Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi26 giugno 2017 | 10:41

CREDIT SUISSE: LIETO FINE PER LE BANCHE ITALIANE – Un’operazione buona per Intesa Sanpaolo, che oggi sale con decisione a Piazza Affari, e un “happy ending” per le banche italiane. Questo il commento a caldo degli analisti di Credit Suisse alla decisione di varare un “salvataggio” di Bpvi e Veneto Banca che potrebbe costare fino a 17 miliardi di euro ai contribuenti italiani. Per mesi il governo, ricordano gli esperti, ha provato a salvare le due ex popolari venete, ma gli sforzi sono cessati il 23 giugno quando la Bce ha decretato che le due banche erano “fallite o prossime al fallimento” e pertanto la procedura di ricapitalizzazione precauzionale non poteva essere concessa e le due banche dovevano essere sottoposte a procedure di liquidazione in base alla normativa italiana.

OPERAZIONE NEUTRA PER L’ISTITUTO DI CARLO MESSINA – Con Intesa Sanpaolo che ha accettato di acquistare al costo simbolico di un euro “certi asset” sani dei due istituti a fronte di 4,785 miliardi di euro di contributi versati dal governo italiano per evitare che l’operazione avesse un impatto sui coefficienti patrimoniali della banca o rendesse necessario un aumento di capitale (come fatto da Banco Santander per rilevare il Banco Popular Espanol, ndr), lo stato (che rimborserà all’80% del valore 200 milioni di bond subordinati collocati a risparmiatori retail, mentre Intesa Sanpaolo contribuirà per ulteriori 60 milioni) si accollerà un ulteriore rischio di perdite fino a 12 miliardi di euro, ma potrà cercare di recuperare parte della cifra tramite la gestione degli asset conferiti alla bad bank (Npl e crediti in bonis ad elevato rischio) come già accaduto anni fa col salvataggio del Banco di Napoli (ceduto all’Istituto San Paolo di Torino, poi confluito nella stessa Intesa Sanpaolo, ndr).

OUTPERFORM, TARGET A 2,9 EURO, LA BORSA FESTEGGIA – Morale della favola: per gli analisti svizzeri il titolo Intesa Sanpaolo merita un rating di “outperform” (farà meglio del mercato) e un target price di 2,9 euro, mentre per il settore bancario italiano nel suo complesso dovrebbe essere stato rimosso il “rischio sistemico” connesso a questa vicenda. Un lieto fine che per il titolo della banca guidata da Carlo Messina significa un rialzo del 3,2% a Piazza Affari, dove stamane l’azione sala a 2,7 euro dopo che sono passati di mano circa 66 milioni di pezzi, col Ftse Mib che tira a sua volta un sospiro di sollievo guadagnando l’1,09% con altri titoli bancari come Banco Bpm (+2,52%), Bper Banca (+2,77%), Mediobanca (+2,54%), Ubi Banca (+3,46%) e Unicredit (+2,73%) che ringraziano la generosità dello stato italiano e delle istituzioni europee.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

5 buoni motivi per iscriversi a Investments on the road

Cassa di Risparmio di Asti, porte aperte ai giovani

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

SGSS si conferma banca depositaria per Inarcassa

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Santander, eccellenza nella gestione delle risorse umane

Banca del Piemonte dirige la sua nuova Orchestra

Intesa e Altis a braccetto con gli imprenditori del futuro

Consulente, sei incompetente per Mifid2?

Bce, il QE ci lascia in autunno. Forse

Private, Credit Suisse perde Riccucci

Banche, chiusure a raffica per le filiali

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche, Gentiloni punzecchia la Bce

Banche, così saranno quelle del futuro

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Ti può anche interessare

Rataran studia il futuro dell’asset management nell’era del Fintech

L'appuntamento è per il 29 giugno: nell'incontro, che si svolgerà a partire dalle 9 a Palazzo Mezz ...

Forbes, l’edizione italiana debutta in edicola e online

Da domani il volume 1 in lingua italiana del noto magazine statunitense. Al via anche il nuovo sito ...

Caos Spesometro, il termine slitta al 5 ottobre

Il servizio web "Fatture e Corrispettivi", temporaneamente sospeso dalla serata del 22 settembre, sa ...