Usa: la Federal Reserve alzerà i tassi già la prossima settimana, poi a fine anno

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi9 giugno 2017 | 16:29

PROSSIMA SETTIMANA FED ALZA I TASSI? – La maggior parte dei trader di Wall Street prevede che, nonostante dati sul mercato del lavoro di maggio meno forti delle attese (138 mila nuovi posti di lavoro, meno sia dei 211 mila precedenti sia dei 185 mila previsti dal consensus), la Federal Reserve alzerà i tassi al termine della riunione del prossimo 14 giugno, per poi fare passo in autunno e tornare a alzare i tassi una terza e ultima volta a dicembre.

TRE RIALZI ENTRO L’ANNO, ALTRI TRE NEL 2018 – L’anno venturo la Fed dovrebbe poi confermare la sua politica di “normalizzazione” del costo del denaro alzando ancora altre tre volte i tassi sui Fed Funds. L’unica incertezza al momento riguarda la tempistica delle mosse che seguiranno quella, data quasi per scontata, della prossima settimana. Mentre una parte del mercato giudica persino troppo prudente la valutazione implicita data dai tassi forward (50% di probabilità di un rialzo dei tassi sul dollaro in dicembre), altri non escludono che eventuali ulteriori segnali di raffreddamento della ripresa possano indurre la Fed a prendere tempo.

INCERTEZZA PARE RIGUARDARE SOLO I TEMPI – Del resto nonostante le dichiarazioni “aggressive” iniziali, non è ancora chiaro se e quando l’amministrazione Trump riuscirà effettivamente a varare il taglio del prelievo fiscale sui redditi d’impresa e un nuovo piano di investimenti in infrastrutture con cui sostenere la ripresa in atto, giunta ormai al suo settimo anno di continua espansione. Una lieve dilatazione dei tempi tra un rialzo e l’altro, tanto più con una Bce che non sembra avere alcuna fretta di modificare la propria politica monetaria ultra-rilassata, eviterebbe al dollaro di apprezzarsi troppo rapidamente, minando la sostenibilità della crescita a medio termine.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

Fallimenti in calo, anche in Italia, nel 2016

Inflazione al 2,3% in febbraio in Gran Bretagna, che farà la Bank of England?

Usa, la ripresa resta solida e la Fed può alzare i tassi

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

Pwc: entro il 2050 Italia fuori dal G-20, Russia prima economia europea

Produzione industriale in frenata, anche i tedeschi fanno festa a Natale

Crescita Usa sempre più robusta: Wall Street positiva, deboli i T-bond

Wall Street resta di cattivo umore nonostante buoni dati macro

Crescita Usa rallenta: Pil +1,9% nel quarto trimestre 2016

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Petrolio in allungo, Saipem ringrazia

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Natale 2016 fa bene a Home Depot

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Borse europee in rialzo, brilla Unicredit

Dopo i dati macro Usa le borse restano incerte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Pil italiano ed europeo in crescita dello 0,3% nel terzo trimestre

Bank of Japan lascia invariati tassi e quantitative easing

Wall Street in recupero, il Pil Usa riaccelera nel terzo trimestre

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

Cina: il Pil sale del 6,7% nel terzo trimestre

Ti può anche interessare

Model Portfolio, così nasce un portafoglio su misura

Come funziona il servizio di Deutsche Am che consente ai gestori di portafoglio di costruire più ag ...

Nomura: investitori più positivi sul listino di Tokyo

CRESCE L’OTTIMISMO SUL LISTINO DI TOKYO – L’anno nuovo sembra portare una ventata di ottim ...

Borse europee, una mattinata ricca di spunti operativi

BANCHE E ALIMENTARI IN LUCE IN EUROPA – Giornata di diffuse recuperi sui listini azionari euro ...