Banche: ora tocca al dossier Stefanel

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi29 giugno 2017 | 15:55

BANCHE, NUOVE PULIZIE DI BILANCIO IN ARRIVO – Quasi portata a termine la fase di ricapitalizzazione con l’operazione di Unicredit e Ubi Banca (intervenuta per rilevare Banca Marche, Banca Etruria e CariChieti), in via di liquidazione, previa costituzione di una bad bank, Bpvi e Veneto Banca, in prossimità di una decisione per la ricapitalizzazione di Banca Carige e con una parte consistente di cessioni di Npl effettuate (Unicredit) o in via di realizzazione (Mps, Banca Carige e le ex popolari venete), per gli istituti italiani sembra arrivata l’ora di fare un’ulteriore pulizia in bilancio, in particolare concentrandosi sulle partecipazioni non strategiche e sui prestiti più “delicati”.

I CASI PRELIOS E STEFANEL SOTTO I RIFLETTORI DI BORSA – Se nel caso di Bpvi e Veneto Banca questo potrebbe richiedere tempi più lunghi del previsto essendo sia Banca Intermobiliare sia le quote in Arca Sgr finite tra le attività da trasferire alla “bad bank” insieme a 18 miliardi lordi (10 miliardi netti) di Npl, Unicredit, Intesa Sanpaolo e Mps sembrano desiderose di chiudere quanto prima alcuni dossier come Prelios (che vede i due maggiori istituti italiani soci rispettivamente al 10,71% e al 10,22%) e Stefanel, dove anche Mps e Unicredit hanno oggi sottoscritto un accordo di ristrutturazione del debito e rafforzamento patrimoniale già siglato ieri, tra l’altro, da Banco Bpm, Bnl, Intesa Sanpaolo e Credito Fondiario, quest’ultima controllata dai fondi Elliott e di recente ritiratasi dall’operazione di cartolarizzazione degli Npl di Mps).

BPVI E VENETO BANCA DECIDERANNO A LUGLIO SU STEFANEL – Nel caso di Prelios la precisazione giunta su richiesta della Consob che le trattative sono ancora in corso e non è stato raggiunto alcuna intesa ha portato a prese di profitto sul titolo che al momento cede il 5,42% tornando a 11,35 centesimi per azione dopo il +14,85% di ieri, mentre Stefanel fa il “botto” e per il momento è sospesa al rialzo con un teorico guadagno del 21,83% a 23,9 centesimi per azione. Da notare che anche la vicenda Stefanel coinvolge Bpvi e Veneto Banca, che figurano tra i finanziatori della società e che “a causa delle vicende che stanno interessando tali istituti hanno richiesto ed ottenuto un termine ulteriore sino al 21 luglio 2017 per aderire all’accordo” come precisa una nota di Stefanel stessa.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

5 buoni motivi per iscriversi a Investments on the road

Cassa di Risparmio di Asti, porte aperte ai giovani

Banche, la rivoluzione della tecnologia Blockchain

SGSS si conferma banca depositaria per Inarcassa

Consulente formato, mezzo salvato…parola di Mifid 2

Santander, eccellenza nella gestione delle risorse umane

Banca del Piemonte dirige la sua nuova Orchestra

Intesa e Altis a braccetto con gli imprenditori del futuro

Consulente, sei incompetente per Mifid2?

Bce, il QE ci lascia in autunno. Forse

Private, Credit Suisse perde Riccucci

Banche, chiusure a raffica per le filiali

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche, Gentiloni punzecchia la Bce

Banche, così saranno quelle del futuro

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Ti può anche interessare

Bce: per Credit Suisse aumento tassi sui depositi può precedere conclusione QE

CREDIT SUISSE: BCE POTREBBE ALZARE TASSI SU DEPOSITI – La Bce potrebbe ottenere un effetto mag ...

Nuova edizione 2018 per il corso “Da European Financial Advisor a European Financial Planner” di Teseo

IL PERCORSO – “Da European Financial Advisor a European Financial Planner”: torna a partir ...

Goldman Sachs aggiorna i giudizi su Leonardo e Fiat Chrysler Automobiles

GOLDMAN SACH PESA SU LEONARDO – C’è anche lo zampino di Goldman Sachs nel calo che stamane ...