Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi26 luglio 2017 | 10:26

GACS, SI VA VERSO PROROGA – Il governo pare intenzionato a rinnovare, come da attese, le garanzie pubbliche sulle cartolarizzazioni (Gacs), in scadenza il 16 agosto. Il relativo decreto dovrebbe arrivare nei prossimi giorni, tra la fine di luglio e l’inizio di agosto, subito dopo la conversione in legge del decreto relativo al salvataggio delle due banche venete e la messa in sicurezza di Mps.

FINORA UTILIZZO LIMITATO – L’estensione delle Gacs sarebbe per ulteriori 18 mesi, ma avverrebbe secondo indiscrezioni di stampa ad un costo superiore a quello attuale a causa della variazione degli spread di credito di alcuni emittenti. L’obiettivo è naturalmente quello di incoraggiare l’uso di uno strumento finora poco utilizzato dalle banche. Vi hanno fatto ricorso al  momento solo Banca popolare di Bari (per un’emissione di Npl di 480 milioni), Banca Carige (per 938,3 milioni) e Creval (per 1,5 miliardi).

UNICREDIT E MPS CI STANNO PENSANDOUnicredit ha già fatto sapere che potrebbe valutare di utilizzare le Gacs nei prossimi mesi per il portafoglio “Fino” (da 17,7 miliardi complessivi), come pure Mps per la sua cartolarizzazione da 28,6 miliardi. Ulteriori istituti potrebbero aggiungersi entro la fine dell’anno, grazie alla crescente effervescenza del mercato italiano dei crediti deteriorati. Al momento tuttavia non si registrano reazioni particolarmente positive da parte dei titoli del comparto bancario, con solo Intesa Sanpaolo che a Piazza Affari sale dello 0,28%, mentre sono in rosso Banco Bpm, Bper Banca, Ubi Banca e Unicredit.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

ITForum 2018, tutto pronto per il grande evento

Questa edizione, organizzata da Investment & Trading vedrà l’alternarsi di numeri workshop, t ...

Gooruf Asia, allo studio un progetto di Ico

Asia, Regno Unito e Italia i mercati-target della campagna di prevendita basata sulla tecnologia Blo ...

Unicredit, titolo poco mosso dopo l’attacco informatico

UNICREDIT DENUNCIA INTRUSIONE INFORMATICA – Unicredit in calo dello 0,76% a 16,89 euro per azi ...