Startup: il meglio per il comparto della “food delivery” è già alle spalle?

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi29 agosto 2017 | 10:48

FOOD DELIVERY AD UNA SVOLTA – Il settore della consegna a domicilio di generi alimentari, “food delivery”, piace non solo agli investitori ma anche ai colossi della “new economy” a stelle e strisce come Amazon e Uber, che paiono intenzionate a lanciare un guanto di sfida alle startup che negli ultimi anni hanno rivoluzionato il settore. Secondo una classifica stilata società di ricerche PitchBook Platform, al momento il gruppo tedesco Delivery Hero, sbarcata sul listino di Francoforte lo scorso 30 giugno dopo aver raccolto quasi un miliardo di euro in fase di collocamento e a cui fanno capo Foodora e Hungryhouse, resta il leader di settore con una valutazione di 4,5 miliardi di dollari.

L’ARRIVO DI AMAZON E UBER PREOCCUPA LE STARTUP – Alle sue spalle per ora si trova l’americana Instacart (3,4 miliardi di dollari), davanti alla britannica Just Eat (2,1 miliardi di dollari di valore), alle statunitensi Grubhug (2 miliardi) e Blue Apron (da poco sbarcata a Wall Street sulla base di una valutazione di 1,9 miliardi di dollari, molto meno dei 3 miliardi inizialmente previsti), all’olandese Takeaway.com (1,1 miliardi), alla britannica Deliveroo (1 miliardo) e alle statunitensi Postmates (751 milioni) e Doordash (717 milioni). L’acquisizione di Whole Foods (finora legata da accordi commerciali con Instacart) da parte di Amazon e l’interesse anche di Uber per il settore hanno già iniziato a mietere vittime, con la chiusura di Take Eat Easy, Kitchit, Kitchensurfing, cui si sono aggiunte nei mesi scorsi Maple e Sprig.

I FONDI VENTURE PREMONO PER USCIRE – Dopo aver investito 5,7 miliardi di dollari dal 2015 a oggi, i fondi di venture capital (che nella prima parte dell’anno hanno investito altri 750 milioni di dollari circa) sembrano aver raffreddato il proprio entusiasmo e voler ora trarre profitto dagli investimenti fatti, uscendo il più rapidamente possibile. Non è una coincidenza che già a settembre HelloFresh (che tra i suoi investitori ha la tedesca Rocket Internet, cui fa capo anche Delivery Hero) potrebbe cercare di sbarcare sul listino sulla base di una valutazione attorno ai 2 miliardi di euro. Quello che ora in molti si chiedono è se investire in una società di food delivery si rivelerà un affare anche per chi ne acquisterà i titoli una volta quotati.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn2Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Decolla il mercato italiano del venture capital

Le criptovalute piacciono anche all’ex trader di Credit Suisse

LVenture Group punta su Vikey per entrare nel settore delle case vacanza

Intesa Sanpaolo porta l’acceleratore di startup a Hong Kong

Mini imprese crescono e provano a diventare startup

LVenture Group passa alla cassa con Netlex e vola in borsa

Mastercard guarda al futuro con le startup dedicate all’intelligenza artificiale

LVenture tira il fiato, ma i risultati piacciono a Mediobanca

Deutsche Bank apre un Innovation Lab a New York

Goldman Sachs offre lavoro a chi sa sviluppare un robo-advisor

Deutsche Börse punta negli investimenti Blockchain e A.I.

Digital Magics festeggia il tutto esaurito dell’aumento di capitale

FinTech, 10 comunity da seguire su Facebook

Digital contest: al via la seconda edizione del Digital360 Awards

Visa lancia la prima Everywhere Initiative in Europa

L-Venture frena a Piazza Affari, intanto Luiss Enlabs lancia nuova call

Crescita record per le startup italiane: sono raddoppiate rispetto al biennio precedente

LVenture si mette in luce a Piazza Affari

Bnp Paribas raddoppia la spesa per il digitale a 3 miliardi

Bnp Paribas raddoppia la spesa per il digitale a 3 miliardi di euro

Klarna compra la tedesca BillPay

Fintech e digital payment significano occupazione. Ma…

Insurtech: gli investimenti vanno alla grande

Il Fintech europeo chiude il 2016 con investimenti oltre il miliardo

Diogital Magics sigla partnership con Withfounders e Innogest

Le 6 migliori startup Fintech asiatiche del 2016

Digital Magics in rialzo dopo annuncio alleanza con Multiversity

Banco Popolare e Digital Magics: 1 milione di euro a sostegno delle startup

Stripe raccoglie altri 150 milioni di dollari: ora vale 9,2 miliardi

La tedesca Cashboard riceve 3 milioni di euro di finanziamento

Bnp Paribas apre alle startup

Il gigante Zopa sta per lanciare una banca digitale

Italia Startup oltre i 1.800 associati, anche SeedUp tra i nuovi ingressi

Ti può anche interessare

Borse in rialzo in Eurozona, la Le Pen fa meno paura

LE PEN FA MENO PAURA IN FRANCIA – Più che la Yellen potè il sondaggio sulla Le Pen: nel più ...

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

A FINE MESE UN PRIMO ASSAGGIO – Agosto in piena attività per Rev, bad bank dove sono confluit ...

Banca Mondiale, un’obbligazione per lo sviluppo sostenibile

La Banca Mondiale ha emesso per gli investitori italiani una nuova Obbligazione per lo Sviluppo Sost ...