Intesa Sanpaolo: continua l’idilio del mercato con la banca guidata da Carlo Messina

A
A
A
Luca Spoldi di Luca Spoldi1 settembre 2017 | 12:38

INTESA SANPAOLO NEI TOP PICKS DI CREDIT SUISSE – Intesa Sanpaolo in evidenza a Piazza Affari, dove il titolo guadagna stamane mezzo punto riavvicinandosi alla soglia di 2,85 euro per azione. L’istituto guidato da Carlo Messina è l’unica banca italiana inserita dagli esperti di Credit Suisse (che hanno anche alzato da 2,9 a 3,2 euro per azione il target price sul titolo) tra i “top picks” dle comparto bancario europeo, insieme a Abn Amro, Barclays, Bankia, Credit Agricole, Denske Bank e Nordea Bank.

BENE NPL, WEALTH MANAGEMENT E MARGINE INTERESSI – Merito, sottolineano gli esperti, del recupero sul fronte dei crediti deteriorati (Npl) e della decisione del management di puntare sul rafforzamento delle attività di wealth management, oltre che dell’elevata sensibilità ai tassi (un rialzo del 1% del costo del denaro consentirebbe alla banca di veder crescere di 1,1 miliardi di euro il margine netto di interessi) e dell’eccellente solidità patrimoniale (con un Cet1 del 13% Intesa Sanpaolo è tra le migliori banche europee e ben oltre il 9,25% minimo richiesto dalla Bce).

IL MERCATO APPREZZA L’OPERATO DI MESSINA – Finora il mercato mostra di apprezzare l’operato di Carlo Messina, nominato Consigliere delegato e Chief executive officer del gruppo il 29 settembre 2013; da allora infatti il titolo è salito da 1,58 a un picco di 3,56 euro nel luglio 2015, prima di ridiscendere sugli attuali 2,85 euro, con una capitalizzazione cresciuta comunque del 80% dai 26,3 ai 47,5 miliardi attuali. Soprattutto, dal luglio dello scorso anno ad oggi il titolo è rimbalzato di oltre il 71% dagli 1,68 euro a cui era ridisceso per i timori legati alla crisi degli Npl. Segno che la “cura Messina” piace agli investitori almeno quanto gli analisti.

COSA POTREBBE ANDARE STORTO – A questo punto, concludono gli esperti rossocrociati, solo un nuovo peggioramento dello scenario macroeconomico italiano, che non pare all’orizzonte, sorprese negative sul fronte della qualità del credito o nuovi tentativi di acquisizione dopo quello potenziale, ma mai concretizzatosi, di Generali, potrebbero turbare l’idillio tra Intesa Sanpaolo e gli investitori.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Sorpresa Fideuram, si riparla di quotazione

Piazza Affari tifa Padoan, ma per le banche le cose si complicano

Ti può anche interessare

Exprivia tira il fiato dopo acquisizione 81% Italtel

EXPRIVIA TIRA IL FIATO – Exprivia in calo dell’1,64% a Piazza Affari col titolo che scivola ...

Hsbc mette il turbo alla City, la trimestrale batte le attese

Hsbc in deciso rialzo a Londra, grazie ad una trimestrale con utili ante imposte rettificati e coeff ...

Petrolio sottotono nonostante i dati Usa, difficile intesa in seno all’Opec

Non si trova l’accordo sul taglio della produzione tra i paesi dell’Opec e il petrolio torna a s ...