Risparmio e pianificazione, ecco un caso concreto

A
A
A

Il caso concreto di una coppia, Leonardo e Sara, che ha una figlia e specifiche esigenze e obiettivi di investimento a lungo termine.

di Redazione17 giugno 2014 | 10:44

Gli input. Leonardo, nato il primo luglio 1974, geometra, lavora come autonomo nel settore privato dall’1 giugno 1999. Ha un reddito netto di 26.000 euro e un consumo di 15.000 euro annui. È sposato con Sara, nata l’uno giugno 1977, ragioniera, impiegata nel settore privato dall’1 giugno 2002 con un reddito netto di 18.000 euro e un consumo annuo di 10.000 euro. La famiglia ha altri redditi netti pari a 3.600 l’anno. Hanno una figlia, Emma, nata il primo settembre 2005, che consuma 8.000 euro. La situazione patrimoniale evidenzia 133.000 euro in attività finanziarie, un’abitazione del valore di 270.000 euro acquistata nel febbraio del 2000 con un mutuo di 100.000 euro, tasso fisso, durata 30 anni, rata pari a 450 euro. Inoltre, hanno altre attività reali per 41.000 euro. Le esigenze e gli obiettivi di investimento sono, in ordine di priorità: 1) realizzare una scorta monetaria e un fondo di emergenza per pagamenti e gestione degli imprevisti di relativa entità; 2) realizzare un accantonamento finanziario per una sufficiente autonomia finanziaria in caso di riduzione delle entrate da lavoro e sopportare eventuali crisi dei mercati; 3) assicurare a Emma la frequenza dell’iter educativo che, a partire dal 2015, contempli i costi del termine della scuola primaria (900 euro), della scuola secondaria di primo grado (2016-2018: 1.000 euro annui) e di secondo grado (2019- 2023: 1.500 euro annui) e la frequenza universitaria quinquennale (2024-2028: 3.000 euro annui); 4) acquistare una casetta del valore di 130.000 euro nel 2024; 5) incrementare la ricchezza nel tempo.

Gli output. Elaborare un report che evidenzi: a) l’analisi del conto economico del 2014 e, in caso di deficit di risparmio mensile, la quantificazione di un fondo di copertura; b) la dinamica del conto economico prospettico in funzione del ciclo di vita familiare; c) la stima, con procedure obiettive, delle somme per realizzare la scorta monetaria; d) la verifica se con le risorse residue possano essere raggiunti gli obiettivi al punto 3 e 4 e, se no, con quale distanza; e) la quantificazione dell’incremento della ricchezza nel 2034; f) la strategia di investimento “life cycle” che, con il vincolo dell’attitudine al rischio, consenta di conseguire gli obiettivi prefissati.

*presidente di Progetica

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Consob e la macchina delle sanzioni

Ecco il menù di Bnp Paribas a ITForum 2018

Consulenza finanziaria in semplicità

Le nuove regole dei servizi d’investimento, facciamo il punto

Morgan Stanley IM: Panta rei, dal cambiamento del clima d’investimento al cambiamento dirompente

Assoreti, Molesini presidente

L’eleganza ad alta temperatura

ITForum 2018, tutto pronto per il grande evento

Un carico di obbligazioni con destinazione ITForum

WisdomTree, CoCome ti innovo l’obbligazionario

Il gestore che non teme il populismo (ma altro) in Italia

Investimenti: il 2022 “ambizioso” di Fca

Investimenti, preparatevi all’inflazione giapponese

Consulenti, un webinar per conoscere i certificati

Fuori le obbligazioni dal bail in, la mossa di Eba ed Esma

OCF, la soddisfazione delle scf in attesa del 2019

ITForum, ecco il menù degli investimenti

Consulenza fiscale, la nuova era digitale

Mini Futures per grandi investitori

MFS, A caccia di alpha in un mercato complesso

La nuova privacy invade la consulenza

Tutte le sorprese di Fineco all’ITForum

Esma mette la museruola all’high frequency trading

Forbes.it è online

La tecnologia al servizio degli investimenti

Che bello lavorare in Credem

Fondi obbligazionari, tre lustri di delusioni

Ascosim dalla parte del Santo Padre

Fondi, con Fidelity la commissione è variabile

Bim boccia il prezzo dell’opa

A lezione di tesoreria da AcomeA

Anche eToro introduce un wallet per le criptovalute

La blockchain oltre il bitcoin, rivivi il webinar

Ti può anche interessare

Creval, l’aumento di capitale fa (quasi) il pieno

Adesioni all’83% ma, con il consorzio di sub-garanzia, si arriverà al 100%. ...

Titoli petroliferi: non è ancora il caso di indulgere nell’ottimismo

PETROLIO, SALE PRODUZIONE USA E LIBIA – Ulteriore debolezza in vista per il petrolio: il numer ...

Fondi obbligazionari, tre lustri di delusioni

Costi esagerati rapportati ai rendimenti. Uno studio di Morningstar, condotto su 25 categorie del r ...