Julius Baer trova l’accordo di massima col fisco Usa

A
A
A

Julius Baer annuncia il raggiungimento di un accordo di massima con le autorità Usa per chiudere la vicenda legata ad consulenze date a clienti statunitensi per evadere le tasse

Luca Spoldi di Luca Spoldi30 dicembre 2015 | 09:40

JULIUS BAER RAGGIUNGE ACCORDO COL FISCO USA – Una nota di Julius Baer Group annuncia che l’istituto svizzero ha raggiunto, come previsto, un accordo di massima col fisco americano per risolvere la controversia sorta in seguito alle consulenze fornite ad alcuni clienti americani per evadere le tasse. Già a giugno Julius Baer aveva accantonato 350 milioni di dollari in previsione della transazione.

ALL’INTESA SERVE OK DAL MINISTERO DI GIUSTIZIA – Ora la banca ha dovuto aumentare le proprie riserve da 197,25 milioni di dollari a 547,25 milioni, che saranno contabilizzati sul 2015. L’accordo, raggiunto col pubblico ministero del distretto sud di New York, dovrà essere ratificato dal Dipartimento di Giustizia americano, il cui giudizio è atteso entro il primo trimestre 2016.

Share on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Non è possibile commentare.

ARTICOLI CORRELATI

Banche, chiusure a raffica per le filiali

Anasf, Alessandrini alla guida dei Probiviri

Bnl-Bnp Paribas LB: superata quota 100 ingressi nel 2017

Arbitro per le controversie finanziarie, un primo bilancio di Consob

Banche, calano le sofferenze. Ma attenzione ai titoli tossici

Banche, Gentiloni punzecchia la Bce

Banche, così saranno quelle del futuro

Banche del territorio, un trio per tutelare i valori e gli interessi

McKinsey: “Cosa serve ancora alle banche”

Messina (Intesa Sanpaolo): npl, servono correttivi a regole Bce

Top manager di banche e digital al Summit di Saint-Vincent

Fallimenti e rivalsa sulle banche, il cliente può agire

Consob, l’Acf stoppa i ricorsi contro Bpvi e Veneto Banca

Banca Mediolanum dice la sua sull’innovazione digitale

Bankitalia: segnali di ripresa per il settore del credito

L’aumento del c/c per il fondo salva-banche è illegittimo

Cryan (Deutsche Bank) auspica tassi più alti e più fusioni e acquisizioni tra banche

Vigilanza bancaria, così cambia l’assetto dei controlli in Europa

Banche italiane, il consolidamento è partito

Dal 2007 in Europa sono scomparse 700 banche

Crediti problematici: Rev punta a collocare due portafogli di Npl tra agosto e ottobre

Hsbc, la svolta di Gulliver porta risultati

Qatar: le tensioni geopolitiche fanno defluire i capitali stranieri

Gacs, si va verso il rinnovo ma il costo potrebbe cambiare

A John Cryan serviranno anni per ristrutturare Deutsche Bank

Ubi Banca in stato di grazia a Piazza Affari: +4,34%

Reti Top, conto alla rovescia per le semestrali

Morgan Stanley: serviranno 10 anni per superare crisi Npl

Credit Suisse: i mercati già incorporano il rialzo dei tassi, ma siamo solo all’inizio

Torna l’assemblea annuale dell’Abi, banchieri a raccolta a Roma

Goldman Sachs punta sui prestiti alla clientela istituzionale Usa

Le ultime mosse sulle banche italiane convincono persino Schaeuble

Banche: oltre a Banca Carige occhio a Mps

Ti può anche interessare

Bce: tutto fermo su tassi e quantitative easing

BCE, TUTTO FERMO – Nessuna nuova, buona nuova: la Banca centrale europea (Bce) conferma come p ...

Blueindex: brillano Gam Holding e Man Group, indietro tutta Deutsche Bank

GAM HOLDING E MAN GROUP IN LUCE – Gam Holding e Man Group davanti a tutti ieri sul Blueindex, ...

Wall Street migliora ancora i record storici, T-bond in frenata

BORSE APRONO SETTIMANA IN RIALZO – Gli investitori dovrebbero esprimere preoccupazione per il ...