A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi25 luglio 2017 | 10:57

CRYAN SALVERA’ DEUTSCHE BANK DA SE STESSA? – Riuscirà John Cryan a salvare Deutsche Bank da se stessa? Se lo chiede l’agenzia Bloomberg ricordando come il 56enne banchiere britannico a capo del colosso tedesco sia riuscito a far superare il momento peggiore, legato agli scandali finanziari di questi ultimi anni, eppure negli ultimi due anni la banca ha accumulato altri 8 miliardi di euro di perdite mentre molti altri concorrenti tornavano a registrare degli utili.

I DANNI DI UN TRADING TROPPO AGGRESSIVO – Una cultura “aggressiva” nel trading ha danneggiato la reputazione dell’istituto riguardo i suoi clienti, investitori e regolatori, aggiunge Bloomberg, ricordando come ancora lo scorso giugno i trader del gruppo tedesco abbiano perso 60 milioni di dollari in una scommessa errata in derivati, cosa che suggerisce che quanto meno vi siano ancora dei problemi nelle pratiche di risk management.

SI RIPARTE DALLE FONDAMENTA, MA SERVIRANNO ANNI – La decisione di non ritirarsi dalle attività di intermediazione ed anzi cercare di approfittare dei passi indietro di alcuni concorrenti, dopo il 2008, per guadagnare quote di mercato non ha pagato, così Cryan ha deciso di ricostruire il gruppo dalle fondamenta e col Progetto Oak Tree intende rifocalizzarne le attività sulla Germania. Un progetto che mira a recuperare anche valori fondamentali persi in questi anni rafforzando i controlli legali, rinnovando i sistemi informatici, ridisegnando la cultura del trading e ribilanciando la base clienti. Tutte operazioni che richiederanno anni per riuscire, così la prudenza continua a prevalere tra gli investitori.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

La Blockchain oltre il Bitcoin: come investire nella tecnologia del futuro

Manca poco al webinar organizzato da Bluerating e sponsorizzato da Vontobel ...

Joseph Little (Hsbc Global Asset Management): spazio ai portafogli diversificati

AMBIENTE FAVOREVOLE AGLI ASSET RISCHIOSI – Abbiamo ormai passato la metà anno ed è tempo di ...

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

UBI BANCA PIACE A MEDIOBANCA – Ubi Banca sugli scudi a Piazza Affari, dove a metà pomeriggio ...