Intesa Sanpaolo sale in Borsa, pronta a comprare asset da Bpvi e Veneto Banca

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi21 giugno 2017 | 16:15

INTESA SANPAOLO COMPRA ASSET DA BPVI E VENETO BANCA – Come anticipato da indiscrezioni rilanciate negli ultimi giorni dalla stampa italiana, Intesa Sanpaolo in una nota ha fatto sapere che il suo Cda “ha deliberato con voto unanime la disponibilità all’acquisto di certe attività e passività e certi rapporti giuridici facenti capo a Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, purché a condizioni e termini che garantiscano, anche sul piano normativo e regolamentare, la totale neutralità dell’operazione rispetto al Common Equity Tier 1 ratio e alla dividend policy del gruppo Intesa Sanpaolo”.

OPERAZIONE FATTA A PRECISE CONDIZIONI – La nota ha avuto l’effetto di far risalire immediatamente le quotazioni del titolo, che ora oscilla a 2,582 euro per azione (+1,89%) con oltre 82,5 milioni di pezzi passati di mano, in quanto precisa che “la disponibilità di Intesa Sanpaolo all’operazione esclude pertanto aumenti di capitale”. Commentando stamane la possibile acquisizione di alcuni asset delle due ex popolari venete sull’orlo del fallimento, gli analisti di Websim notavano come se lo stato si accollasse il conto dei 4.000 esuberi previsti, più gli eventuali rimborsi ottenuti dai risparmiatori truffati, e si arrivasse allo scorporo dei 9 miliardi di Npl, per procedere poi ad una ricapitalizzazione precauzionale, l’operazione avrebbe potuto “avere un senso finanziario”.

DAL PUNTO DI VISTA FINANZIARIO PUO’ ESSERE UN AFFARE – Più deboli, per non dire nulle, le ragioni industriali, dato che Intesa Sanpaolo non ha bisogno di ampliare la rete di sportelli, anzi si prevede che punti a ridurla significativamente nel corso dei prossimi anni. D’altra parte non essendo passata la “soluzione di sistema” per indisponibilità delle banche minori a farsi carico di ulteriori esborsi dopo quelli fatti per le quattro banche risolte (Banca Marche, Banca Etruria, CariChieti e CariFe), molte altre soluzioni per prevenire un fallimento “disordinato” o un “bail in” non esistevano. Così alla fine tanto vale guardare il bicchiere mezzo pieno: se lo Stato pagherà la maggior parte del conto e le istituzioni comunitarie non avanzeranno altre richieste, “alla fine, per Intesa Sanpaolo, farsi carico del problema di Veneto Banca e di Bpvi, potrebbe essere un affare” chiosano gli esperti di Websim.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn6Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Ti può anche interessare

Petrolio riparte, Russia e Arabia Saudita pronte a estendere i tagli produttivi

PETROLIO, SI VA VERSO PROROGA TAGLI – Russia e Arabia Saudita sono favorevoli ad una estension ...

Securities markets: chiamata congiunta da Consob, Esma e Bocconi

Consob, Esma e Università Bocconi varano una call for papers per il convegno "Securities markets: t ...

Rimborso a chi estingue in anticipo anche per le polizze sui mutui

L'obbligo nasce dal Decreto Legge 179/2012 convertito dallaLegge 221/2012. ...