Da 22,4 a 0,4 euro: l’amara storia di Mps in borsa

A
A
A

Si torna a parlare di aumento di capitale per Mps e il titolo cade. Ma i problemi per Siena datano al 2008: da allora sono stati bruciati 15 miliardi di euro di capitalizzazione

Luca Spoldi di Luca Spoldi30 gennaio 2015 | 13:14

TUTTO NACQUE NEL 2008 – In principio fu l’aumento di capitale da 5 miliardi di euro lanciato da Mps nel 2008 (per rilevare Antonveneta da Banco Santander), a fronte di una capitalizzazione ex-ante di 5 miliardi di euro. Poi arrivò il crack Lehman Brothers e la festa finì bruscamente, con lo stato chiamato in soccorso che sottoscrisse 2 miliardi di “Tremonti bond” per iniettare mezzi freschi. Successive svalutazioni richiesero nel 2011 il lancio di una nuova ricapitalizzazione per 2,15 miliardi per rimborsare proprio i “Tremonti bond”, che però vennero sostituiti, nel 2012, da 4 miliardi di “Monti bond” (2 miliardi per rimborsare i precedenti titoli, 2 miliardi per rafforzare il capitale della banca).

15 MILIARDI BRUCIATI IN POCHI ANNI – Nel 2014 arriva un nuovo aumento di capitale, inizialmente stimato in 3 miliardi ma poi portato a 5 miliardi per consentire il rimborso per cassa di 3 dei 4 miliardi di “Monti bond”. Infine la previsione di un ulteriore aumento da massimi 2,5 miliardi nel 2015, per ottemperare alle richieste di rafforzamento del capitale emerse dopo gli stress test della Bce e rimborsare i residui “Monti bond”. Ma anche questi potrebbero non bastare e salire a 3-3,5 miliardi. Nel frattempo la capitalizzazione di Mps in borsa è crollata a 2,2 miliardi. Come dire che di 17,15 miliardi di euro di valore tra il 2008 e oggi (quindi non tenendo conto dell’aumento in arrivo nei prossimi mesi) la banca senese ne ha finora bruciati poco meno di 15 miliard: quanto tre anni di Imu sulla prima casa, o un anno e mezzo di bonus da 80 euro per fare un raffronto sia pure improprio.

DAL 2008 A OGGI CALO DEL 98% IN BORSA – Difficile dunque dare torto agli investitori che oggi preferiscono vendere il titolo, temendo appunto un aumento di capitale superiore alle previsioni fin qui formulate e dunque ulteriormente diluitivo. In tarda mattinata Mps, su cui da un paio di giorni è scaduto il divieto di vendita allo scoperto, passa di ano a 40,66 centesimi per azione, con poco meno di 100 milioni di pezzi già scambiati. Nell’ultima settimana le quotazioni sono già calate del 15,65%, da inizio 2014 del 7,66%, sui 12 mesi del 58,29%. Rispetto ai picchi storici di 22,47 euro abbondanti toccati nel maggio 2007, il crollo è stato superiore al 98%. A volte il mercato è un crudele maestro.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ennio e Massimo Doris: “Benvenuti nella nostra Casa”

Bnl-Bnp Paribas LB gonfia la rete

Addio all’Albo per un ex Fineco

Le sinergie accademiche di B. Mediolanum

Salviamo i risparmi in Lire, un appello al M5S

Nuova Banca Etruria vince in appello contro Consob

F&F al passo d’addio, DB Advisory Clients pensa a un tour

Consulenza a distanza, l’avanguardia firmata Südtirol Bank

Una crisi indigesta alle reti

Consulenti, meglio il portafoglio del curriculum

Che bello lavorare in Credem

Ingresso di peso per il private di IWBank

Consulenti, cresce la concorrenza di banche e Poste

Tutela del risparmio e banche, le mosse di Lega e M5S

Banche, quei dieci trend che le cambieranno

Polizze, le crepe nel mito dell’impignorabilità

Consulenza un tanto al chilo

Banche e finanza, stipendi d’oro per i top manager

Bnl, the brand must go on

Shopping per il private di Banca Profilo

Leadership digitale, Intesa batte Unicredit e Fineco

B.Generali, atto di forza nella consulenza

Il cda di Fideuram Ispb cambia faccia

Mifid 2, sfida alla burocrazia

Bail-in, risparmi degli italiani ancora a rischio

Consulenti: “sos” momenti imbarazzanti con i clienti

Fideuram Ispb, il tesoro è in Irlanda

Mifid 2 è il migliore alleato di Mediolanum

Private, sulla Svizzera c’è Intesa

La relazione nel dna delle reti

La consulenza che piace ai Millennial

Private insurance nel mirino di Ispb

Banche e reti, stipendi da favola

Ti può anche interessare

Wonder Woman sostiene i conti di Time Warner

IL CINEMA SALVA TIME WARNER – Quando hai “Wonder Woman” al tuo fianco non puoi avere molto ...

Grecia: bene il nuovo bond a 5 anni, ma la strada è ancora lunga

TASSI IN CALO PER IL NUOVO BOND – Atene è tornata sul mercato dei capitali emettendo un nuovo ...

Azimut: “Piano di acquisto completato da 1.200 colleghi”

Quasi 1.200 colleghi partecipanti al patto di sindacato hanno completato il piano di acquisto di azi ...