La crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi31 agosto 2017 | 09:39

MIGLIORA SCENARIO MACRO – Lo scenario macroeconomico italiano va schiarendosi, con Moody’s che ha rivisto al rialzo le stime sulla crescita del Pil italiano per il 2017 e il 2018 a +1,3% (da +0,8% e +1% rispettivamente), dopo che già a fine giugno Standard & Poor’s aveva alzato da +0,9% a +1,2% la previsione per il 2017 (lasciando però invariato a +1% quella per il 2018).

KBW ALZA TARGET PRICE SU BANCHE – Buone notizie anche per il comparto bancario, col broker statunitense Keefe, Bruyette & Woods che ha rialzato i prezzi obiettivo delle banche italiane seguite dai suoi analisti, proprio a seguito del miglioramento del quadro macroeconomico italiano. In particolare per Unicredit (giudicata “outperform”) il target price passa da 16,62 a 18,21 euro, per Intesa Sanpaolo (“outperform”) da 3,28 a 3,36 euro e per Ubi Banca (“outperform”) da 4,56 a 4,59 euro.

PIAZZA AFFARI PER ORA RESTA TIEPIDA – Nel caso di Mediobanca (su cui il giudizio è più prudente, “market perform”) si passa da 8,85 a 9,25 euro, mentre infine Banco Bpm (“market perform”) vede il prezzo salire da 2,85 a 3,11 euro per azione. Le reazioni di borsa sono state tuttavia tiepide finora, a causa delle rinnovate tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Corea del Sud e, per il comparto bancario, del peso che i crediti deteriorati (Npl) continuano ad avere nonostante il buon numero di cartolarizzazioni avviate in questi ultimi mesi.

SOLO BANCO BPM SUPERA L’OBIETTIVO – Così stamane a Piazza Affari Unicredit oscilla appena sopra i 17 euro, Intesa Sanpaolo sale a 2,83 euro e Ubi Banca non va oltre i 3,87 euro, mentre Mediobanca rimbalza a 8,575 euro e Banco Bpm è indicato a 3,19 euro, unico tra le banche seguite dal broker americano a trattare ad un prezzo superiore al target indicato dagli analisti. Insomma: la crescita del Pil dovrebbe far bene alle banche italiane, ma dopo il consistente recupero delle quotazioni già avvenuto negli ultimi 12 mesi gli investitori sembrano voler aspettare una conferma dalle trimestrali prima di sbilanciarsi ulteriormente.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn3Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bce: Draghi accenna a discussione su QE, euro dollaro sulle montagne russe

Usa: i dati macro fanno recuperare il dollaro, in calo i T-bond

Wall Street indietreggia, le borse europee scendono

La crisi 2008-2014 ha schiantato l’Italia, il reddito d’inclusione non basterà da solo

Istat: nel primo trimestre dell’anno la pressione fiscale è aumentata

Usa: la Federal Reserve alzerà i tassi già la prossima settimana, poi a fine anno

Ocse lima previsioni crescita italiana nel 2017, stangata di fine anno più probabile?

Sterlina in calo, pesano incertezze su tassi e Brexit

Usa, la disoccupazione torna a livelli pre-crisi, le borse festeggiano

Pil Usa frena oltre il previsto: solo +0,7% nei primi tre mesi dell’anno

Fallimenti in calo, anche in Italia, nel 2016

Inflazione al 2,3% in febbraio in Gran Bretagna, che farà la Bank of England?

Usa, la ripresa resta solida e la Fed può alzare i tassi

Usa: anche l’Ism non manifatturiero corre in febbraio, la Fed alzerà i tassi?

Inflazione al 2% in Eurolandia, non succedeva dal gennaio 2013

Pwc: entro il 2050 Italia fuori dal G-20, Russia prima economia europea

Produzione industriale in frenata, anche i tedeschi fanno festa a Natale

Crescita Usa sempre più robusta: Wall Street positiva, deboli i T-bond

Wall Street resta di cattivo umore nonostante buoni dati macro

Crescita Usa rallenta: Pil +1,9% nel quarto trimestre 2016

Inflazione in ripresa in Eurolandia, ma l’Italia resta in coda

Petrolio in allungo, Saipem ringrazia

Per Rabobank la Cina resterà fonte di preoccupazioni

Natale 2016 fa bene a Home Depot

Gran Bretagna, il mercato del lavoro inizia a frenare

Borse europee in rialzo, brilla Unicredit

Dopo i dati macro Usa le borse restano incerte

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Pil italiano ed europeo in crescita dello 0,3% nel terzo trimestre

Bank of Japan lascia invariati tassi e quantitative easing

Wall Street in recupero, il Pil Usa riaccelera nel terzo trimestre

Amundi: la crisi italiana ha due colpevoli, banche e politica

Cina: il Pil sale del 6,7% nel terzo trimestre

Ti può anche interessare

Carmignac: i tecnologici sono ancora interessanti

IL SETTORE HIGH-TECH E’ ANCORA ATTRAENTE – Il settore high-tech? Resta “piuttosto attraent ...

A Piazza Affari si fa vedere Il Sole 24Ore: sarà vera gloria?

SOLE 24ORE FA SCINTILLE IN BORSA – Una inversione di tendenza o semplice rimbalzo “del gatto ...

Dopo assalti informatici Yahoo! fa uno sconto da 350 milioni a Verizon

VERIZON OTTIENE SCONTO DA YAHOO – Yahoo! fa uno sconto a Verizon. Ieri sera il principale oper ...