La crisi turca non vede segnali di miglioramento

A
A
A

Anche la crisi turca non vede miglioramenti per ora: la lira ha già perso il 16% da inizio anno, la fiducia di imprese e famiglie cala al pari degli investimenti esteri in bond turchi

Luca Spoldi di Luca Spoldi6 agosto 2015 | 09:47

TURCHIA SEMPRE PIU’ IN CRISI – Se Atene piange, Ankara non ride di certo. Finora la lira turca ha perso il 16% contro dollaro da inizio anno (il calo più marcato dal 2001) e le cose non sembrano destinate a migliorare tanto presto, mentre famiglie e imprese hanno aumentato la percentuale di depositi in valuta estera al 43% del totale dei depositi, un livello che non si toccava da oltre dieci anni secondo gli ultimi dati ufficiali rilasciati dalle autorità bancarie e di mercato turche. Del resto a distanza di due mesi dalle inconcludenti elezioni del 7 giugno scorso i partiti turchi non sono ancora riusciti a formare una coalizione in grado di dare un governo al paese, mentre crescono i timori per la sicurezza legata agli scontri in atto con la minoranza curda e con l’Isis ai confini con la Siria.

LE TENSIONI ALLONTANANO GLI INVESTITORI – Un conflitto, quest’ultimo, che vede Ankara in una doppia veste di avversario del movimento integralista ma anche, secondo le accuse rilanciate di recente dal presidente russo Vladimir Putin, di suo neppure troppo segreto sostenitore indiretto, in quanto Isis e curdi sono a loro volta impegnati in scontri sul terreno. Tutto questo non fa che aumentare i timori degli investitori internazionali, che sono risultati venditori netti per 4 miliardi di dollari di titoli di stato turchi da inizio anno, il massimo dal 2013, portando i rendimenti sul bond a 2 anni all’1,96%, il livello più elevato tra i venti principali mercati emergenti.


Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Sterlina in calo dopo via libera parlamento inglese a legge Brexit

Sterlina a picco, pesa timore “hard Brexit”

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Bitcoin sopra i mille dollari per la prima volta da 3 anni

Lira turca al tappeto, Erdogan vuole tassi bassi il mercato si attende un rialzo

Sterlina sempre sotto pressione, il mercato vede rischio “hard brexit”

Sterlina cola a picco per i timori legati alla Brexit

Banca nazionale svizzera resta alla finestra, pronta ad agire sui cambi

Transferwise trasferisce mensilmente circa 800 milioni di sterline

Sterlina cala di minimo in minimo, nonostante la Bank of England

I contraccolpi delle crisi in Inghilterra e Italia arrivano fino inAsia

Sterlina sempre più volatile con l’avvicinarsi del referendum inglese

Il referndum sulla Brexit offre opportunità di trading sulla sterlina

Israele mantiene invariati i tassi ufficiali

La “Brexit” si allontana, la sterlina recupera terreno

Tassi ai minimi storici in Australia

Sterlina in calo anche oggi, Brexit sempre meno improbabile

Pechino riduce la riserva obbligatoria per le banche

Sterlina in calo, il sindaco di Londra fa il tifo per la Brexit

La Svezia porta i tassi ufficiali a -0,5%

Goldman Sachs: quanto peserebbe Brexit sulla sterlina

Cina: riserve in valuta estera in calo nel 2015

Pechino svaluta ancora, i listini asiatici affondano

Norges Bank taglia ancora i tassi

Cina, le riserve valutarie sono in calo

Qualche sorpresa nel “supergiovedì” della Bank of England

Hong Kong multa Bnp Paribas

Tassi fermi sulla sterlina

La Svizzera non tocca i tassi ma taglia le stime

Anche Tailandia e Corea tagliano i tassi

Pechino vuol crescere del 7% quest’anno

Euro debole, lo yuan potrebbe imitarlo a breve

Ti può anche interessare

Start-up, a Roma un convegno per gli appassionati

Convegno gratuito proposto da Aiaf, l'Associazione italiana degli analisti e consulenti finanziari, ...

Blueindex: corre Gam, cade Legg Mason

GAM DAVANTI A TUTTI – Gam Holding, Old Mutual e Banco Bpm sono state ieri le tre sole componen ...

Jupiter rafforza il team italiano con Manzi

Con oltre 15 anni di esperienza nel settore, Erick Manzi contribuirà a sviluppare ulteriormente ed ...