Buenos Aires di nuovo in default

A
A
A

Buenos Aires non riesce a trovare l’accordo coi creditori, così dalle ore 6 italiane di stamane cade nuovamente in default. Standard & Poor’s taglia il rating a “CCC-“, Goldman Sachs spera ancora

Luca Spoldi di Luca Spoldi31 luglio 2014 | 07:51

DEFAULT BIS PER L’ARGENTINA – L’Argentina è da poco più di tre ore ufficialmente in default per la seconda volta in tredici anni. A nulla sono valsi i colloqui tra i possessori dei bond finiti in default nel 2001 che non avevano accettato lo swap del 2005 (riaperto nel 2010 alle stesse condizioni), tra cui alcuni fondi hedge americani come Elliott Management, e i rappresentanti di Buenos Aires che ora accusano l’avidità dei primi e le incertezze di giudizio mostrate dal giudice Thomas Poole Griesa che ordinando di bloccare ogni pagamento sui titoli offerti in cambio dei bond in default ha di fatto generato l’empasse che ha portato al default.

S&P’S TAGLIA RATING, GOLDMAN SACHS SPERA ANCORA – Differenti le reazioni alla notizia: se Standard & Poor’s ha dichiarato il paese in default e tagliato il rating sovrano a “selective default” da “CCC-” (a cui l’aveva già portato il 17 giugno scorso) anche perché 29 miliardi di dollari di titoli sono soggetti alla clausola detta “di cross default” in base alla quale i sottoscrittori possono chiedere l’immediato rimborso in caso di default su altri titoli (somma equivalente all’intero ammontare delle riserve in valuta estera dell’Argentina), secondo Goldman Sachs Buenos Aires potrebbe invece raggiungere già nelle prossime settimane un accordo in extremis relativo al pagamento di 1,5 miliardi di interessi sui bond in default (si è parlato della possibilità che alcune banche acquistino i titoli subentrando al Tesoro argentino come obbligati per poi procedere al pagamento).

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Il ritorno dei Tango Bond

Tango bond, venerdì scade l’offerta del 150% del governo argentino

Default argentino: Jp Morgan pronta a intervenire

Ti può anche interessare

Brexit: la Ue resta compatta, per ora Theresa May non parla dei costi

BREXIT COSTERA’ CARA ALLA GRAN BRETAGNA– La Brexit rischia di costare molto cara alla Gran B ...

Credit Suisse: volatilità in crescita, occhio a Unicredit

RISULTATO NON ANCORA SCONTATO DAL MERCATO – La vittoria del “no” era nell’aria, ma che i ...

Brexit: l’ultima parola spetterà al Parlamento, non al premier May

Brexit: sarà il voto del Parlamento inglese, non una decisione del premier Theresa May, a decidere ...