Le criptovalute piacciono anche all’ex trader di Credit Suisse

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi12 luglio 2017 | 15:40

L’EX TRADER DIVENUTO STARTUPPER – Lui si chiama Nikolay Storonsky, è russo di nascita, e che sia sveglio lo testimonia il fatto che lavorava come trader sui derivati per Credit Suisse Group a Londra fino a due anni fa, quando con Vlad Yatsenko, developer che all’epoca lavorava per Deutsche Bank ha deciso di fondare la startup Revolut. Revolut finora ha offerto servizi bancari guadagnando tramite l’applicazione di commissioni sui prelievi agli ATM e ottenendo una parte delle commissioni che i merchant applicano sui pagamenti nei negozi.

REVOLUT FIUTA L’AFFARE CRIPTOVALUTE – Adesso però Revolut ha fiutato un business molto più interessante, quello del trading sulle criptovalute, così ha raccolto 66 milioni di dollari da investitori come Index Ventures, Balderton Capital o Ribbit Capital. I capitali serviranno a finanziare l’espansione di Revolut (che attualmente impiega 140 persone tra Londra, Cracovia e Mosca) in Nord America (New York) e Asia (Singapore) e a lasciare che i suoi clienti detengano, scambino, spendano e trasferiscano criptovalute come i bitcoin o gli ethereum. Nei prossimi mesi Revolut dovrebbe raccogliere ulteriori 5 milioni tramite la piattaforma di crowdfunding Seedrs.

SI PUNTA AD UTILI DA TRADING – In questo caso però Revolut anziché applicare una commissione sulle transazioni guadagnerà grazie alla differenza dei prezzi d’acquisto e di vendita delle criptovalute utilizzate dai clienti, agendo in pratica da “market maker” su un mercato dominato da una volatilità elevatissima (i bitcoin sono i calo del 20% rispetto al picco di 3 mila dollari per bitcoin toccato lo scorso 12 giugno, gli ethereum hanno registrato cali ancora maggiori nelle ultime settimane). Intanto le banche stanno a guardare.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bitcoin e fondi, questo matrimonio non s’ha da fare

Miliardari coi Bitcoin, storia dei fratelli Winklevoss

Esma: “Occhio ai rischi delle criptovalute”

Miccoli (Conio): “I bitcoin? Meglio destinarvi non più dell’1,5% del portafoglio”

Bitcoin, nasce il primo fondo che investe in critptovalute

Bitcoin, mille bancomat in Italia

La corsa del bitcoin? Colpa (o merito) degli hedge fund

Bill Miller, l’ex manager di Legg Mason che punta sui Bitcoin

Il bitcoin? È una truffa. O forse no

Cresce la moda dei cripto-hedge fund

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Goldman Sachs analizza le criptovalute

Swissquote adotta i Bitcoin

Falcon Pb punta sui Bitcoin

Binck Italia permette di investire nei bitcoin

Goldman Sachs, appello degli hedge fund per coprire i bitcoin

Investire in Bitcoin ed Ethereum, eToro lancia il CopyFund sulle criptovalute

Monete digitali: Ethereum supererà Bitcoin entro il 2018

Gli italiani e l’investimento in Bitcoin

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Perché il valore del Bitcoin è raddoppiato in un anno fin sopra i 1.000 dollari

Le valute virtuali non rimpiazzeranno le monete tradizionali

Le valute virtuali non rimpiazzeranno le monete tradizionali

Esplode il fenomeno Monero, il Bitcoin del mercato nero

Bitcoin: le grandi banche studiano valuta digitale alternativa

Rapina di Bitcoin in Bitfinex: prendono il volo 65 milioni di dollari

In arrivo il primo ETF per comprare Bitcoin come fossero azioni

iPayYou, come pagare in Bitcoin su Twitter

Vontobel lancia certificato d’investimento sui Bitcoin

Per Citigroup bitcoin non è una minaccia per le banche

Peter Smith and the Blockchain adventure

Monete virtuali, un incentivo alla frode?

Ti può anche interessare

Azimut conferma la guidance

Nel primo trimestre utile tra 57 e 67 milioni, ricavi tra 198 e 215 milioni, raccolta a 1,7 miliardi ...

Borse reagiscono al discorso di Theresa May sulla Brexit

THERESA MAY: PARLAMENTO DECIDERA’ SU BREXIT – Il premier britannico Theresa May chiede al pa ...

Mps: un modello di business da rivedere nel credito alle imprese

Mps in questi anni ha prestato molto ai grandi gruppi italiani. Ma non sempre i risultati sono stati ...