Piazza Affari, debutto “col botto” sull’Aim per Italian Wine Brands (+8,1%)

A
A
A

La società, nata dall’aggregazione di Giordano Vini e Provinco Italia, è arrivata sul listino di Borsa Italiana dedicato alle pmi tramite il veicolo “Ipo Challenger”. Ne parla con BLUERATING uno dei soci, Luca Giacometti.

di Diana Bin29 gennaio 2015 | 16:15

ITALIAN WINE BRANDS – Dopo la Spac Made in Italy 1, Luca Giacometti porta sull’Aim una nuova società: si tratta di Italian Wine Brands, prima Ipo del 2015, che ha brillantemente debuttato oggi a Piazza Affari segnando in chiusura di giornata un +8,10%  a 10,81 euro rispetto a un prezzo di quotazione di 10 euro. Nata dall’aggregazione della piemontese Giordano Vini e della Provinco Italia di Rovereto, Italian Wine Brands è sbarcata sul mercato Aim tramite il veicolo Ipo Challenger, una sorta di special purpose acquisition company “evoluta” che vede tra i suoi soci Electa Italia S.r.l., Angela Oggionni, Simone Strocchi e, appunto, Luca Giacometti.

IL VEICOLO IPO CHALLENGER – “Italian Wine Brands è per certi versi un derivato di Made in Italy 1”, ha spiegato Giacometti a BLUERATING. “Questa volta abbiamo creato un altro veicolo, Ipo Challenger, che ha raccolto 52 milioni di euro tramite un bond convertibile. Ora che gli investitori hanno acconsentito alla conversione del prestito in azioni Iwb, la società è arrivata sul listino di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese. Avrà un flottante di circa il 62% derivante dalla vendita delle quote degli attuali soci di Ipo Challenger, il 25% sarà detenuto dai soci di Giordano e il 12% dal fondatore di Provinco.

I NUMERI DELLA SOCIETA’
– Ma chi è Italian Wine Brands? “E’ una società che raggruppa il 100% di due case vinicole italiane – una B2b e una B2c – che insieme creano grandi sinergie”, ha spiegato ancora Giacometti. “Né Provinco Giordano Vini hanno delle vigne proprie, ma comprano uva e mosto dove è più conveniente, quindi sono aziende leggere, senza carichi di asset, che possono remunerare agevolmente il capitale”. Attualmente Iwb fa 140 milioni di euro di fatturato, 13,5 milioni di margine operativo lordo e 31 milioni di posizione finanziaria netta. Produce 44 milioni di bottiglie ogni anno, di cui di cui il 65% all’estero in una quindicina di Paesi, primi su tutti la Germania, l’Austria, la Svizzera, l’Olanda, la Danimarca e la Polonia.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

Ti può anche interessare

A ITForum i risultati esclusivi sul rapporto tra trader e finanza digitale

Ancora bassa la disponibilità nei confronti delle nuove piattaforme Fintech e degli intermediari no ...

Voluntary 2 col vecchio modello

Nota dell’Agenzia delle Entrate. Che precisa anche come il waiver per la Svizzera sia sempre neces ...

Mediolanum, il tesoro di lady Doris

La moglie del fondatore segna una plusvalenza di 32 milioni sulla sua partecipazione tramite T-Inves ...