Fine mese contrastato in Asia, Milano parte bene

A
A
A

Chiusure contrastate in Asia dove pesa la chiusura dell’esercizio fiscale 2014-2015 in Giappone e qualche incertezza sullo scenario macro. Parte bene Milano in attesa di novità

Luca Spoldi di Luca Spoldi31 marzo 2015 | 08:36

PIAZZA AFFARI AVANTI PIANO – Milano parte in punta di piedi e dopo il rally di ieri si limita a consolidare le posizioni, in attesa di novità per quanto  riguarda i colloqui tra Ue e Grecia e tra Usa e Iran. Dopo un’ora abbondante di lavoro l’indice Ftse Mib segna +0,25%, il Ftse Italia All-Share sale dello 0,26% mentre il Ftse Italia Star guadagna l’1,58%.

TOKYO CHIUDE IL 2014 FISCALE CON UN CALO – In mattinata a Tokyo l’indice Nikkei225 aveva chiuso l’ultimo giorno dell’esercizio fiscale 2014-2015 in calo a 19.206,99 yen (-1,05%) dopo che il governatore della Bank of Japan, Haruhiko Kuroda, ha avvertito che l’inflazione potrebbe scendere sotto zero nei prossimi mesi a causa dell’andamento delle quotazioni del petrolio. In modesto rialzo Hong Kong (+0,18%), mentre Shanghai (-1,02%) è tornata a scendere per prese di profitti scattate dopo che l’indice a inizio seduta aveva toccato il nuovo massimo a sette anni.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

Rimosso Yao Gang, il re delle Ipo cinesi: era corrotto

Cina, prima condanna per manipolazione dei mercati tramite lo speed trading

State Street: rendimenti sui T-bond e dollaro visti in calo dopo ultima mossa Fed

Qatar isolato dopo attentato londinese

Seul testa sistema di pagamento digitale per polizze sanitarie

S&P Global Ratings: la volatilità è destinata a rimenere alta sugli emergenti

Scandalo 1MDB, le autorità di Singapore fanno scattare le prime sospensioni

6 titoli asiatici ad alto dividendo che piacciono a Barron’s

Yuan in recupero sul dollaro, borse asiatiche emergenti positive

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Asia: nel 2017 ci si attende un aumento dei fallimenti

Source: il 2017 sarà positivo ma volatile, occhio a bond emergenti e dollaro

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Petrolio troppo a buon mercato, l’Arabia Saudita deve emettere bond

Cina: è tempo di raffreddare la bolla immobiliare?

Cina: il Pil sale del 6,7% nel terzo trimestre

Mercati emergenti, la settimana si preannuncia volatile

Fitch Ratings: paesi sviluppati tornano a frenare, meglio gli emergenti

Fitch Ratings: Brasile in recessione anche quest’anno

Mosca torna a parlare con Kiev dei bond finiti in default

Torna la voglia di mercati emergenti, in Europa brillano Milano e Madrid

G20 di Hangzhou, per Pechino un successo solo a metà

Israele lascia i tassi invariati per il 19esimo mese consecutivo

Axa vuole crescere ancora in Cina

Cala il rendimento del fondo sovrano di Abu Dhabi

Turchia: Goldman Sachs invita alla prudenza

Arabia Saudita valuta lancio emissioni obbligazionarie

Un minuto da panico per i future sulle borse cinesi

Tassi ai minimi storici in Australia

Source: si può tornare a guardare ai mercati cinesi

La Cina frena ancora: Pil primo trimestre 2016 a 6,7% annuo

Petrolio: l’Opec lima stime su domanda e potrebbe tagliare ancora

Ti può anche interessare

Poste Italiane si scalda in vista della trimestrale di inizio agosto

POSTE ITALIANE ALLUNGA IL PASSO – Anche Poste Italiane sembra apprezzare l’avvio della stagi ...

Prelios rimbalza, Mediobanca ha concluso le sue attività

PRELIOS RECUPERA TERRENO – Torna a salire Prelios, che a inizio pomeriggio oscilla sugli 11,2 ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con gli interessi

La risposta esatta alla domanda pubblicata lunedì, a proposito del rendiconto degli strumenti finan ...