Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi21 luglio 2017 | 10:30

CINA: GANG COLPEVOLE DI CORRUZIONE – Yao Gang, dal 2008 vice presidente e numero due della China securities regulatory commission (Csrc, l’equivalente cinese della Consob, ndr), considerato il “re delle Ipo” cinesi, è stato giudicato colpevole di corruzione al termine di un’indagine durata due anni da parte della Central commission for discipline inspection (Ccdi).

IL RE DELLE IPO ESPULSO DAL PARTITO – La Ccdi ha trovato Gang colpevole di aver “vilato la disciplina di partito”, avendo “abusato del suo potere per cercare benefici personali” e avendo “accettato forti somme di denaro”. Immediata per Gang la rimozione dal suo incarico e l’espulsione dal partito comunista cinese. Il soprannome “re delle Ipo” gli venne attribuito per la rapidità con cui Gang approvava le pratiche per il debutto delle matricole sui listini azionari cinesi.

TUTTO RISALE AL CRASH DEL 2015 – Negli ultimi anni Yao Gang era stato trasferito ad occuparsi di sovraintendere al mercato obbligazionario e dei future. Ma dopo il crash del mercato azionario cinese del 2015, che causò perdite per 5 mila miliardi di dollari, l’apertura di indagini fece emergere come il crash fosse stato in parte dovuto a speculazioni finanziarie e come Gang stesso avesse effettuato operazioni di insider trading. Sotto inchiesta resta al momento anche Xiang Junbo, in precedenza a capo dell’autorithy bancaria cinese.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Private banking, chi comanda nel mercato cinese

La Cina vieta le Ico, crollano le quotazioni di Bitcoin ed Ethereum

Gam, in Cina, è il momento di guardare alle banche e all’old economy

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

Cina: crescono i ricchi, ma meno che in passato

Paperoni con gli occhi a mandorla

La Cina standardizza i BigData

Il mobile banking dilaga nella Cina rurale

La “lunga marcia” di China Rapid Finance

JD Finance pronta a camminare da sola

Non si ferma la crescita di Credit China

Nuovo crollo del Bitcoin: la colpa è ancora della Cina

“Un sospeso” da Starbucks con WeChat

Ethenea: il dollaro forte pesa sulla Cina

Fidelity: Cina, cosa porterà l’anno del Gallo

Fintech PapaNatale in Cina

McCabe (Aberdeen Am): “Cosa aspettarsi sul mercato dei bond cinesi”

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Ubp: Cina, nel 2017 occhi puntati sull’azionario

In Cina lanciato megafondo Fintech da 1,5 miliardi di dollari

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Sempre più fondi per il Fintech pechinese

Cina, primi stress test sull’asset management

Venture Capital ormai freddo anche nel Fintech, ma non in Cina

Il Fintech nel futuro della Minsheng Bank, gigante privato cinese

Nel Fintech le dimensioni contano: fra le prime 5 aziende del settore 4 sono cinesi

Boom di assicurati online in Cina: sono 330 milioni di persone

Cina: è tempo di raffreddare la bolla immobiliare?

I robot prendono possesso degli sportelli bancari di Shanghai – Gallery

Ora la Cina fa shopping di FinTech negli Usa

Perché Apple non convince i cinesi (con il suo ultimo evento)?

Vanke, dall’immobiliare al Fintech

Il trading ad alta frequenza in Cina: divieti e scappatoie

Ti può anche interessare

Inizio di giornata svogliato a Piazza Affari

PIAZZA AFFARI TIRA IL FIATO – Inizio di giornata in punta di piedi a Piazza Affari, dove anche ...

Barclays vuole potenziare le attività a Dublino in vista della Brexit

BARCLAYS GUARDA A DUBLINO PER IL DOPO BREXIT – Barclays sta parlando con le autorità finanzia ...

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

PIL USA FRENA NEL PRIMO TRIMESTRE – Apparente brusca frenata della crescita Usa, che nel primo ...