Voluntary disclosure, ultimo giorno per la proroga tecnica

A
A
A

Solo in caso di errori o problemi tecnici si potrà effettuare di nuovo l’invio nei prossimi cinque giorni lavorativi, cioè entro l’8 gennaio.

Chiara Merico di Chiara Merico30 dicembre 2015 | 07:30

ULTIMO ATTO – Ultimo atto per la voluntary disclosure: è oggi, 30 dicembre 2015, l’ultimo giorno utile per poter inviare istanze integrative, relazioni e documentazione a corredo della procedura di collaborazione volontaria prevista dalla legge 186/2014. Come ricorda Il Sole 24Ore, la proroga è prevista dal decreto legge 153/2015, entrato in vigore lo scorso 30 settembre: il dl ha previsto infatti una proroga fino al 30 novembre per la presentazione delle domande di adesione alla procedura, e fino al 30 dicembre per l’invio delle dichiarazioni integrative, delle relazioni e della documentazione

PROROGA EFFICACE – Sulla base dei numeri comunicati dal Mef su segnalazione dell’Agenzia delle Entrate, circa la metà delle 123mila domande presentate è arrivata proprio durante il periodo di proroga. Il termine del 30 dicembre per l’invio telematico è tassativo, e l’unica prova dell’inoltro è la ricevuta di presentazione telematica, che l’utente deve scaricare anche per verificare che l’istanza non sia stata scartata a causa di problemi tecnici. In questo caso, si potrà effettuare di nuovo l’invio nei successivi cinque giorni lavorativi, cioè entro l’8 gennaio.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Voluntary flop

Voluntary Bis: colpo di reni per evitare il flop

Sanatoria per le liti pendenti

Rischio flop per la voluntary disclosure

Voluntary bis, gli effetti (possibili) dell’accordo Italia-Svizzera

La Voluntary bis scalda i motori

Voluntary 2, domani si parte

Voluntary bis, ecco le norme per il contante

Voluntary bis, pronto il modello definitivo

Voluntary bis, ecco il format della relazione di accompagnamento

Voluntary 2, cassette anonime nel mirino svizzero

“Voluntary 2”, imposta media di 37mila euro

Voluntary 2 col vecchio modello

La “Voluntary 2” è già partita

Voluntary bis, si parte

Voluntary bis, sanzioni invariate

Voluntary 2 allungata di 12 mesi

Voluntary disclosure, primo no al raddoppio dei termini

La “Voluntary” non sbaglia un colpo

Voluntary 2, si parte l’1 luglio

Voluntary, ci sarà il bis

Voluntary disclosure, istanze pendolari

Voluntary disclosure verso il bis

Voluntary, accertamenti col turbo

Voluntary, si studia il bis

Voluntary Disclosure, mini-rinvio

“Voluntary disclosure”, ultimo sprint

Voluntary disclosure ai supplementari

Voluntary disclosure, 130mila istanze

Voluntary disclosure: gettito intorno ai 3,8 miliardi di euro

Voluntary, l’ufficio è a scelta

Voluntary, dalla sola Lombardia 1,8 miliardi

Voluntary disclosure, rischi penali per gli intestatari

Ti può anche interessare

Pioneer, colpaccio di Amundi

Secondo il “FT” il gruppo francese s’è aggiudicato il risparmio gestito di Unicredit. Con un ...

Julius Baer: risultati dei primi quattro mesi positivi, ma i costi vanno ancora ridotti

PATRIMONIO GESTITO SALE DEL 6% IN QUATTRO MESI – Julius Baer ha visto il patrimonio sotto gest ...

Risparmio gestito, è il turno della direttiva Ucits V

Le norme riguardano la remunerazione del personale rilevante e le sanzioni per le società di gestio ...