Unicredit, titolo poco mosso dopo l’attacco informatico

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi26 luglio 2017 | 09:56

UNICREDIT DENUNCIA INTRUSIONE INFORMATICA – Unicredit in calo dello 0,76% a 16,89 euro per azione dopo i primi scambi sul listino di Milano, complice l’annuncio dato dalla banca in una nota di aver subito una “intrusione informatica in Italia con accesso non autorizzato a dati di clienti italiani relativi solo a prestiti personali”. Tale accesso “è avvenuto attraverso un partner commerciale esterno italiano” precisa la nota dell’istituto. Secondo le prime ricostruzioni, “una prima violazione sembra essere avvenuta nei mesi di settembre e ottobre 2016, mentre è stata appena individuata una seconda intrusione avvenuta nei mesi di giugno e luglio 2017”.

COLPITI 400 MILA CLIENTI IN ITALIA – Unicredit ritiene che nei due periodi “siano stati violati i dati di circa 400.000 clienti in Italia”. La banca precisa che non è stato acquisito nessun dato, quali le password, che possa consentire l’accesso ai conti dei clienti o che permetta transazioni non autorizzate. “Potrebbe invece essere avvenuto l’accesso ad alcuni dati anagrafici e ai codici IBAN”. UniCredit ha informato le autorità competenti avviando uno specifico audit sul tema. In mattinata, formalizzerà altresì un esposto presso la Procura della Repubblica di Milano.

NIENTE MAIL O TELEFONATE DIRETTE – La banca ha inoltre immediatamente adottato tutte le azioni necessarie volte ad impedire il ripetersi di tale intrusione informatica e contatterà i clienti interessati mediante canali di comunicazione specifici. Per ragioni di sicurezza non verranno utilizzate la posta elettronica o le telefonate dirette. Unicredit ricorda infine che il gruppo “sta investendo 2,3 miliardi di euro per rafforzare e rendere sempre più efficaci i propri sistemi informatici”.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Seduta positiva per le maggiori banche italiane ed europee

L’iPhone day fa correre Stmicroelectronics a Milano

Unicredit e Mediobanca sotto i riflettori a Piazza Affari

Da Swiss Re a Generali, assicurativi aprono in ripresa in Europa

Piazza Affari, occhio a Banca Carige, Unipol e Banca Mediolanum

Mps punta a tornare sul listino a inizio ottobre

Banco Bpm prudente, ma si attendono novità positive

Ferrari a un passo dai 100 euro, gli analisti si dividono sul futuro

Unieuro oggi batte un poco meno forte a Piazza Affari

Pirelli punta a tornare in borsa a ottobre

Banca Ifis vede utile raddoppiare a fine anno, non esclude acquisizioni

Fca prosegue la sua corsa, nuovo record storico in borsa: 13,5 euro

Generali: attesa per cessioni riporta interesse sul titolo

Geely dopo Volvo conquista anche Lotus, chi sarà il prossimo?

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Anche Mittel in corsa per Quadrivio Sgr?

Banca Generali: commissioni a tutto gas nel primo semestre

Ubi Banca: semestrale ok ma sul titolo pesa l’effetto Trump

Anima Holding frena nonostante buona raccolta di luglio

I numeri semestrali fanno correre Banca Ifis

Piazza Affari, giornata positiva grazie alle banche

Credem positivo dopo la trimestrale

Anima sottotono dopo acquisizione Aletti Gestielle

Al cavallino serve un Suv per correre ancora in borsa

Banca Carige: trimestrale con luci ed ombre, il titolo perde quota in borsa

Unipol: il semestre chiude in rosso, ma meno del previsto

Prelios prova un ulteriore scatto dopo rilancio Burlington

Poste Italiane attende i conti, non risente di via libera a Ddl concorrenza

Generali in allungo, i conti sono piaciuti

Banca Intermobiliare non reagisce in borsa alla cessione di Bim Suisse

Exprivia tira il fiato dopo acquisizione 81% Italtel

Azimut, Anima e FinecoBank: risparmio gestito sotto i riflettori a Milano

Prelios in rosso, respinta dai grandi soci la contro offerta di Cefc

Ti può anche interessare

Bluerating: Banco Bpm continua a brillare

IL 2017 SARA’ L’ANNO DI BANCO BPM? – Se il buon giorno si vede dal mattino il 2017 sarà u ...

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

MIGLIORA SCENARIO MACRO – Lo scenario macroeconomico italiano va schiarendosi, con Moody’s c ...

Julius Baer: risultati dei primi quattro mesi positivi, ma i costi vanno ancora ridotti

PATRIMONIO GESTITO SALE DEL 6% IN QUATTRO MESI – Julius Baer ha visto il patrimonio sotto gest ...