Morgan Stanley: crescita più duratura ma più debole

A
A
A

Secondo la banca d’affari americana la ripresa mondiale, in atto da 5 anni, durerà almeno altri 5 anni grazie al “denaro facile” erogato dalle banche centrli. Ma resterà debole

Luca Spoldi di Luca Spoldi8 settembre 2014 | 14:03

CRESCITA PIU’ DURATURA – Gli analisti di di Morgan Stanley vedono una ripresa dalla grande recessione che potrebbe potenzialmente durare fino a un decennio. Merito in gran parte del “denaro facile” che le banche centrali continuano ad iniettare nel sistema finanziario mondiale. In una nota “contrarian” alla visione corrente il capo economista Joachim Fels scrive che “mentre l’espansione è già vecchia di cinque anni, potrebbe facilmente estendersi per altri cinque”.

MENO VIGORE DELLE ATTESE – Il bicchiere è però mezzo vuoto: per Fels a costringere le autorità a mantenere o prendere in considerazione ulteriori stimoli sarebbe infatti una crescita che si manterrà più debole di quanto auspicato. Fels  ha infatti limato le sue previsioni riguardo la crescita mondiale a fine anno al 3,1% (dal precedente +3,2%), al +3,5% nel 2015 e al +3,8% nel 2016. Insomma: una crescita più duratura del previsto ma meno vigorosa di quanto ci si aspettava e di quanto sarebbe forse necessario.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Usa: la Federal Reserve alzerà i tassi già la prossima settimana, poi a fine anno

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

Fallimenti in calo, anche in Italia, nel 2016

Inflazione al 2,3% in febbraio in Gran Bretagna, che farà la Bank of England?

Usa, la ripresa resta solida e la Fed può alzare i tassi

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

Pwc: entro il 2050 Italia fuori dal G-20, Russia prima economia europea

Produzione industriale in frenata, anche i tedeschi fanno festa a Natale

Crescita Usa sempre più robusta: Wall Street positiva, deboli i T-bond

Wall Street resta di cattivo umore nonostante buoni dati macro

Crescita Usa rallenta: Pil +1,9% nel quarto trimestre 2016

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Petrolio in allungo, Saipem ringrazia

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Natale 2016 fa bene a Home Depot

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Borse europee in rialzo, brilla Unicredit

Dopo i dati macro Usa le borse restano incerte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Pil italiano ed europeo in crescita dello 0,3% nel terzo trimestre

Bank of Japan lascia invariati tassi e quantitative easing

Wall Street in recupero, il Pil Usa riaccelera nel terzo trimestre

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

Ti può anche interessare

Lme pronto a cedere clearing francese a Euronext

Lse starebbe per cedere le attività di clearing possedute in Francia a Euronext sulla base di una v ...

Axa quoterà le attività statunitensi per rafforzarsi nel core business

AXA QUOTERA’ LE ATTIVITA’ USA – Axa ha annunciato che intende procedere all’Ipo delle su ...

Credit Suisse approfondisce analisi su Intesa Sanpaolo

ULTERIORI RIFLESSIONI – In un report dedicato al titolo Intesa Sanpaolo intitolato “ulte ...