pesato sull’intero settore bancario italiano, che ancora deve affrontare l’ulteriore nodo delle due ex popolari venete, per le quali l’ottimismo appare invece quanto meno prematuro, con anzi il rischio concreto di un “bail-in” per uno o entrambi gli istituti se non si troveranno capitali privati pronti a intervenire a fianco dell’intervento pubblico.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn63Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Blueindex: corre Gam, cade Legg Mason

GAM DAVANTI A TUTTI – Gam Holding, Old Mutual e Banco Bpm sono state ieri le tre sole componen ...

Classifiche Bluerating: Gam in testa tra i fondi Azionari Globali – Mid & Small Cap

Secondo le analisi di Bluerating basate su fondi della categoria Azionari Globali - Mid & Small ...

Credit Agricole in spolvero, la cura Brassac fa raddoppiare gli utili

Credit Agricole vede gli utili del terzo trimestre raddoppiare rispetto allo scorso anno ed ora punt ...