“Voluntary disclosure”, rinvio in due fasi

A
A
A

Doppio binario per far perfezionare le domande e catturare i ritardatari: proroga tecnica a dicembre e riapertura dei termini.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino4 settembre 2015 | 06:26

LA PROROGAProroga tecnica e riapertura termini per la “voluntary disclosure”. È il pacchetto che stanno mettendo a punto Ministero dell’economia e Presidenza del consiglio dei ministri per non perdere il treno del gettito della collaborazione volontaria. Il programma di riemersione dei capitali all’estero scadrà il 30 settembre prossimo. La proroga tecnica consentirà di mantenere aperta la finestra del rientro fino a dicembre 2015, ma solo per il perfezionamento delle istanze che dovranno comunque essere presentate entro il 30 settembre. Dopo la chiusura ufficiale si riapriranno i termini fissando un termine lungo anche di un anno (settembre 2016), c’è chi addirittura azzarda a ridosso di scadenza, il 2 ottobre, ma con degli aggravi per rendere ai ritardatari la procedura di rimpatrio più onerosa rispetto a chi si è, al contrario, mosso per tempo.

GLI INTOPPI
– La richiesta di proroga ormai è unanime da parte dei professionisti alle prese con una vera corsa contro il tempo. Non è, in questo caso, un ridursi all’ultimo minuto. Gli intoppi di natura tecnica sono stati tanti sulla strada della predisposizione normativa della voluntary disclosure, uno fra tutti, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il 18 agosto del decreto legislativo sulla certezza del diritto, con la norma sul raddoppio dei termini, indispensabile per valutare su quali anni preparare la domanda se su 8 o 4 anni. Ecco dunque che i professionisti vorrebbero sapere già ora a che destino andare incontro.

LA GRANDE INCOGNITA – Il gettito voluntary è una grande incognita. Non è stato previsto nulla se non un euro, ma gli incassi potrebbero essere una boccata d’ossigeno per le voci che stanno componendo la legge di Stabilità. Inoltre sono capitali che, una volta regolarizzati, forniranno delle entrate permanenti in quanto contribuiranno al pagamento delle tasse. L’Agenzia delle Entrate sta monitorando attentamente il flusso delle istanze di queste settimane. Dopo la pubblicazione del testo sul raddoppio dei termini infatti le domande hanno subito un’impennata e hanno superato quota 10.000. L’aggravio allo studio per la riapertura dei termini potrebbe essere quello di consentire all’Agenzia di poter accertare gli anni che al 31 dicembre 2015 andrebbero prescritti consentendo però di poter far rientrare nella procedura di voluntary anche il 2014.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

In arrivo la Voluntary 3

Voluntary flop

Voluntary Bis: colpo di reni per evitare il flop

Sanatoria per le liti pendenti

Rischio flop per la voluntary disclosure

Voluntary bis, gli effetti (possibili) dell’accordo Italia-Svizzera

La Voluntary bis scalda i motori

Voluntary 2, domani si parte

Voluntary bis, ecco le norme per il contante

Voluntary bis, pronto il modello definitivo

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Voluntary 2, cassette anonime nel mirino svizzero

“Voluntary 2”, imposta media di 37mila euro

Voluntary 2 col vecchio modello

La “Voluntary 2” è già partita

Voluntary bis, si parte

Voluntary bis, sanzioni invariate

Voluntary 2 allungata di 12 mesi

Voluntary disclosure, primo no al raddoppio dei termini

La “Voluntary” non sbaglia un colpo

Voluntary 2, si parte l’1 luglio

Voluntary, ci sarà il bis

Voluntary disclosure, istanze pendolari

Voluntary disclosure verso il bis

Voluntary, accertamenti col turbo

Voluntary, si studia il bis

Voluntary disclosure, ultimo giorno per la proroga tecnica

Voluntary Disclosure, mini-rinvio

“Voluntary disclosure”, ultimo sprint

Voluntary disclosure ai supplementari

Voluntary disclosure, 130mila istanze

Voluntary disclosure: gettito intorno ai 3,8 miliardi di euro

Voluntary, l’ufficio è a scelta

Ti può anche interessare

Fca prosegue la sua corsa, nuovo record storico in borsa: 13,5 euro

FCA SEGNA NUOVI RECORD IN BORSA – Nuovo record di ogni tempo per Fiat Chrysler Automobiles, ch ...

Investire in gioielli, modelli a confronto nel convegno con Banca Finnat

Il 26 giugno in Borsa l'appuntamento "L'imperativo della crescita: modelli e risorse a confronto nel ...

Consulenti finanziari, training class: mettetevi alla prova con la prova valutativa

La risposta esatta alla domanda pubblicata ieri, a proposito degli intermediari, era quella contradd ...