Unicredit e Intesa Sanpaolo prudenti dopo nuove voci su salvataggio banche venete

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi8 giugno 2017 | 10:48

TITOLI SOTTONO IN BORSA – Unicredit (invariato sui 15,53 euro per azione) e Intesa Sanpaolo (-0,94% a 2,52 euro) reagiscono con molta prudenza a Piazza Affari alle voci di un pressing del governo perché diano il loro assenso al salvataggio di Bpvi e Veneto Banca, dopo che proprio le due maggiori banche italiane si erano sfilate dalle operazioni di ricapitalizzazione facendo poi intervenire Quaestio Management Sgr, col fondo Atlante (di cui peraltro gli stessi due istituti sono stati i maggiori sottoscrittori) per 3,5 miliardi di euro complessivi. L’ipotesi è tornata a circolare ieri dopo la soluzione lampo adottata per la crisi di Banco Popular Espanol, rilevato per un euro dal Banco Santander dopo una risoluzione ai sensi della direttiva BRRD, ossia evitando, come notano gli analisti di Fidentis, un “bail out” e quindi senza alcun intervento di fondi pubblici.

IPOTESI NUOVO INTERVENTO FITD  – Nel caso italiano, tuttavia, si starebbe ancora cercando di evitare la risoluzione e la successiva cessione dei due istituti ai due maggiori gruppi italiani, non esistendo la forte ratio industriale emersa nell’operazione Banco Popular-Banco Santander, come notano sempre gli analisti di Fidentis, ma cercando semmai di ripetere lo schema di un rifinanziamento “volontario” del Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd) che coinvolgerebbe oltre a Unicredit (che originariamente avrebbe dovuto garantire l’aumento di Bpvi) e Intesa Sanpaolo (inizialmente capofila del consorzio per l’aumento di Veneto Banca) anche altri istituti “sani” come già avvenuto nel caso delle quattro banche risolte a fine 2015, ovvero Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti, poi cedute a Ubi Banca, e CariFe, per la quale si attende a breve l’intervento di Banca Bper.

GLI OSTACOLI INCONTRATI FINORA CADRANNO? – Contro questa ipotesi hanno finora giocato non solo le ripetute dichiarazioni contrarie ad ulteriori interventi da parte dei vertici delle maggiori banche italiane, a partire proprio da Intesa Sanpaolo, ma anche il diniego da parte delle autorità europee ad un eventuale “sconto” sulla cifra di capitali privati da far intervenire prima di un eventuale via libera alla ricapitalizzazione precauzionale da 6,4 miliardi di euro complessivi (cifra che anzi lievitata da 1 a 1,2-1,3 miliardi di euro) e l’incertezza circa i tempi e l’ammontare che si potrebbe ricavare dalla cessione di alcune partecipazioni come il 20% che sia Bpvi sia Veneto Banca possiedono in Arca Sgr. Tuttavia se si vuole evitare la risoluzione ai sensi della direttiva BRRD delle due ex popolari venete o la cessione a prezzi di saldo degli asset degli stessi a soggetti italiani o stranieri, non si vedono molte altre alternative ad un nuovo intervento delle maggiori banche tricolori.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

La trimestrale di Barclays batte le attese, grazie all’investment banking

Barclays in luce sul listino di Londra dopo risultati trimestrali migliori delle attese. Jes Staley ...

Unicredit valorizza i suoi immobili ma apre sottotono in borsa

UNICREDIT SIGLA ACCORDO IN CAMPO IMMOBILIARE – Unicredit sotto i riflettori a Piazza Affari, d ...

In attesa delle decisioni della Bce le borse frenano

BORSE CAUTE IN ATTESA DI DRAGHI – Mercati finanziari che aprono in lieve calo in Europa, in at ...