Da 22,4 a 0,4 euro: l’amara storia di Mps in borsa

A
A
A

Si torna a parlare di aumento di capitale per Mps e il titolo cade. Ma i problemi per Siena datano al 2008: da allora sono stati bruciati 15 miliardi di euro di capitalizzazione

Luca Spoldi di Luca Spoldi30 gennaio 2015 | 13:14

TUTTO NACQUE NEL 2008 – In principio fu l’aumento di capitale da 5 miliardi di euro lanciato da Mps nel 2008 (per rilevare Antonveneta da Banco Santander), a fronte di una capitalizzazione ex-ante di 5 miliardi di euro. Poi arrivò il crack Lehman Brothers e la festa finì bruscamente, con lo stato chiamato in soccorso che sottoscrisse 2 miliardi di “Tremonti bond” per iniettare mezzi freschi. Successive svalutazioni richiesero nel 2011 il lancio di una nuova ricapitalizzazione per 2,15 miliardi per rimborsare proprio i “Tremonti bond”, che però vennero sostituiti, nel 2012, da 4 miliardi di “Monti bond” (2 miliardi per rimborsare i precedenti titoli, 2 miliardi per rafforzare il capitale della banca).

15 MILIARDI BRUCIATI IN POCHI ANNI – Nel 2014 arriva un nuovo aumento di capitale, inizialmente stimato in 3 miliardi ma poi portato a 5 miliardi per consentire il rimborso per cassa di 3 dei 4 miliardi di “Monti bond”. Infine la previsione di un ulteriore aumento da massimi 2,5 miliardi nel 2015, per ottemperare alle richieste di rafforzamento del capitale emerse dopo gli stress test della Bce e rimborsare i residui “Monti bond”. Ma anche questi potrebbero non bastare e salire a 3-3,5 miliardi. Nel frattempo la capitalizzazione di Mps in borsa è crollata a 2,2 miliardi. Come dire che di 17,15 miliardi di euro di valore tra il 2008 e oggi (quindi non tenendo conto dell’aumento in arrivo nei prossimi mesi) la banca senese ne ha finora bruciati poco meno di 15 miliard: quanto tre anni di Imu sulla prima casa, o un anno e mezzo di bonus da 80 euro per fare un raffronto sia pure improprio.

DAL 2008 A OGGI CALO DEL 98% IN BORSA – Difficile dunque dare torto agli investitori che oggi preferiscono vendere il titolo, temendo appunto un aumento di capitale superiore alle previsioni fin qui formulate e dunque ulteriormente diluitivo. In tarda mattinata Mps, su cui da un paio di giorni è scaduto il divieto di vendita allo scoperto, passa di ano a 40,66 centesimi per azione, con poco meno di 100 milioni di pezzi già scambiati. Nell’ultima settimana le quotazioni sono già calate del 15,65%, da inizio 2014 del 7,66%, sui 12 mesi del 58,29%. Rispetto ai picchi storici di 22,47 euro abbondanti toccati nel maggio 2007, il crollo è stato superiore al 98%. A volte il mercato è un crudele maestro.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

La Brexit aumenta il fascino di Francoforte, ma Londra resta la capitale della finanza mondiale

Banca Carige opta per un aumento da 500 milioni

Banche, anche in Svizzera è l’ora delle razionalizzazioni

Banche: ora tocca al dossier Stefanel

Piazza Affari corre con le banche, brilla Unicredit

L’estate 2017 potrebbe rivelarsi propizia per le banche italiane

Dopo salvataggio banche venete si sblocca anche vicenda Mps

Banche a passo di corsa in borsa, per Credit Suisse è un “happy ending”

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

Ti può anche interessare

Janus Henderson Group debutta in punta di piedi

DEBUTTO PRUDENTE PER JANUS HENDERSON GROUP – Debutto prudente a Wall Street per Janus Henderso ...

Rbs perde 6,5 miliardi di sterline, ma il titolo vola in borsa

RBS SI METTE IN LUCE A LONDRA – Royal Bank of Scotland in salita di poco meno del 7% mentre si ...

Warren Buffett ha 100 miliardi da investire, ma esita

BUFFETT HA 100 MILIARDI DA INVESTIRE – Nuovo record per Warren Buffett, ma questa volta non si ...