La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi4 luglio 2017 | 11:02

IN TANTI GUARDANO A FRANCOFORTE – Sarà anche “un po’ grigia, un po’ noiosa”, ma in fondo sono così anche la maggior parte dei banchieri. Così Francoforte sta diventando ogni giorno di più l’alternativa a Londra post-Brexit. Questo almeno secondo l’agenzia Bloomberg, che segnala come grandi nomi della finanza mondiale da Standard Chartered a Nomura Holdings, da Sumitomo Mitsui Financial Group a Daiwa Securities Group abbiano già deciso di ridurre la loro presenza nella capitale britannica, mentre altri come Citigroup, Goldman Sachs Group e Morgan Stanley stiano valutando una mossa analoga.

MA LA BREXIT SPOSTERA’ POCHI BANCHIERI – Ciò detto, non sembra che si assisterà ad un crollo della presenza di banche e banchieri a Londra: alla fine solo poche migliaia di addetti potrebbero essere realmente trasferiti da Londra a Francoforte (le stime attualmente parlano di circa 5 mila persone in tutto). Uno spostamento quasi impercettibile nella classifica dei maggiori centri finanziari mondiali (il Global Financial Centres Index), nella quale Francoforte è attualmente solo 23esima, dietro a Shenzen e poco sopra Seul, mentre Londra continua a restare saldamente in testa, davanti a New York.

FRANCOFORTE RESTA TROPPO PICCOLA E POCO SVILIPPATA – Il problema è che Francoforte è storicamente stata sempre e solo la base di due grandi banche d’investimento (Deutsche Bank e Commerzbank), entrambe un po’ acciaccate negli ultimi anni, ma non ha mai sviluppato un ricco tessuto di attività in aree come l’assicurazione, la riassicurazione, l’asset management, i servizi legali, il trading e così via. Tutte aree dove Londra eccelle da secoli e che continueranno a fare la differenza anche dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. L’unico vero asso nella manica di Francoforte sembra essere il fatto che è la sede della Bce e delle autorità che regolamentano il mercato finanziario europeo. Visto però le differenze su base dimensionale (Londra è una città grande dieci volte Francoforte), probabilmente più che un esodo di banchieri nei prossimi anni si verificheranno assunzioni mirate per rafforzare gli staff nella città tedesca, senza particolare impatto sulla City.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn12Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Axa quoterà le attività statunitensi per rafforzarsi nel core business

AXA QUOTERA’ LE ATTIVITA’ USA – Axa ha annunciato che intende procedere all’Ipo delle su ...

Bfc partecipa all’Aim Investor Day 2017

Domani a Piazza Affari si tiene un evento interamente dedicato al mercato finanziario delle piccole ...

Juventus Fc prolunga il rally a Piazza Affari

JUVE SPRINT DOPO IL 3-0 AL BARCELLONA – Grazie Barcellona! Dopo la vittoria per 3-0 contro i c ...