Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi30 agosto 2017 | 16:25

DOLLARO IN RIPRESA – Il dollaro recupera finalmente terreno, con l’euro che scivola a 1,191 allontanandosi dagli oltre 1,202 segnati ieri, mentre i T-bond perdono quota, dopo dati macro superiori alle attese che hanno riacceso negli Usa l’attesa per un prossimo avvio di un “quantitative tightening” da parte della Federal Reserve, che potrebbe giudicare la crescita economica americana sufficientemente robusta da sopportare una graduale normalizzazione della politica monetaria anche in assenza di una politica fiscale espansiva.

PIL E MERCATO DEL LAVORO MEGLIO DI ATTESE – In particolare la crescita del Pil Usa del secondo trimestre è stata rivista al rialzo al 3% nella seconda lettura preliminare, rispetto al +2,6% della stima precedente. Un risultato legato in particolare all’incremento delle spese dei consumatori e che appare in linea con l’obiettivo dichiarato dal presidente Donald Trump di rilanciare una crescita giunta ormai al suo nono anno consecutivo. Segnali positivi anche dal mercato del lavoro, con i dati Adp sugli occupati del settore privato cresciuti ad agosto di 237 mila unità rispetto ai 185 mila nuovi posti di lavori previsti dal consensus e alle 201 mila nuove posizioni di luglio (dato rivisto al rialzo dalla stima iniziale di 178 mila).

TRUMP RINNOVA SFORZI PER RIFORMA FISCALE – Da parte sua Trump ha ribadito lo sforzo per veder approvata dal Congresso la sua riforma fiscale, riforma che secondo il presidente Usa favorirà i lavoratori e la classe media “danneggiata” da un’econonmia che favorisce gli interessi “di pochi” ai danni dell’uomo comune. La reazione del mercato è una sostanziale tenuta di Wall Street, che vede gli indici oscillare attorno ai livelli di ieri, e un calo dei bond, col rendimento sul decennale americano che risale al 2,14%.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Usa: la Federal Reserve alzerà i tassi già la prossima settimana, poi a fine anno

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

Fallimenti in calo, anche in Italia, nel 2016

Inflazione al 2,3% in febbraio in Gran Bretagna, che farà la Bank of England?

Usa, la ripresa resta solida e la Fed può alzare i tassi

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

Pwc: entro il 2050 Italia fuori dal G-20, Russia prima economia europea

Produzione industriale in frenata, anche i tedeschi fanno festa a Natale

Crescita Usa sempre più robusta: Wall Street positiva, deboli i T-bond

Wall Street resta di cattivo umore nonostante buoni dati macro

Crescita Usa rallenta: Pil +1,9% nel quarto trimestre 2016

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Petrolio in allungo, Saipem ringrazia

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Natale 2016 fa bene a Home Depot

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Borse europee in rialzo, brilla Unicredit

Dopo i dati macro Usa le borse restano incerte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Pil italiano ed europeo in crescita dello 0,3% nel terzo trimestre

Bank of Japan lascia invariati tassi e quantitative easing

Wall Street in recupero, il Pil Usa riaccelera nel terzo trimestre

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

Cina: il Pil sale del 6,7% nel terzo trimestre

Ti può anche interessare

Finecobank, due colpi in Toscana

Nella struttura dell’area manager Marchetti entrano due private banker di elevato portafoglio. ...

Prelios tira il fiato dopo aver fatto il botto a Piazza Affari

PRELIOS TIRA IL FIATO – Prelios corregge in apertura di giornata a Piazza Affari, col titolo c ...

Blueindex: Schroders in luce, frena Deutsche Bank

SCHRODERS IN EVIDENZA SUL BLUEINDEX – Schroders si riporta in testa alla classifica quotidiana ...