Intesa Sanpaolo sale in Borsa, pronta a comprare asset da Bpvi e Veneto Banca

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi21 giugno 2017 | 16:15

INTESA SANPAOLO COMPRA ASSET DA BPVI E VENETO BANCA – Come anticipato da indiscrezioni rilanciate negli ultimi giorni dalla stampa italiana, Intesa Sanpaolo in una nota ha fatto sapere che il suo Cda “ha deliberato con voto unanime la disponibilità all’acquisto di certe attività e passività e certi rapporti giuridici facenti capo a Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, purché a condizioni e termini che garantiscano, anche sul piano normativo e regolamentare, la totale neutralità dell’operazione rispetto al Common Equity Tier 1 ratio e alla dividend policy del gruppo Intesa Sanpaolo”.

OPERAZIONE FATTA A PRECISE CONDIZIONI – La nota ha avuto l’effetto di far risalire immediatamente le quotazioni del titolo, che ora oscilla a 2,582 euro per azione (+1,89%) con oltre 82,5 milioni di pezzi passati di mano, in quanto precisa che “la disponibilità di Intesa Sanpaolo all’operazione esclude pertanto aumenti di capitale”. Commentando stamane la possibile acquisizione di alcuni asset delle due ex popolari venete sull’orlo del fallimento, gli analisti di Websim notavano come se lo stato si accollasse il conto dei 4.000 esuberi previsti, più gli eventuali rimborsi ottenuti dai risparmiatori truffati, e si arrivasse allo scorporo dei 9 miliardi di Npl, per procedere poi ad una ricapitalizzazione precauzionale, l’operazione avrebbe potuto “avere un senso finanziario”.

DAL PUNTO DI VISTA FINANZIARIO PUO’ ESSERE UN AFFARE – Più deboli, per non dire nulle, le ragioni industriali, dato che Intesa Sanpaolo non ha bisogno di ampliare la rete di sportelli, anzi si prevede che punti a ridurla significativamente nel corso dei prossimi anni. D’altra parte non essendo passata la “soluzione di sistema” per indisponibilità delle banche minori a farsi carico di ulteriori esborsi dopo quelli fatti per le quattro banche risolte (Banca Marche, Banca Etruria, CariChieti e CariFe), molte altre soluzioni per prevenire un fallimento “disordinato” o un “bail in” non esistevano. Così alla fine tanto vale guardare il bicchiere mezzo pieno: se lo Stato pagherà la maggior parte del conto e le istituzioni comunitarie non avanzeranno altre richieste, “alla fine, per Intesa Sanpaolo, farsi carico del problema di Veneto Banca e di Bpvi, potrebbe essere un affare” chiosano gli esperti di Websim.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Una banca da cani

Fideuram Ispb, gli 11 big di marzo

L’appello green di Bny Mellon alle banche

Diamanti in banca, partono le azioni legali

Il futuro della banca non è in banca

Banca IMI cavalca l’inflazione Usa

Assoreti, lo sprint dell’amministrato

10 trend per capire le banche nel 2018

Ing scatta sull’innovazione

Ti può anche interessare

Finanza, i trend dirompenti del mercato

Esplode la domanda di mobile payment, blockchain, Dlt e intelligenza artificiale ...

Mediolanum, che raccolta a dicembre. Fideuram ISPB leader sui 12 mesi

Le reti del gruppo guidato dall’a.d. Paolo Molesini ottengono il miglior risultato mensile nel ris ...

Ci sono sempre più milionari in tutto il mondo

CONTINUA A CRESCERE LA RICCHEZZA PRIVATA – La ricchezza finanziaria privata continua a crescer ...