Crediti problematici, Intesa Sanpaolo, Unicredit, KKR e M&A al lavoro

A
A
A

Intesa Sanpaolo e Unicredit hanno siglato un memorandum d’intesa con M&A e KKR per studiare una soluzione per valorizzare un portafoglio di crediti in ristrutturazione

Luca Spoldi di Luca Spoldi22 aprile 2014 | 09:15

INTESA E UNICREDIT SUI BLOCCHI Intesa Sanpaolo (-0,08%) e Unicredit (-0,15%) oscillano poco sotto i valori di venerdì a metà mattinata a Milano, dopo che in una nota le due banche hanno confermato di aver siglato insieme a Alvarez & Marshal (A&M) e alla società di private equity americana Kohlberg Kravis Roberts (Kkr) un protocollo d’intesa per “sviluppare e realizzare insieme una soluzione innovativa, finalizzata a ottimizzare e massimizzare il valore di un selezionato portafoglio di crediti in ristrutturazione”.

FT: BAD BANK IN ARRIVO – Il Financial Times aveva anticipato di alcune ora l’annuncio di un accordo destinato a spianare la strada alla futura costituzione di una “bad bank” che assorbisse parte dei crediti deteriorati dei due istituti, ipotesi che circolava del resto già da alcune settimane. I due istituti, peraltro, sottolineano oggi come non si possa ancora parlare di “bad bank” perché l’accordo siglato è relativo a crediti non ancora deteriorati e senza l’esplicita intenzione di dismetterli, essendo semmai finalizzato a riportare a redditività le aziende che hanno richiesto i finanziamenti.

BANCHE GIA’ IN MOVIMENTO – Entrambe le banche hanno nel frattempo dato vita a delle “bad bank” interne: Unicredit ha identificato 87 miliardi lordi di prestiti problematici segnalando di volerne dismettere 55 miliardi entro il 2018, mentre Intesa Sanpaolo ha isolato 46 miliardi di asset problematici e annunciato l’intenzione di dismetterli entro i prossimi 4 anni. Resta dunque da valutare quali e quanti crediti i due istituti conferiranno al nuovo veicolo finanziario che nascerà dall’accordo siglato oggi.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Assogestioni, Ubi Banca scatta in testa a ottobre

Diamanti in banca, come riavere i soldi da Intesa Sanpaolo

Banche venete, Intesa Sanpaolo firma accordo con i sindacati

Diamanti in banca, Intesa Sanpaolo rimborsa tutti

Intesa Sanpaolo, il wealth management sostiene gli utili

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Banca Imi: ecco a voi una nuova obbligazione in euro

Seduta positiva per le maggiori banche italiane ed europee

Risparmio gestito, Eurizon stacca tutti

Unicredit e Mediobanca sotto i riflettori a Piazza Affari

Intesa Sanpaolo: continua l’idilio del mercato con la banca guidata da Carlo Messina

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Intesa, colpo grosso per Fideuram

Ischia, Intesa e UniCredit in campo per le vittime del terremoto

Fideuram Ispb sopra la vetta dei 200 miliardi

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Inizio di giornata svogliato a Piazza Affari

Prelios rimbalza, Mediobanca ha concluso le sue attività

Risparmio gestito, a maggio ruggisce il Leone

Credit Suisse approfondisce analisi su Intesa Sanpaolo

Blueindex: seduta a passo di carica per le banche italiane

Borse europee, una mattinata ricca di spunti operativi

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Le popolari venete passano a Intesa Sanpaolo

Banche venete, il salvagente di Intesa Sanpaolo

Piazza Affari: oggi occhio a Intesa Sanpaolo e Banca Carige

Popolari venete, è il giorno decisivo

Intesa Sanpaolo è la prima banca italiana a emettere green bond

Mps, cartolarizzazione Npl pare in stallo

Piazza Affari: occhio alle banche

Aumento Banco Santander, la lista dei potenziali collocatori si allunga

Intesa Sanpaolo valuta evolversi crisi ex popolari venete

Ti può anche interessare

Banca Carige, c’è maretta ai piani alti

TENSIONI IN SENO AL CDA – L’aumento di capitale da 450 milioni di euro si avvicina e il clim ...

Wall Street potrebbe migliorare i suoi massimi nelle prossime settimane

WALL STREET PRONTA A RIPARTIRE? – Wall Street potrebbe essere alla vigilia di un nuovo balzo, ...

Blue Financial Communication: il fatturato cresce del 70% nel 2016

Il fatturato è di 2,935 milioni di euro, l'EBITDA è di 267.357 euro (pari al 9,1%) e l'utile è di ...