I gestori tornano a guardare i bond indicizzati all’inflazione

A
A
A

Tornano acquisti sui bond indicizzati all’inflazione da parte dei grandi gestori mondiali, ormai convinti che le banche centrali riusciranno a battendo il rischio deflazione

Luca Spoldi di Luca Spoldi2 marzo 2015 | 12:02

BANCHE CENTRALI BATTERANNO DEFLAZIONE – Le banche centrali alla fine piegheranno il rischio di glaciazione della crescita mondiale collegato alla perdurante tendenza deflattiva in Europa e Giappone? Sembrano esserne convinti, tra gli altri, i gestori di Pacific Investment Management Co. (Pimco), Invesco e Natixis Asset Management che secondo quanto riporta l’agenzia Bloomberg da alcune settimane sono tornati ad investire in titoli indicizzati all’inflazione. La spinta alla ripartenza, peraltro ben sotto controllo, dei prezzi dovrebbe infatti venire dal rialzo delle paghe negli Stati Uniti, in Giappone e in Germania.

INFLAZIONE SOTTO CONTROLLO A LUNGO – Non si tratta tuttavia di un grande rischio: le attese sull’inflazione futura negli Usa sono passate dall’1,04% segnato in gennaio (il minimo dal 2009) all’1,65% attuale, mentre in Germania si è passati da -0,43% a +0,19%. In parte le rinnovate attese di moderata crescita dei prezzi si devono alla stabilizzazione del prezzo del greggio attorno ad un -50% rispetto ai livelli della scorsa estate, ma anche i 10 triliardi di dollari di liquidità iniettate dalle banche centrali nei mercati mondiali negli ultimi sette anni, somma tra l’altro destinata a crescere ancora con l’avvio del quantitative easing della Bce, sembrano aver finalmente iniziato a produrre qualche reazione in termini di crescita economica.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bond subordinati Mps, come ottenere i risarcimenti

Iccrea banca, emesso bond da 600 milioni

Bank of America: attenti agli emittenti “zombie” in caso di rialzo dei tassi in Europa

Bank of America: a questi livelli è sempre più concreto il rischio “bolla”

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

Fideuram Ispb colloca un bond di Intesa Sanpaolo

Wall Street consolida i record storici dopo il nulla di fatto della Federal Reserve

Grecia: bene il nuovo bond a 5 anni, ma la strada è ancora lunga

State Street: dopo il meeting della Bce euro può flettere, bond recuperare

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

Per la Grecia è presto per tornare a emettere nuovi titoli di stato

Da Banca Leonardo un bond per puntare sull’agricoltura

Credem emette un bond da 100 milioni

Le precisazioni della Bce fanno ripartire borse e bond

Jp Morgan: sui mercati un eccesso di uniformità di vedute

Bpvi – Veneto Banca, la soluzione Intesa Sanpaolo non entusiasma tutti

State Street: rendimenti sui T-bond e dollaro visti in calo dopo ultima mossa Fed

Btp a 30 anni, nuova emissione in arrivo

Titoli di stato italiani, i rendimenti non sono adeguati al rischio

Andrew Balls (Pimco): state attenti ai titoli di stato italiani, rendonon troppo poco

Titoli di stato: la domanda spinge i rendimenti verso il basso

Btp Italia, il Tesoro riacquisterà 3 miliardi della quinta emissione

Btp Italia: quasi 8,6 miliardi collocati dell’undicesima emissione

Bond: tassi in lieve rialzo in Europa, ma calano gli spread contro Bund

State Street: puntate su euro, bond e borse europee ma attenti alla volatilità

Euro, borse e bond in rialzo grazie ai risultati delle elezioni francesi

Goldman Sachs: consigli tattici per chi investe in bond

Coeure: tassi a breve negativi, non dipende dalla Bce

Il Kenya è il primo Paese al mondo a vendere bond solo su mobile

Campari in rialzo, Goldman Sachs e Barclays migliorano target price e giudizi

Societe Generale lancia un’obbligazione in dollari

Il bond di Azimut fa il pieno in un giorno

Azimut, per il bond rendimento attorno al 2,25%

Ti può anche interessare

Con Opstart si investe nella realtà virtuale

Sulla piattaforma di equity crowdfunding Opstart – uno tra i principali punti di incontro nazional ...

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

JOHN CRYAN SPERA IN TASSI PIU’ ALTI – Non è più solo la Bundesbank a premere affinchè ...

Mps soffre ma non crolla nel dopo referendum

MPS IN FORTE AFFANNO – Come ampiamente previsto la bocciatura della riforma costituzionale fa ...