La raccolta è l’unica stella polare del pf?

A
A
A

La classifica di Assoreti vede in testa da mesi i soliti noti. Ma a qualcuno i numeri non convincono del tutto

di Redazione11 luglio 2012 | 14:29

La raccolta è ancora un valore assoluto per una mandante e per i suoi promotori finanziari? Le opinioni al riguardo sembrano divergere alquanto, soprattutto quando si parla della classifica Assoreti che mensilmente fotografa l’andamento del settore in termini di raccolta netta. Una classifica che vede saldamente in testa da mesi sempre i “soliti noti”: Mediolanum, Banca Generali, Allianz Bank, Banca Fideuram, Finanza & Futuro e FinecoBank, solo per citare le strutture che anche a maggio sono riuscite a registrare una raccolta netta positiva superiore ai 50 milioni di euro.

Un risultato importante di questi tempi in cui i mercati finanziari restano estremamente volatili e il settore bancario continua a essere alla ricerca di nuova liquidità, il che sicuramente non agevola la vita di private banker e promotori finanziari, che debbono anche subire la “concorrenza” del fisco italiano particolarmente pressante in questo periodo dell’anno. Ma a qualcuno i numeri non convincono del tutto e tra i commenti si nota quello di “Marco”, che domanda ai colleghi: “tanta raccolta vi porta a un effettivo benessere o è solo un’illusione?”. E riferendosi in particolare agli uomini di Ennio Doris aggiunge: “da questa risposta traete le vostre conclusioni: rimango in Mediolanum o cerco di meglio?”

Una domanda che sottintende come per diverse realtà operanti sul mercato italiano, una fetta consistente della raccolta riguardi non tanto prodotti di risparmio gestito o assicurativi, quanto di risparmio amministrato. I conti di deposito restano insomma un “must” per molte strutture, anche se quasi mai si rivelano redditizi per il promotore che li colloca. Del resto inutile farsi illusioni, di questi tempi “guardarsi attorno” è sempre un buon consiglio. Ma di isole felici non sembrano esisterne molte, né si notano manager o mandanti dotati di una bacchetta magica in grado di risolvere ogni problema.

Così è certamente corretto domandarsi quanto un dato aggregato sia rappresentativo delle singole situazioni e quanto certi numeri siano più o meno “abbelliti” dalle politiche commerciali messe in atto pro tempore dalle singole mandanti, ma occorrerebbe forse fare anche una comparazione orizzontale, tra imprese, e verticale, paragonando i risultati attuali a quelli di anni precedenti, tenendo conto del contesto competitivo e macroeconomico presente. Una faticaccia, tutto sommato, cui si sottopongono analisti finanziari e direzioni centrali per cercare di trarre segnali circa l’efficacia delle politiche gestionali poste in atto, ma che possono essere trascurate nelle chiacchiere tra colleghi riferite alla classifica Assoreti. Per quelle, in fondo, basta ricordarsi di ponderare i dati con un po’ di buon senso per riuscire quanto meno a “fiutare l’aria” che si respira e decidere il da farsi.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Crediti problematici, Intesa Sanpaolo, Unicredit, KKR e M&A al lavoro

Credem, per i lettori i progetti non bastano

Mps, quale sarebbe il partner ideale? Parlano i lettori

Mps è da nazionalizzare? I pareri dei lettori si dividono

Il web va bene ma il vostro pf è meglio. Parlano i lettori

Posta del pf: tecnologia effimera o vera innovazione?

La trasparenza è l’unica arma per tutelare il risparmio

Posta del pf: Moody’s taglia il rating italiano, che fare?

Posta del promotore: la dimensione non è tutto, ma aiuta

Con la crisi gli italiani riscoprono il risparmio

Posta del pf, la mediazione creditizia val bene una messa

Posta del pf: Barclays fa cassa, Bankia chiede aiuto

Posta del pf, colleghi che sbagliano

Posta del pf: supermanager, guadagni e polemiche

Posta del pf, tutti i problemi del cambiar casacca

Posta del pf, non è solo Ennio Doris a rinunciare al doppio incarico

Posta del pf, Hypo Tirol Bank rinuncia alla licenza bancaria in Italia

Posta del pf, lavoro e sogni son cose diverse

Posta del pf: analista finanziario, un mestiere difficile

Posta del pf, Renminbi Opportunities incuriosisce un lettore

Posta del pf: Bilancio in chiaroscuro per Mediolanum

Posta del pf: Allianz, commenti critici o pura invidia?

Posta del pf, non accenna a spegnersi il dibattito intorno al nome di Marco Riva

Posta del pf: Marco Riva divide la platea

Posta del pf: Duemme sgr, innesco di una nuova partita di risiko?

Posta del pf, collocamento e consulenza possono convivere

Posta del pf, commissioni bancarie, gli animi si scaldano

Posta del pf: Mps vuole ridurre il costo del personale, tira aria di esuberi

Posta del pf, i numeri di Poste Italiane? Hanno un turbo nascosto

Posta del pf, onestà e trasparenza per il rilancio della professione

Posta del pf, sui numeri delle reti c’è sempre chi si dice perplesso

Posta del pf, i numeri ci dicono qualcosa, ma non tutto

Ancona, un viavai di nomi noti

Ti può anche interessare

Mattone in crisi a Londra

LONDRA, BOOM IMMOBILIARE ALLE SPALLE – Il boom del mattone a Londra? E’ ormai acqua passata, ...

Abusi di mercato, multa all’ex ad di Saipem (e al suo amico)

Sanzione ai danni di Pietro Franco Tali, ex a.d della società petrolifera e ad Ayman Asfari, ceo de ...

Avio brilla al debutto sullo Star

DEBUTTO POSITIVO PER AVIO – Debutto effervescente per Avio, che a Piazza Affari oscilla a 13,6 ...