Voluntary, l’ufficio è a scelta

A
A
A

Oggi scade la proroga. E l’Agenzia delle Entrate spiega: si può mantenere l’istanza a Pescara o dirottarla in un’altra direzione regionale.

Andrea Giacobino di Andrea Giacobino30 novembre 2015 | 07:38

FASE DUE – L’Agenzia delle Entrate ha fatto chiarezza su un punto importante riguardante la procedura di rientro dei capitali. Per la “fase 2” della voluntary disclosure (istruttoria, contraddittorio e emissione atti) i contribuenti potranno infatti manifestare apposita richiesta se mantenere l’istanza, presentata dopo il 10 novembre, al centro operativo di Pescara o dirottarla a un’altra direzione regionale dell’Agenzia delle Entrate.

IL PROVVEDIMENTO – Il provvedimento n. 153427/2015 diffuso venerdì scorso in serata dall’Agenzia delle Entrate (leggi sotto il documento) spiega inoltre, secondo “Italia Oggi”, che nella scelta dell’ufficio voluntary, il contribuente dovrà indicare la propria disponibilità a comparire personalmente o a mezzo di rappresentanti. Il provvedimento completa il quadro delle novità applicative introdotte con la legge di conversione, n.187/2015, sulla proroga della voluntary disclosure, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 277.

MAXI CENTRO A PESCARA – La legge, assieme al termine di proroga per la presentazione delle nuove istanze, fissato a oggi lunedì 30 novembre ha infatti modificato anche l’assetto della competenza degli uffici per la disamina delle pratiche di collaborazione volontaria. Fino al 10 novembre si inoltravano alle direzioni provinciali di competenza secondo le ordinarie regole del diritto tributario. Dal 10 novembre, per venire incontro ad esigenze di tutela privacy e contenere il rischio di incompatibilità ambientali in alcune zone d’Italia, è stato individuato come maxi centro smistamento il centro operativo di Pescara.

90MILA ISTANZE – Alla vigilia della scadenza della proroga “Il Sole 24Ore” parla di 90 mila istanze presentate, il 30% delle quali per rimpatri sotto i 500 mila euro e ipotizza un incasso finale per il fisco di circa 4 miliardi di euro.

 
Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Voluntary flop

Voluntary Bis: colpo di reni per evitare il flop

Sanatoria per le liti pendenti

Rischio flop per la voluntary disclosure

Voluntary bis, gli effetti (possibili) dell’accordo Italia-Svizzera

La Voluntary bis scalda i motori

Voluntary 2, domani si parte

Voluntary bis, ecco le norme per il contante

Voluntary bis, pronto il modello definitivo

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Voluntary 2, cassette anonime nel mirino svizzero

“Voluntary 2”, imposta media di 37mila euro

Voluntary 2 col vecchio modello

La “Voluntary 2” è già partita

Voluntary bis, si parte

Voluntary bis, sanzioni invariate

Voluntary 2 allungata di 12 mesi

Voluntary disclosure, primo no al raddoppio dei termini

La “Voluntary” non sbaglia un colpo

Voluntary 2, si parte l’1 luglio

Voluntary, ci sarà il bis

Voluntary disclosure, istanze pendolari

Voluntary disclosure verso il bis

Voluntary, accertamenti col turbo

Voluntary, si studia il bis

Voluntary disclosure, ultimo giorno per la proroga tecnica

Voluntary Disclosure, mini-rinvio

“Voluntary disclosure”, ultimo sprint

Voluntary disclosure ai supplementari

Voluntary disclosure, 130mila istanze

Voluntary disclosure: gettito intorno ai 3,8 miliardi di euro

Voluntary, dalla sola Lombardia 1,8 miliardi

Voluntary disclosure, rischi penali per gli intestatari

Ti può anche interessare

Blueindex: una seduta senza segni positivi

DAL ROSSO NON SI SALVA NESSUNO – Finale di settimana totalmente all’insegna delle prese di p ...

Ubs: puntare sui mercati asiatici, ma in modo selettivo

UBS: IN ASIA CONCENTRATEVI SUGLI UTILI – Con la tensione creatasi tra Corea del Nord e Stati U ...

Piazza Affari frena: tonfo di Mps, corrono Carige, Luxottica e Fca

Scattano prese di profitto a Piazza Affari, che chiude in moderato ribasso. A pagare lo scotto maggi ...