Allianz Global Investors: le tre “frecce” per la crescita dell’Eurozona

A
A
A

I responsabili politici europei dovrebbero rafforzare le tre “frecce” a loro disposizione per rimettere la zona Euro sul sentiero della ripresa sostenibile.

di Redazione27 agosto 2014 | 09:50

Sono passati due anni da quando il presidente della Bce Mario Draghi ha fatto la sua determinante promessa di salvare l’euro. L’intervento ha posto fuori gioco per ora la questione della sopravvivenza dell’euro, ma la debole performance economica dell’eurozona tradisce le sfide che rimangono. Mentre i recuperi statunitensi e britannici proseguono a ritmi elevati, l’area Euro è perseguitata dallo spettro della deflazione, che ricorda gli anni 90 in Giappone. Qualunque sia l’esito finale dell’Abenomics giapponese, i responsabili politici europei dovrebbero rafforzare le tre “frecce” a loro disposizione per rimettere la zona Euro sul sentiero della ripresa sostenibile – spiega Andreas Utermann, Global CIO di Allianz Global Investors.

1. Una politica monetaria accomodante
La prima freccia per l’Europa è il mantenimento di una politica monetaria accomodante. Secondo alcuni, la BCE si è già spinta troppo oltre nel trasferimento della ricchezza dai risparmiatori ai debitori. Questa azione, tuttavia, è necessaria per allontanare una deflazione in “stile giapponese” e potrebbe anche doversi rafforzare in assenza di una leadership politica coesa nell’area Euro.

2. L’agenda delle riforme

La seconda freccia della zona Euro dovrà essere un’azione più concertata su pensioni, mercato del lavoro e riforme fiscali. Mentre la crisi ha accelerato riforme pensionistiche in Grecia, Spagna e Italia, l’ampiezza dei problemi che devono affrontare molti paesi europei non è stata adeguatamente affrontata. La spesa pensionistica nella maggior parte dei paesi della zona Euro è già oltre il 10% del PIL, rispetto a circa il 4%, 5% e l’8% in Australia, Stati Uniti e Regno Unito. Queste pressioni si intensificheranno all’allungarsi dell’aspettativa di vita ed all’aumentare del rapporto tra pensionati e lavoratori. Aumentare l’età effettiva di pensionamento è una sfida politica fondamentale per l’eurozona. Altre riforme del lavoro sono poi essenziali, in particolare i responsabili politici devono affrontare l’impatto della tutela eccessiva di lavoratori, imprenditori e persone prive di un’occupazione. Sono inoltre necessarie misure fiscali per ridurre le disuguaglianze e creare maggiore domanda da parte dei consumatori. La maggior parte della discussione si è concentrata su tasse più alte per le persone che beneficiano di una più elevata ricchezza, ma si potrebbe fare di meglio con una maggiore enfasi sulla riduzione fiscale.

3. Investimenti in infrastrutture
La terza freccia per la zona Euro dovrebbe essere un programma di investimenti, in particolare nel settore delle infrastrutture. Se ne è parlato in una serie di paesi, più di recente in Francia, ma la portata e la realizzazione di tali investimenti è ancora lontana. Anche sotto tale profilo, la Germania ha il potenziale maggiore. La riunificazione ha portato massicci investimenti di capitale nella parte orientale del paese, a discapito di investimenti in quella occidentale. Gli investimenti annuali di capitale pubblico in Germania sono diminuiti costantemente da circa il 4% del PIL nel 1970 a una media di appena l’1,6% dal 2000, ancor meno che negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Uno studio dell’Istituto Tedesco di Ricerca Economica ha segnalato proprio una cronica mancanza di investimenti in infrastrutture, istruzione e fabbriche, che rischia di minare la competitività e la crescita a lungo termine del paese.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Allianz GI: nella disruption generale, la gestione attiva è fondamentale

Allianz Global Investors rafforza la struttura commerciale in Italia

Tensioni geopolitiche primo fattore di rischio percepito

Allianz GI: Bce, quale scenario per la riunione del 7?

AllianzGI prende Mahajan da MetLife

E’ IN EDICOLA IL NUOVO IFINANCE: ECCO LE ESCLUSIVE DI QUESTO NUMERO

Chan (Allianz Gi): “Perché le azioni asiatiche hanno ancora appeal”

Allianz GI lancia la prima strategia di investimento sull’intelligenza artificiale

Allianz Brazil Equity At rimbalza, ma il bilancio resta in rosso da inizio anno

Allianz GI: la svalutazione del Renminbi e l’impatto sui mercati

Allianz Global Investors getta le reti a Marr e va sopra il 5%

Allianz Global Investors, Tobias Pross a capo del business Emea

Ras Lux Equity Europe torna a far sorridere i sottoscrittori

Alberto D’Avenia (Allianz GI): “nella seconda parte dell’anno puntiamo alla gestione attiva”

Allianz Global Investors Top Funds Marzo 2013

Allianz Global Investors Top Funds Febbraio 2013

Allianz Global Investors Top Funds Gennaio 2013

Allianz GI arricchisce l’applicazione con nuovi tool e contenuti

Le parole del gestore: Allianz GI, meglio il debito del Nord Europa

Fondi, Allianz GI fa crescere l’offerta di Fineco

Crisi: alla ricerca di rendimenti reali positivi

Allianz GI, l’economia verde ridarà slancio alla crescita

Il sesto ciclo Kondratieff: fase di crescita trainata dall’economia sostenibile

Banche spagnole, Allianz GI: la saga continua

Allianz gi, per Neil Dwane l’azionario resta interessante

Sport e finanza, impegno e costanza. Parola di ct

Risparmio gestito – AllianzGI punta sulla distribuzione con Orsi

Ti può anche interessare

Borse europee riducono le perdite a metà giornata, Bbva affonda

Dopo la pesante apertura le borse europee tentano un recupero, guidato dalle blue chip del settore f ...

Wall Street potrebbe migliorare i suoi massimi nelle prossime settimane

WALL STREET PRONTA A RIPARTIRE? – Wall Street potrebbe essere alla vigilia di un nuovo balzo, ...

Bill Gross: attenti ad alzare i tassi, per gli Usa potrebbe significare recessione

GROSS: ATTENTI AD ALZARE I TASSI – Bill Gross, celebre gestore americano responsabile dei fond ...