Exprivia tira il fiato dopo acquisizione 81% Italtel

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi1 agosto 2017 | 12:40

EXPRIVIA TIRA IL FIATO – Exprivia in calo dell’1,64% a Piazza Affari col titolo che scivola a 1,2 euro per azione con poco più di 406 mila pezzi passati di mano dopo che ieri l’assemblea straordinaria dei soci ha deliberato l’approvazione del progetto di fusione per incorporazione in Exprivia Spa delle società controllate (al 100%) Exprivia Digital Financial Solution Srl, Exprivia Healthcare IT Srl ed Exprivia Telco & Media Srl.

PERFEZIONATO ACQUISTO 81% ITALTEL – Negli scorsi giorni Exprivia, che nell’ultima settimana ha guadagnato il 4,7% in borsa e che rispetto a 12 mesi or sono segna un rialzo di oltre il 90%, aveva perfezionato gli accordi giuridicamente vincolanti per acquisire, per 25 milioni di euro, una quota dell’81% di Italtel Spa entro il dicembre 2017, società che nel 2016 ha registrato un fatturato di 405 milioni e un Ebitda di 19 milioni registrando un indebitamento finanziario netto a fine anno di 217 milioni.

TRA TRE ANNI LA DECISIONE SULL’INTEGRAZIONE – In questo caso è previsto che per almeno 3 anni i marchi e le società resteranno separate, dopo di che si aprirà una “finestra” per valutare l’opzione di integrazione, ossia portare a compimento il progetto di fusione tramite creazione di una Newco che ad oggi varrebbe 600 milioni (a fronte dei 64 milioni scarsi di capitalizzazione corrente di Exprivia) o se ripensare il progetto ex novo.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

World Economic Forum: Christine Lagarde chiede riforme contro populismo

OCCORRE DISTRIBUIRE DI PIU’ LA RICCHEZZA – Il numero uno del Fondo monetario internazionale ...

Blueindex: testa a testa tra BlackRock e Invesco

TESTA A TESTA AI VERTICI DEL BLUEINDEX – Testa a testa tra BlackRock e Invesco per la prima po ...

Petrolio riparte, Russia e Arabia Saudita pronte a estendere i tagli produttivi

PETROLIO, SI VA VERSO PROROGA TAGLI – Russia e Arabia Saudita sono favorevoli ad una estension ...