Promotori, ecco la nuova superFideuram

A
A
A

Una holding con sotto 3 marchi: Fideuram, Sanpaolo Invest intesa Private Banking. Prima Colafracesco, poi Molesini. Il ruolo di Chioatto.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino31 marzo 2015 | 06:00

NASCE FIDEURAM INTESA PRIVATE – Accelera la nascita della nuova divisione private banking della banca milanese guidata da Carlo Messina. A capo della struttura vi sarà una holding, di prossima costituzione e imminente autorizzazione da parte di Banca d’Italia, che porterà il nome di Fideuram Intesa Private Bank, dando così vita alla prima private bank italiana con asset in gestione per oltre 180 miliardi di euro. Al di sotto della holding continueranno a esistere i tre marchi attualmente esistenti e che rappresentano le tre realtà oggetto dell’integrazione: Banca Fideuram, la controllata Sanpaolo Invest e Intesa Sanpaolo Private Banking (IspPB).

I RUOLI – La holding avrà una forte funzione di coordinamento e di raccordo, ma la persistenza dei tre marchi mostra che è stata superata l’idea di una fusione secca che avrebbe comportato frizioni e, soprattutto, la possibile insoddisfazione dei promotori finanziari e private banker delle tre realtà coinvolte. Del resto le fasce di clientela servite sono lievemente diverse da una rete all’altra e i numeri di advisr sono diversi: 5.400 per Banca Fideuram e 750 per IspPB. Futuro presidente della holding sarà Matteo Colafrancesco, attualmente a.d. e d.g. di Banca Fideuram e vicepresidente di Isp che guiderà l’accorpamento fino a luglio e poi passerà la palla al più giovane Paolo Molesini, attualmente direttore generale e amministratore delegato di Isp.

ANDREA CHIOATTO – Fondamentale pedina di questa scacchiera in movimento è Andrea Chioatto, responsabile dell’area governo operativo: cioè l’uomo-cerniera dell’operazione Fideuram – Intesa Private Banking. Chioatto è un fedelissimo di Messina, a lui molto legato: non è difficile immaginare per lui una funzione importante nella nuova holding. Messina, dal canto suo, ha già annunciato che parte di questa nuova divisione potrà essere quotata.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Fondi, Gross delude a Janus

Fondi, addio alle 3 regine

Consulenti, Banca Ipibi lascia Assoreti

“Voluntary disclosure”, le pratiche accelerano

Promotori, Gerardini in Finanza & Futuro

Voluntary disclosure, proroga in due tempi

Hedge, Busson migliora Gottex

“Voluntary disclosure”, meno di 20.000 domande

Antiriciclaggio: ecco le nuove regole

Campora (Allianz): gestire il cliente “ibrido”

Quel 60% deve far paura a promotori e private

Private banking, Albertini Syz in crescita

Azimut pesca l’asso Latini

“Voluntary disclosure” per gli anni prescritti

Private banking, Santander Italia migliora

Fondi, Arpe festeggia con Sator

Promotori, 2 tappe per Sol&Fin

Superfideuram, fatta la squadra

“Voluntary”, il Fisco alza la posta

Superfideuram, benedizione di Draghi

Giuliani (Azimut): l’Italia può anche colonizzare

Private Banking, Ubs Italia corre

Promotori, la lezione Vanguard-Pimco

Banca, 2 top manager per Bpvi

Fideuram, Colafrancesco presidente

Fondi, il “guru” Gross è deludente

“Voluntary disclosure”, intoppo “waiver”

Fondi, regalone Pioneer a UniCredit

Fondi, Kairos diventa banca

Promotori, elezioni Anasf pronti via!

Azimut, il mistero di BlackRock

Voluntary disclosure, il peso dell’Iva

Fondi, BlackRock ha il mal di testa

Ti può anche interessare

Piazza Affari sale tifando Hillary Clinton, bene Azimut e Mps

Scatto finale per Piazza Affari che così chiude in rialzo in attesa dell’esito della sfida per la ...

Bper Banca accelera, si avvicina acquisto quote in Arca Sgr

BPER BANCA ALLUNGA IL PASSO – Bper Banca in allungo a Piazza Affari, dove il titolo si avvicin ...

Piazza Affari, crollano nel semestre capitalizzazione e volumi scambiati

In relazione al Pil, la capitalizzazione della Borsa milanese è scesa al 25,8% del 30 giugno scorso ...