Unicredit e Intesa Sanpaolo prudenti dopo nuove voci su salvataggio banche venete

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi8 giugno 2017 | 10:48

TITOLI SOTTONO IN BORSA – Unicredit (invariato sui 15,53 euro per azione) e Intesa Sanpaolo (-0,94% a 2,52 euro) reagiscono con molta prudenza a Piazza Affari alle voci di un pressing del governo perché diano il loro assenso al salvataggio di Bpvi e Veneto Banca, dopo che proprio le due maggiori banche italiane si erano sfilate dalle operazioni di ricapitalizzazione facendo poi intervenire Quaestio Management Sgr, col fondo Atlante (di cui peraltro gli stessi due istituti sono stati i maggiori sottoscrittori) per 3,5 miliardi di euro complessivi. L’ipotesi è tornata a circolare ieri dopo la soluzione lampo adottata per la crisi di Banco Popular Espanol, rilevato per un euro dal Banco Santander dopo una risoluzione ai sensi della direttiva BRRD, ossia evitando, come notano gli analisti di Fidentis, un “bail out” e quindi senza alcun intervento di fondi pubblici.

IPOTESI NUOVO INTERVENTO FITD  – Nel caso italiano, tuttavia, si starebbe ancora cercando di evitare la risoluzione e la successiva cessione dei due istituti ai due maggiori gruppi italiani, non esistendo la forte ratio industriale emersa nell’operazione Banco Popular-Banco Santander, come notano sempre gli analisti di Fidentis, ma cercando semmai di ripetere lo schema di un rifinanziamento “volontario” del Fondo interbancario di tutela dei depositi (Fitd) che coinvolgerebbe oltre a Unicredit (che originariamente avrebbe dovuto garantire l’aumento di Bpvi) e Intesa Sanpaolo (inizialmente capofila del consorzio per l’aumento di Veneto Banca) anche altri istituti “sani” come già avvenuto nel caso delle quattro banche risolte a fine 2015, ovvero Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti, poi cedute a Ubi Banca, e CariFe, per la quale si attende a breve l’intervento di Banca Bper.

GLI OSTACOLI INCONTRATI FINORA CADRANNO? – Contro questa ipotesi hanno finora giocato non solo le ripetute dichiarazioni contrarie ad ulteriori interventi da parte dei vertici delle maggiori banche italiane, a partire proprio da Intesa Sanpaolo, ma anche il diniego da parte delle autorità europee ad un eventuale “sconto” sulla cifra di capitali privati da far intervenire prima di un eventuale via libera alla ricapitalizzazione precauzionale da 6,4 miliardi di euro complessivi (cifra che anzi lievitata da 1 a 1,2-1,3 miliardi di euro) e l’incertezza circa i tempi e l’ammontare che si potrebbe ricavare dalla cessione di alcune partecipazioni come il 20% che sia Bpvi sia Veneto Banca possiedono in Arca Sgr. Tuttavia se si vuole evitare la risoluzione ai sensi della direttiva BRRD delle due ex popolari venete o la cessione a prezzi di saldo degli asset degli stessi a soggetti italiani o stranieri, non si vedono molte altre alternative ad un nuovo intervento delle maggiori banche tricolori.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Cassa di Risparmio di Asti, porte aperte ai giovani

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

SGSS si conferma banca depositaria per Inarcassa

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Santander, eccellenza nella gestione delle risorse umane

Banca del Piemonte dirige la sua nuova Orchestra

Intesa e Altis a braccetto con gli imprenditori del futuro

Consulente, sei incompetente per Mifid2?

Bce, il QE ci lascia in autunno. Forse

Private, Credit Suisse perde Riccucci

Banche, chiusure a raffica per le filiali

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche, Gentiloni punzecchia la Bce

Banche, così saranno quelle del futuro

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Ti può anche interessare

Anche Wall Street torna a volare, mercoledì Trump presenta la riforma fiscale

INVESTITORI SOLLEVATI ANCHE A NEW YORK – Anche Wall Street tira un sospiro di sollievo e dopo ...

Giornata ricca di appuntamenti per le borse europee

MIGLIORA IL PIL DI EUROLANDIA – Mercati europei prudenti stamane, anche se dopo il dato del Pi ...

Cinque fondi di Investec Am nella rete di Fineco

I fondi top di Investec Asset Management accessibili attraverso www.finecobank.com sono un comparto ...