State Street: rendimenti sui T-bond e dollaro visti in calo dopo ultima mossa Fed

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi15 giugno 2017 | 09:31

FED, TUTTO COME PREVISTO – Nessuna sorpresa ieri al termine del Fomc, con la Federal Reserve che ha alzato come previsto di un quarto di punto il costo del denaro negli Usa, anche se nel successivo commento il tono, apparso “neutro”, sembra suggerire che fino a dicembre potrebbero non esserci ulteriori rialzi. Commentando al notizia Lee Ferridge, responsabile multi-asset strategy per il Nord America di State Street Global Markets, ha segnalato come il rallentamento evidenziato dai dati sul mercato domestico e la riduzione delle attese su un allentamento della politica fiscale nel 2017 sembrino aver “iniziato a influenzare la posizione della Fed. Sebbene i dot della Fed indichino un altro rialzo nel corso di quest’anno, probabilmente bisognerà aspettare fino dicembre”.

POSSIBILE CALO DOLLARO, BENE T-BOND E BORSA – Pertanto il gestore si aspetta “un calo dei rendimenti dei treasury statunitensi e del dollaro a seguito della notizia, anche se l’azionario statunitense molto probabilmente sarà supportato dalla posizione più morbida”. Da parte sua Antoine Lesné, responsabile Emea Etf strategy di Spdr Etfs (State Street Global Advisors), ha fatto notare come “essendo questo il secondo aumento dei tre o quattro previsti per il 2017, ci aspettiamo una pausa nei mesi estivi prima di un nuovo incremento”. Il rallentamento dei dati relativi al mercato domestico e gli ulteriori ritardi dell’atteso allentamento della politica fiscale hanno contribuito alla decisione.

ANCHE GLI EMERGENTI POTREBBERO TRARNE VANTAGGIO – “Allo stesso tempo, la Banca centrale europea (Bce) che resta molto accomodante e la politica del Regno Unito che, in un certo senso, sta nuovamente alimentando la volatilità, potrebbero portare la Fed a prendersi una pausa. Probabilmente per avere più chiarezza dovremmo aspettare la riduzione del bilancio della Fed entro settembre e un nuovo aumento dei tassi a dicembre, rispettando così la tradizione dopo quello a cui abbiamo assistito già nel 2015 e nel 2016”. Lesné ritiene che il dollaro “potrebbe restare nei range attuali, offrendo un momento di tregua nella fase di politica monetaria restrittiva. Questo potrebbe essere di supporto all’azionario statunitense, che recentemente ha registrato performance inferiori rispetto all’azionario europeo. Molto probabilmente questo potrebbe essere un fattore positivo anche per gli asset in valuta locale dei mercati emergenti”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bond subordinati Mps, come ottenere i risarcimenti

Iccrea banca, emesso bond da 600 milioni

Bank of America: attenti agli emittenti “zombie” in caso di rialzo dei tassi in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

Fideuram Ispb colloca un bond di Intesa Sanpaolo

Wall Street consolida i record storici dopo il nulla di fatto della Federal Reserve

Grecia: bene il nuovo bond a 5 anni, ma la strada è ancora lunga

State Street: dopo il meeting della Bce euro può flettere, bond recuperare

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Per la Grecia è presto per tornare a emettere nuovi titoli di stato

Da Banca Leonardo un bond per puntare sull’agricoltura

Credem emette un bond da 100 milioni

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Btp a 30 anni, nuova emissione in arrivo

Titoli di stato italiani, i rendimenti non sono adeguati al rischio

Andrew Balls (Pimco): state attenti ai titoli di stato italiani, rendonon troppo poco

Titoli di stato: la domanda spinge i rendimenti verso il basso

Btp Italia, il Tesoro riacquisterà 3 miliardi della quinta emissione

Btp Italia: quasi 8,6 miliardi collocati dell’undicesima emissione

Bond: tassi in lieve rialzo in Europa, ma calano gli spread contro Bund

State Street: puntate su euro, bond e borse europee ma attenti alla volatilità

Euro, borse e bond in rialzo grazie ai risultati delle elezioni francesi

Goldman Sachs: consigli tattici per chi investe in bond

Coeure: tassi a breve negativi, non dipende dalla Bce

Il Kenya è il primo Paese al mondo a vendere bond solo su mobile

Campari in rialzo, Goldman Sachs e Barclays migliorano target price e giudizi

Societe Generale lancia un’obbligazione in dollari

Il bond di Azimut fa il pieno in un giorno

Azimut, per il bond rendimento attorno al 2,25%

Borse e bond in festa in Europa dopo rialzo tassi Fed ed elezioni olandesi

Ti può anche interessare

Generali e Mediobanca in luce a Piazza Affari

TORNANO RUMOR SU GENERALI – Inizio settimana che a Piazza Affari si apre all’insegna di un r ...

Titoli di stato: la domanda spinge i rendimenti verso il basso

INCERTEZZA MERCATI NON FRENA ASTA BTP E CTEU – Le incertezze sui tempi e sulle regole delle pr ...

Fidelity Investments taglia le commissioni

NEGLI USA E’ GUERRA DELLE COMMISSIONI – La “guerra delle commissioni” impazza in America ...