Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi23 giugno 2017 | 11:53

SHANGHAI, PRIMA CONDANNA PER SPEED TRADING – Un tribunale di Shanghai ha inflitto una multa da 101 milioni di dollari a Yishidun International Trading, emettendo un’ordinanza di carcerazione, sospesa, per due suoi dirigenti, in quello che è stato la prima causa in Cina contro un’azienda di speed trading.

101 MILONI DI DOLLARI TRA MULTE E RIMBORSI – La società, che fa capo a due investitori russi, è stata multata per 44 milioni di dollari per aver manipolato il mercato dei future cinesi, e dovrà restituire altri 57 milioni di dollari di profitti, mentre a due dirigenti cinesi dell’intermediario, Go-Yan e Liang Zezhong, sono state comminate pene, sospese, pari rispettivamente a tre anni e due anni e mezzo di reclusione, oltre a multe di 1 milione e di 800 mila yuan.

PECHINO VUOLE EVITARE BIS DEL CROLLO DEL 2015 – Meno fortunato è stato un broker di una altro intermediario, China Fortune Futures, Jin Wenxian, condannato a 5 anni di reclusione e a una multa di 600 mila yuan. Il mese scorso erano già stati multati tre broker cinesi per un totale di oltre 61 milioni di dollari per aver violato le norme sul finanziamento a margine e sulle vendite allo scoperto in una serie di operazioni come contropartita di Citadel Llc durante il crollo dei mercati cinesi del 2015.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Non si ferma la crescita di Credit China

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

Ethenea: il dollaro forte pesa sulla Cina

Fidelity: Cina, cosa porterà l’anno del Gallo

Fintech PapaNatale in Cina

McCabe (Aberdeen Am): “Cosa aspettarsi sul mercato dei bond cinesi”

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

In Cina lanciato megafondo Fintech da 1,5 miliardi di dollari

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Sempre più fondi per il Fintech pechinese

Cina, primi stress test sull’asset management

Venture Capital ormai freddo anche nel Fintech, ma non in Cina

Il Fintech nel futuro della Minsheng Bank, gigante privato cinese

Nel Fintech le dimensioni contano: fra le prime 5 aziende del settore 4 sono cinesi

Boom di assicurati online in Cina: sono 330 milioni di persone

Cina: è tempo di raffreddare la bolla immobiliare?

I robot prendono possesso degli sportelli bancari di Shanghai – Gallery

Ora la Cina fa shopping di FinTech negli Usa

Perché Apple non convince i cinesi (con il suo ultimo evento)?

Vanke, dall’immobiliare al Fintech

Il trading ad alta frequenza in Cina: divieti e scappatoie

Ti può anche interessare

Neuberger Berman: la Fed non porterà via la coppa del punch dal tavolo

LA FED NON MUTERA’ DI COLPO POLITICA MONETARIA – Secondo Neuberger Berman la Federal Reserve ...

Mps sulle montagne russe, gli anchor investor si sono dileguati

Mps apre, viene sospesa al ribasso, poi recupera terreno: gli anchor investor si sono dileguati, int ...

Jupiter rafforza il team italiano con Manzi

Con oltre 15 anni di esperienza nel settore, Erick Manzi contribuirà a sviluppare ulteriormente ed ...